Adamennon + Maximilian Bloch + Dielle Green – Le Sette Porte Del Buio (BloodRock, 2020)

Avete presente quei film dell’orrore, dei quali Rosemary’s Baby è l’esponente più nobile (ma potremmo citare anche sceneggiati d’autore come Il Segno Del Comando o Ritratto Di Donna Velata), che lasciano trapelare il dubbio che, sotto la finzione cinematografica, si celi qualcosa di vero, che evochi una parte nascosta della realtà? Bene, il corrispettivo musicale di quei film è Le Sette Porte Del Buio di Adamennon. Non tiro in ballo a caso il cinema: la forma scelta dal musicista per questo disco è quella della colonna sonora per un film immaginario, espediente già sperimentato nel precedente Le Nove Ombre Del Caos, che qui trova ulteriore sviluppo in una forma più compiuta e sintetica. Nei quasi 19 minuti che occupano il lato del vinile (lasciando l’altra facciata al logo dell’artista serigrafato in bianco, rosso o viola) la narrazione è organizzata concentrandosi sui momenti più significativi ed evocativi dell’immaginaria vicenda, tagliando i tempi morti, inevitabili in una comune colonna sonora. Musicalmente i riferimenti sono chiari – si va da Fabio Frizzi ai Goblin, mentre l’influenza di Carpenter è ravvisabile più nella scelta di alcuni suoni che nelle atmosfere – ma non si arriva mai al puro citazionismo: Adamennon ha ormai assimilato questo linguaggio, l’unico in grado di dar forma a certi temi, e lo rielabora in funzione della narrazione. Il tratto più evidente de Le Sette Porte Del Buio è, a onta del genere, l’immediatezza, esaltata dai contributi vocali operistici di Maximilian Bloch e Dielle Green: per quanto il latino non sia fra le lingue più gettonate per le hit estate, vi basterà un solo ascolto per ritrovarvi a canticchiare le melodie da messa esoterica di Luce Ed Oscurità o della rockeggiante E Tu Vivrai Nelle Tenebre. Il piano e i synth disturbati di La Chiave Del Buio mettono bene in mostra le due anime del lavoro, quella analogica e quella elettronica d’antan, e di seguito l’epica Assolto Nel Nome Del Male eleva fin quasi alla possessione, sancita dalla sinistra ninnananna pianistica di La Bambola Del Diavolo. C’è giusto il tempo di godere delle secche ritmiche post-punk di Colui Che Regna Su Di Noi, che synth spettrali trascinano ben presto in territori baroque pop, prima che il nastro si accartocci sul finire del brano eponimo e ci riporti bruscamente alla realtà. Ci siamo immaginato tutto? Forse sì, ma che importa? In un tempo di incertezze e inganni anche una finzione, purché coerente, può essere utile: nei giorni in cui la sera comincia con evidenza a rubare ore alla luce, Le Sette Porte Del Buio apre il passaggio verso un nuovo pensiero magico. È quello che ci serve.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

AIPS Collective – Postcards From Italy (Oak, 2013)

L’Archivio Italiano dei Paesaggi Sonori è un collettivo di musicisti il cui intento è quello di promuovere la cultura del…

14 Jan 2014 Reviews

Read more

Psss Psss Psss – S/T (Pezzente Produzioni, 2008)

Il gruppo in questione (è un gruppo?) ha suonato quest'anno al Tago fest ma me lo sono perso, in realtà…

04 Dec 2008 Reviews

Read more

HYSM?Duo – All Impossible Worlds (Neon Paralleli, Wallace, HYSM?, Lemming…

Il duo Spataro/Fiore si rifà vivo con quello che è loro quarto album, certamente il loro più accessibile: dato un…

19 Feb 2015 Reviews

Read more

Slagr - Dirr (Hubro, 2018)

Settimo disco nella discografia degli Slagr, Dirr è opera di questo trio norvegese che si muove lungo coordinate di minimalismo…

11 Apr 2018 Reviews

Read more

Faravelliratti - Lieu (Boring Machines/Coriolis Sound, 2010)

Collaborazione che mette assieme due nomi conosciuti da molti dei nostri lettori ovvero Attila Faravelli, alla cabina di regia di…

02 Sep 2010 Reviews

Read more

Molestia Auricularum – Dissolvi (Dokuro, 2017)

Avevo un ricordo lontano di Molestia Auricularum (nome dietro cui si nasconde Federico Trimeri, bassista degli Storm{o}) risalente a un…

28 Dec 2017 Reviews

Read more

Marta De Pascalis – Quitratue (Autoprodotto, 2014)

Marta De Pascalis l’abbiamo conosciuta grazie alla compilation Burnt Circuits Kept Under My Bed, dove si segnalava con uno dei…

20 Feb 2015 Reviews

Read more

Philippe Petit - Oneiric Rings On Grey Velvet (The Extraordinary…

Rieccoci ad uno degli appuntamenti annuali con il signor Philippe Petit, che insieme a Fabio Orsi e Gianluca Becuzzi non…

22 Mar 2012 Reviews

Read more

Vialka - Plus Vite Que La Musique (Vialka, 2007)

Credo fermamente che ci siano, da qualche parte, alcuni punti fermi a cui tutti i musicisti più o meno off…

19 Feb 2008 Reviews

Read more

The Go Find - Stars On The Wall (Morr Music,…

L'anno scorso c'erano gli Electric President, quest'anno ci pensa il belga Dieter Sermeus a confezionare il disco cioccolatino del…

16 Mar 2007 Reviews

Read more

Eternal Zio + How Much Wood Would A Woodchuck… -…

Torna ciclicamente a farsi vivo il Creassant, con proposte che sfidano il torpore di questa città di provincia, dando un…

19 Mar 2011 Live

Read more

The Psychic Paramount – II (No Quarter, 2011)

Formati da 2/4 dei Laddio Bolocko, il chitarrista Drew St. Ivany ed il bassista Ben Armstrong, a cui va ad…

27 Mar 2011 Reviews

Read more

Mattin – Songbook #7 (Munster, 2018)

Arriva all’episodio numero sette la serie dei Songbook di Mattin con un disco pienamente punk nel senso concettuale del termine,…

09 Apr 2019 Reviews

Read more

Julia Kent - Character (Leaf, 2013)

Terzo disco solista per Julia Kent, che si accasa questa volta su Leaf, in un continuo crescendo di notorietà: Character…

21 Mar 2013 Reviews

Read more

Whores / Rabbits - Split 7" (Brutal Panda, 2014)

Ho sempre pensato che tra i gruppi meno facilmente "coverizzabili" ci fossero The Cure: non so perché ma ho sempre…

15 May 2014 Reviews

Read more

Green Beret - Part 1 & Part 2 (Sabbatical, 2008)

I tre berretti verdi sono stati assoldati per l'undicesima uscita Sabbatical probabilmente perché hanno le carte in regola per fare…

09 Nov 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top