A volte ritornano, i Peggio Punx di nuovo tra noi!

Ritornano i peggiori ragazzi con la più incontenibile foma d’energia mai uscita dal piemonte. I Peggio Punx per l’appunto. Il tre marzo prossimo si celebrerà il trentennale della band nella loro roccaforte: la grigia Alessandria. Un’occasione imperdibile per chi non c’era vent’anni fa per assaporare il più glorioso periodo dell’hardcore italico e per chi c’era l’opportunità di ritrovare tanti vecchi amici persi nel tempo e nei meandri della vita. Abbiamo fatto due chiacchiere con Marco Laguzzi (chitarra) per capire cosa ha spinto questa band di non più giovanotti a tornare insieme dopo tutto questo tempo.

SODAPOP: Sono passati trent’anni. Che senso ha il concerto dei Peggio del 3 marzo prossimo? Sarà il primo di una serie? Anticiperà del nuovo materiale a venire?
MARCO: Ne avevamo parlato già tempo fa, ma avevamo paura di essere patetici, l’occasione dei trent’anni è stata la scintilla: in realtà l’attesa che percepiamo ci commuove. Non so se continueremo: io personalmente mi sto divertendo un casino, ma bisogna essere in quattro. Il concerto sarà registrato e filmato a livello professionale e qualcosa uscirà di sicuro.

SODAPOP: (Di nuovo) son passati trent’anni. Considerata la tua esperienza musicale, come trovi cambiato il mondo di oggi rispetto ai tempi della Città E Quieta e degli altri dischi? La domanda fa esplicitamente riferimento ai testi, ai messaggi e alla poetica in generale espressa nei testi dei Peggio.
MARCO: Mi sembra, e ci sta tutto, che molte cose siano cambiate soprattutto sul modo di unire la musica e lo stare insieme, anche se non ho l’esatta percezione della scena attuale. Il fatto di essere in contatto con i ragazzi del Laboratorio Sociale che collaborano con noi nell’organizzazione del concerto mi ha fatto tornare indietro al Subbuglio di venticinque anni fa. Sugli altri aspetti, come scriviamo nella nostra presentazione i testi ci sembrano “terribilmente attuali” anche se forse il messaggio era elementare troviamo molte analogie con il mondo sel secondo millennio: “presentatori allegri modifican la vita – attori malinconici crean modelli…” sui testi comunque ci siamo, soprattutto nel secondo periodo dei Peggio Punx, differenziati dal clichè hardcore almeno della maggior parte delle band.

SODAPOP: Il 3 marzo ci saranno anche i tuoi due figli allo show dei Peggio?Peggio_2
MARCO: Certo, li collocherò con la figlia di Paolo in una posizione “sicura”.

SODAPOP: Si può essere punk a cinquant’anni?

MARCO Per me è sempre stato un concetto soggettivo. Noi comunque eravamo “punks” provinciali diversi da quelli “metropolitani”, volevamo e vogliamo bene alla mamma… L’importante credo sia non rinnegare niente. Le esperienze servono, ma in realtà tutto muta: bisogna adattarsi, mantenendo vivi certi valori.

SODAPOP: La politica, la musica e la tua vita. Come si sono intrecciate insieme le cose in tutto questo tempo?
MARCO: Come in un film con una trama circolare… A volte ritornano. La politica ultimamente mi ha saturato, non ho mai pensato che fosse una questione per puri ma, non per luogo comune, abbiamo superato qualsiasi limite. Credimi, la realtà è peggio di qualsiasi fantasia. Per fortuna ogni tanto c’è qualche Guariniello che ti fa pensare che non è tutto inutile. (Eternit docet)

SODAPOP: Cosa ne pensi delle svariate ristampe del materiale dei Peggio che sono state fatte durante questi anni? Ti sembra rendano merito alla vostra musica?
MARCO: Certo, fa piacere e dobbiamo ringraziare tutte quelle persone che hanno permesso di far rimanere viva la nostra esperienza.

SODAPOP: Alberto (Pisani, il cantante) è sempre pazzo? Fa sempre il postino e soprattutto, è sempre “una dissoluta forchetta”?
MARCO: Si, ovviamente a volte non si rende conto delle sue potenzialità perchè fondamentalmente è un sognatore pigro, ma è un grande animale da palcoscenico e un discreto poeta. Peccato sia rimasto, come diciamo dalle nostra parti, un bastian cuntrari. Fa sempre il postino e il pescatore, come forchetta mi sembra si sia dato dei limiti sopratutto in vista del concerto.

