AA.VV. – Tra(x)cce Su Eicool Sat. (Eicool Sat., 2007)

Per quanto sia rimasto relativamente perplesso nel leggere le note interne di questa compilation, tanto da pensare che Burroughs in botta da droga a confronto sia l’esponente di un pensiero lineare, questo cd raccoglie una serie di tracce ad alta godibilità firmate da nomi più o meno conosciuti/sconosciuti (almeno per me). Il taglio è in prevalenza ambientale elettronico, non a caso si mettono insieme un Teho Teardo sempre più in forma, dei 3EEM remixati in modo molto brillante, una traccia di Atrax Morgue (che a sto punto potremmo considerare il suo testamento) degli intermezzi ed una serie di sconosciuti fra cui N., Nenia, Cupio Dissolvi e Davis g.. Alcune tracce passano quasi come sottofondo, molte tengono fede alla natura simil ambientale da cui attingono, per altri si tratta di ambient di fattura post-industriale e quindi poco colore, poco “dolore” e molta resistenza, forse quelli che si discostano poco di più dal gruppone sono i 3EEM di cui comunque si percepiscono ancora distintamente sax e chitarra e tlvolta le ritmiche. Senza entrare nel merito di chi sia meglio o peggio dei singoli gruppi, senza nessun primo della classe, la raccolta è ben assemblata tanto da offrire un ascolto se non quasi omogeneo molto coerente cosa che contrariamente spesso mi frena dal godere di un sampler. Proprio per questo mi sentirei di dire che a livello di ascolto si tratti di un bel dischetto che si fa sentire senza nessun problema e senza nessuna particolare caduta di stile, perciò un plauso a chi l’ha assemblata ed alla scelta dei gruppi che spesso a livello di background credo abbiano in comune poco, più che altro l’idea rarefatta del pezzo. Per quel che concerne la trilogia filmica a cui la maggioranza delle tracce si dovrebbe riferire, non credo di aver mai sentito nessuno di questi film e pur ricercando in internet, google non mi ha portato a nessun risultato. “Last e most important” anche questo cd oltre che attestare che l’elettronica in Italia è viva, vegeta ed in discreta forma, dimostra come etichette tipo Minus Habens, Small Voices/A Silent Place non abbiano lasciato il terreno sterile e ribadiscano forte e chiaro “u cuncettu” che Puglia non è solo “Sud Sound System, Papa Ricky e tarantolati”, ma elettronica, elettronica ed elettronica!. Sit back and relax.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Nate Wooley – Columbia Icefield (Northern Spy, 2019)

Si respira da subito una particolare atmosfera estraniante in Columbia Icefield, nuovo lavoro del trombettista Nate Wooley, dove risalta un…

06 Mar 2019 Reviews

Read more

Stinking Lizaveta - 7th Direction (Exile On Mainstream/Translation Loss, 2012)

Gradevoli affondi tutti strumentali per questo terzetto di Filadelfia innamorato di una certa psichedelia tutta anni settanta (ma anche…

13 Dec 2012 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 32 (04/06/15)

Puntata numero trentadue della terza stagione di The Sodapop Fizz, Emiliano e Massimo con una scaletta al fulmicotone tra rock…

07 Jun 2015 Podcasts

Read more

Mope - S/T (Taxi Driver, 2014)

Morbidamente strumentale si presenta questa nuova uscita della genovese Taxi Driver che vanta all'interno tanto membri di Eremite quanto di…

17 Apr 2014 Reviews

Read more

Heike Has The Giggles - Sh! (Goodfellas, 2010)

Ecco gli Heike Has The Giggles, la rivelazione power punk italiana dell'anno! Voce femminile languida ma graffiante, chitarra da motocross…

09 Jun 2010 Reviews

Read more

Barn Burning - Werner Ghost Truck (Tarnished, 2007)

Barn Burning è il titolo di un racconto di Faulkner: se conoscete questo scrittore e date una occhiata al campo…

25 Feb 2007 Reviews

Read more

RD - Bodies Inspected (Luce Sia, 2020)

Dub post-atomico, apparentemente disarticolato, ma che si struttura nell'inesorabile incedere addizionando continui blip e pattern cigolanti. Bodies Inspected è il…

15 Nov 2020 Reviews

Read more

Stilema - Utopia (Hellbones, 2020)

La Hellbones è una label eclettica come poche al mondo, che spazia da Le Cose Bianche ai Barons 80 fino…

01 Mar 2021 Reviews

Read more

Stefano De Ponti - Malagrazia_________ Landfall (Luce Sia, 2018)

Dell'omonimo spettacolo Malagrazia di Phoebe Zeitgeist (ideazione e regia di Giuseppe Isgrò) metabolizziamo la colonna sonora o sarebbe più corretto…

05 Mar 2019 Reviews

Read more

Obsil - Vicino (Psychonavigation, 2011)

Esce per l'etichetta inglese Psychonavigation questo Vicino di Giulio Aldinucci, in arte Obsil, il terzo disco dopo un paio usciti…

09 Dec 2011 Reviews

Read more

Yann Novak - The Future Is A Forward Escape Into…

Yann Novak è un musicista e curatore di mostre e già dai primi minuti di questo disco lo si può…

29 Mar 2018 Reviews

Read more

Maisie - Dal diario di Luigi La Rocca, cittadino (Snowdonia,…

Maisie di Syd Barrett ha più di 50 anni ed è la figlia sghemba di suo padre. Maisie di Alberto…

06 Feb 2022 Reviews

Read more

Made In Mexico - Guerrilaton (Skin Graft, 2008)

C'è qualcuno, nel folto e preparato pubblico di Sodapop, che creda ancora in Babbo Natale? Poche mani vedo, bene. Alla…

23 Jan 2009 Reviews

Read more

Geisha Girls - Disappearing Act (Number3, 2006)

Qui facciamo sul serio. Parliamo di OC, quella vera. E dell'aria che ivi tira. Ma oltre al DawsonBrendonBrenda di turno…

09 Sep 2006 Reviews

Read more

Uncode Duello - Tre (Wallace, 2009)

Xabier Iriondo e Paolo Cantù sempre più coinvolti in un ritorno alle origini, o meglio, diciamo che il "bat duo"…

19 Dec 2009 Reviews

Read more

Rella The Woodcutter – I Know When It's Time To…

Secondo capitolo della trilogia di Rella The Woodcutter su Boring Machines (che comprende anche uno split 7" con My Dear…

11 Apr 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top