AA.VV. – Ten Years Of Secret Mixtapes Kept Under My Bed (Under My Bed, 2011)

Dieci anni di Under My Bed… a parte i ricordi e un po’ di malinconia data dal passare degli anni, c’è qui una bella compilation che celebra la ricorrenza nel migliore dei modi per una etichetta: con la musica. Stefano e Marco hanno raccolto brani di musicisti più o meno nell’orbita dell’etichetta e comunque allineati con il mood della Under My Bed. Apre Onq con La Confessione Di Lato, già in Canzoni Tutte Uguali, qui nella “UMB Edit”: difficile azzeccare una apertura migliore di questa, con il nostro impegnato in un pezzo cristallino con un teso crescendo che ci fa ancora una volta rimpiangere il suo prematuro abbandono delle scene. Segue un’altra canzone in odore dei fratelli Adams (Hood), ad opera di Lebenswelt, solista partenopeo che scopro solo adesso; il brano di My Shell è così in odore dei migliori Secret Stars e Codeine da fare arrivare quasi alle lacrime. Dopo questa terna segue il “padrone di casa” My Dear Killer che ci parla di incubi con la sua consueta e sguaiata allegria, seguito da un altro bel pezzo di Baggage Claim (che confesso di non conoscere assolutamente), sempre sulla linea d’onda della musica triste da cameretta. Chiude idealmente il lato A della cassetta (è un CD ma… con la grafica “a cassetta” disegnata da Matteo Uggeri) l’acustica mescolata con l’elettronica di Campofame (Hood medio periodo). Sul lato B aprono i Morose, forse il gruppo invecchiato meno bene di tutti, seguiti da quelli che credo siano gli unici stranieri del lotto, gli Empty Vessel Music, davvero musica da vascello vuoto alla deriva, con tanto di ispirata voce femminile e fisarmonica, non molto distante da Black Heart Procession; Andrea Rottin non mi entusiasma, mentre subito dopo è compito di un bellissimo strumentale dei Father Murphy riportare la raccolta sulla retta via: inquietudine che trasuda da ogni nota, suoni che stridono… Hymn For A Kingdom è un piccolo capolavoro. Prague si scatena con In July, pezzone in stile Centro-matic, una delle canzoni più belle di Alessandro in assoluto; a seguire i Santo Barbaro con una canzone notevole, quasi un aggiornamento agli anni duemila di Ivano Fossati. In chiusura quasi un cameo di Sparkle In Grey, con un bel siparietto malinconico e agrodolce per ukelele, acustica e violino.
Sembra davvero che tutti abbiano dato il meglio del loro meglio per questa raccolta ed i risultati si vedono eccome: un altro disco che sarebbe davvero un peccato lasciare sotto al letto.

Tagged under: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Unit Ama - s/t (Gringo, 2006)

Partire da una base molto semplice. Lavorarci sopra. Ricamare. E poi strappare tutti i fili inutili, tutti gli ornamenti e…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Menace Ruine - Cult Of The Ruins (Alien8, 2008)

Il rock non è ancora deceduto. Forse non gode di ottima salute, forse è destinato a diventare lingua morta,…

26 Dec 2008 Reviews

Read more

Three In One Gentleman Suit - Some New Strategies (Black…

Dopo il superbo Ep Battlefields In An Autumn Scenario le attese per questo nuovo album del trio modenese erano spasmodiche.…

19 Jul 2006 Reviews

Read more

Quai Du Noise - Echo Sounder (Edison Box, 2015)

Il lavoro del duo bolognese di recentissima formazione - nella più che succinta biografia si dicono nati nel 2014 -…

14 Oct 2015 Reviews

Read more

Pussy Gillette -s/t (Autoprodotto, 2021)

Austin, Texas. Brent Prager, Masani Negloria, Nathan Calhoun. Lercio rock'n'roll, grasso e con una voce, quella femminile di Masani che non ti…

05 Jan 2022 Reviews

Read more

Claudio Lugo/Esther Lamneck - GenoaSoundCard (Amirani, 2007)

Buffo, ma parlando del bel disco degli EAQuartett avevo fatto menzione delle note interne redatte da Claudio Lugo e del…

09 Oct 2007 Reviews

Read more

Midas Fall - Fluorescent Lights (Monotreme, 2013)

Sono solo in tre i Midas Fall, alt-post-progressive band inglese, ma rendono come un'orchestra in questo breve ep che precede…

10 Apr 2014 Reviews

Read more

Strength - Mind-Reader (Community Disco, 2010)

Continuando nella perseguita via dell'autoproduzione, che evidentemente paga bene per chi fa una marea di date dal vivo e che…

02 Jun 2010 Reviews

Read more

Palumbo/Tommasini - The Hunting Dog Of Bootes The Hersman (Chew-Z,…

Questo disco è quello che si suol dire una gran bella sorpresa, immagino che qualcuno di voi dirà che era…

18 Jan 2011 Reviews

Read more

Zavoloka Vs. Kotra - To Kill The Tiny Groovy Cat…

Non è bello dirlo, ma spesso leggendo titolo e nome di un gruppo dell’est verrebbe da pensare che sia arretrato…

02 Dec 2006 Reviews

Read more

Unidentified Sound Object - Unsorted Tales (Synesthesia, 2012)

Il duo composto da Matteo Milani e Federico Placidi pubblica questo Unsorted Tales, in cui fa sfoggio di grandi doti…

10 Dec 2012 Reviews

Read more

Leeza - Somewhere Out There (Afe, 2011)

Il milanese Luca Di Mattei si prodiga nella produzione di questo Somewhere Out There e lo fa con molta cura:…

10 Nov 2011 Reviews

Read more

JeanVasBrûler - Firmament Pentagramme (XcRoCs, 2009)

Firmament Pentagramme si presenta sotto forma di cd 3" e da quello che mi pare di capire dovrebbe essere un…

29 Jul 2009 Reviews

Read more

Damo Suzuki’s Network – 23/01/11 Vinile 45 (Brescia)

Torna a Brescia il vecchio kamikaze Damo Suzuki dopo l'estemporanea esibizione col duo locale dei Don Turbolento della scorsa primavera,…

23 Jan 2011 Live

Read more

Spock’s Beard - Octane (SPV/InsideOut, 2005)

Per carità, non vi inganni la pompa di benzina! Non siamo dinnanzi agli ennesimi imitatori dei Kyuss né tanto meno…

15 Sep 2006 Reviews

Read more

St.Ride - Primitivo (Niente, 2011)

Gli St.Ride sulla loro Niente records continuano a sfornare dischi e arrivano con Primitivo, che altro non è se non…

30 Nov 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top