Adamennon + Maximilian Bloch + Dielle Green – Le Sette Porte Del Buio (BloodRock, 2020)

Avete presente quei film dell’orrore, dei quali Rosemary’s Baby è l’esponente più nobile (ma potremmo citare anche sceneggiati d’autore come Il Segno Del Comando o Ritratto Di Donna Velata), che lasciano trapelare il dubbio che, sotto la finzione cinematografica, si celi qualcosa di vero, che evochi una parte nascosta della realtà? Bene, il corrispettivo musicale di quei film è Le Sette Porte Del Buio di Adamennon. Non tiro in ballo a caso il cinema: la forma scelta dal musicista per questo disco è quella della colonna sonora per un film immaginario, espediente già sperimentato nel precedente Le Nove Ombre Del Caos, che qui trova ulteriore sviluppo in una forma più compiuta e sintetica. Nei quasi 19 minuti che occupano il lato del vinile (lasciando l’altra facciata al logo dell’artista serigrafato in bianco, rosso o viola) la narrazione è organizzata concentrandosi sui momenti più significativi ed evocativi dell’immaginaria vicenda, tagliando i tempi morti, inevitabili in una comune colonna sonora. Musicalmente i riferimenti sono chiari – si va da Fabio Frizzi ai Goblin, mentre l’influenza di Carpenter è ravvisabile più nella scelta di alcuni suoni che nelle atmosfere – ma non si arriva mai al puro citazionismo: Adamennon ha ormai assimilato questo linguaggio, l’unico in grado di dar forma a certi temi, e lo rielabora in funzione della narrazione. Il tratto più evidente de Le Sette Porte Del Buio è, a onta del genere, l’immediatezza, esaltata dai contributi vocali operistici di Maximilian Bloch e Dielle Green: per quanto il latino non sia fra le lingue più gettonate per le hit estate, vi basterà un solo ascolto per ritrovarvi a canticchiare le melodie da messa esoterica di Luce Ed Oscurità o della rockeggiante E Tu Vivrai Nelle Tenebre. Il piano e i synth disturbati di La Chiave Del Buio mettono bene in mostra le due anime del lavoro, quella analogica e quella elettronica d’antan, e di seguito l’epica Assolto Nel Nome Del Male eleva fin quasi alla possessione, sancita dalla sinistra ninnananna pianistica di La Bambola Del Diavolo. C’è giusto il tempo di godere delle secche ritmiche post-punk di Colui Che Regna Su Di Noi, che synth spettrali trascinano ben presto in territori baroque pop, prima che il nastro si accartocci sul finire del brano eponimo e ci riporti bruscamente alla realtà. Ci siamo immaginato tutto? Forse sì, ma che importa? In un tempo di incertezze e inganni anche una finzione, purché coerente, può essere utile: nei giorni in cui la sera comincia con evidenza a rubare ore alla luce, Le Sette Porte Del Buio apre il passaggio verso un nuovo pensiero magico. È quello che ci serve.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Sonny and The Sunsets - Longtime Companion (Polyvinyl, 2012)

Il suo tramonto Sonny Smith lo racconta, ma senza mai svelarci troppo sulla separazione dalla fidanzata. Lontano da fenomeni…

17 Jul 2012 Reviews

Read more

Ripples Recordings

So che myspace per molti di voi è out e che su facebook è più facile cercare donne e uomini,…

13 May 2010 Articles

Read more

Eagle Twin - The Thundering Heard (Songs Of Hoof And…

È un vero peccato (mi verrebbe da dire un crimine) che gli Eagle Twin, che della linea evolutiva che parte…

03 Apr 2018 Reviews

Read more

Miss Massive Snowflake – 17/04/10 Esposta (Verona)

Tappa veronese per il tour italiano dei Miss Massive Snowflake, proprio mentre il tour europeo della nube del vulcano Eyjafjallajokull ci…

13 Apr 2010 Live

Read more

Quantum Hierarchy - Neutron Breed (Everlasting Spew, 2018)

Continuando sull filone death metal senza compromessi e di vecchia scuola ecco i Quantum Hierachy, (nome difficile da ricordare in…

16 Jun 2018 Reviews

Read more

VV.AA. – Pulsioni Oblique (Kaczynski, 2018)

La nascita di una nuova etichetta è sempre una buona notizia, specie se, come in questo caso, si appresta ad…

28 Mar 2018 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi - [In]visible Fields (Silentes, 2011)

Il gioco di parole che caratterizza il titolo di questo doppio CD avrebbe dovuto farci intuire che le cose non…

29 Aug 2011 Reviews

Read more

Ronin + De Curtis – 04/02/12 Interzona (Verona)

Non vale il gelo e una spruzzata di neve a tenere lontani gli afecionados da una delle prime serata live…

17 Feb 2012 Live

Read more

F:A.R./ODRZ/Mulo Muto – 28/10/2017 Spazio Ligera (Milano)

Una serata Luce Sia al sempre attento Ligera è una buona ragione per convergere su Milano, tanto più se il…

27 Dec 2017 Live

Read more

Stefan Fraunberger - Quellgeister #1 (Chmafu Nocords, 2014)

Questo disco parte dall'idea di Stefan Fraunberger di andare a suonare un vecchio organo in una vecchia chiesa al centro…

27 May 2014 Reviews

Read more

Zu - Terminalia Amazonia (House Of Mythology/Archaeological, 2019)

Ricordo, in una delle primissime versioni del sito zuism.com, forse ai tempi di Igneo, una sezione con link riguardanti lo…

14 Jan 2020 Reviews

Read more

Rock And The City - Freak è Davvero Così Chic?

Del baccano gonfiato a steroidi di carta e inchiostro chiamato new (weird) folk si comincia, complice lo scorrere impietoso delle…

01 Oct 2006 Articles

Read more

Paolo Monti - Di suoni, moti e persone

Già prima dell'ascolto e della recensione (recente) di We Were Never One macchinavo con i vertici di Dissipatio label una chiacchierata…

12 Sep 2022 Reviews

Read more

Fuzz Orchestra – Morire Per La Patria (Wallace/Boring Machines/Brigadisco e…

Tornano col loro noise '70 diversamente strumentale, cinematografico e politicizzato, i Fuzz Orchestra e, per la prima volta su disco,…

20 Dec 2012 Reviews

Read more

Claudio Rocchetti - The Carpenter (Wallace/Boring Machines, 2009)

Altre "Piccole donne crescono" e Claudio Rocchetti fra Teenage Wildlife e The Carpenter, in una vita in fuga dal tempo…

02 Jan 2010 Reviews

Read more

Club Voltaire - The Escape Theory (LaFleur, 2014)

Cinque anni fa quattro comaschi hanno fatto incontrare la loro passione per il sound della Swinging London e l'indie pop…

05 May 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top