SODAPOP: Ma poi, ci hanno ucciso al suono della nostra musica?
MARCO: Il problema è che ci stanno massacrando e nessuno ha più voglia di fare musica… In giro si vedono “tributi “a chiunque cover band ecc. Cazzo, ragazzi un po’ di fantasia: abbiamo qualcosa da dire e da creare o no?

Peggio_3SODAPOP: Ora una domanda, paradossalmente seria. Uno dei miei cavalli di battaglia e lo penso fermamente e con tutto me stesso è che, secondo me, “il miglior hardcore di tutti i tempi sia stato fatto in piemonte”. Che ne pensi di questa mia “ossessione”?
MARCO: Sul vino la toscana puo’ darci del filo da torcere, ma sull’hardcore penso non ce ne sia per nessuno (Indigesti, Negazione, Peggio e altri…)

SODAPOP: Che musica ascolti oggi? Come ti poni quando le vecchie glorie si riformano e passano in tour in italia? Mi riferisco a Bad Brains, Scream ecc ecc…
MARCO: Mi rendo conto che il modo di ascoltare musica è completamente cambiato. Fare un disco può essere solo una testimonianza: per la musica ci sono ormai altri canali e volenti o no bisogna cercare di adattarsi. Il web ha cambiato tutto. E’ positivo, bisogna solo saper scegliere. Personalmente sento un po’ di tutto: reggae per rilassarmi, anni ’70 per ballare, alternative rock, hardcore e punk per caricarmi. Non sopporto solo il latino.

SODAPOP: Quando ero ragazzino (come già ti dissi a suo tempo) ogni tanto mi chiedevano se (per presunta somiglianza) eravamo fratelli. Ovviamente io ci sballavo e non nego di aver mentito qualche volta… Ora purtroppo non succede più. Hanno forse iniziato a chiederlo a te di me 🙂 ?
MARCO: Ultimamente mi hanno chiesto se ero lo “zio” di Giorcelli… Sarò invecchiato.

SODAPOP: Grazie fratello 😉 Ci vediamo il 3 marzo per festeggiare.
MARCO: Ciao, ti abbraccio. A presto!

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Gregor Samsa - Rest (Own, 2008)

I Gregor Samsa tornano con un nuovo disco, dopo il bellissimo 55:12. Per fortuna non ripetono esattamente la formula con…

25 Apr 2008 Reviews

Read more

Putiferio - Ateateate (Robotradio, 2008)

Altro gruppo per il quale partivo prevenuto in base al nome e cri**o i**io non è un buon segno! Spero…

05 May 2008 Reviews

Read more

Iron Molar – DIYCD (Fucking Clinica, 2010)

Non è facile stare al passo con tutte le uscite del duo Iron Molar: fra album, split e nastri, se…

19 Sep 2010 Reviews

Read more

Massimo Volume o Massimo D'Alema?

Amico cittadino... amico bibbitaro... sai, pensavo che DJ Gruff ha indisputabilmente ragione nel dire che: "un sucker (sacher) resta sempre…

24 Jan 2011 Articles

Read more

Secret Shame - Dark Synthetics (Taxi Driver, 2020)

Ottimo goth revival per questi giovani statunitensi della North Carolina. Sembra di aprire le polverose pagine di un Rockerilla del…

24 Nov 2020 Reviews

Read more

Yann Novak - The Future Is A Forward Escape Into…

Yann Novak è un musicista e curatore di mostre e già dai primi minuti di questo disco lo si può…

29 Mar 2018 Reviews

Read more

Mattin – Songbook #7 (Munster, 2018)

Arriva all’episodio numero sette la serie dei Songbook di Mattin con un disco pienamente punk nel senso concettuale del termine,…

09 Apr 2019 Reviews

Read more

Nedry - Condors (Monotreme, 2010)

Devo ammettere di aver cercato altrove il piacere solipsistico dell'ascolto negli ultimi mesi, lontano dal clamore suscitato dalla scena dubstep…

15 Apr 2010 Reviews

Read more

Guns Are For Kids - Too Much Red Not Enough…

 Inglesi nel suono ma australiani di origini, questi Guns Are For Kids potrebbero essere il risultato dato dalla formula:…

12 Dec 2007 Reviews

Read more

Belp - Hippopotamus (SVS/Schamoni Music, 2018)

Il tedesco Sebastian Schnitzenbaumer è attivo dal 2013 con il monicker Belp e produce musica elettronica principalmente per la sua…

19 Jun 2018 Reviews

Read more

Jonathan Inc. - Lost: Time (Arctic Rodeo, 2011)

'There's a word on my lips, which I could not explain' canta jonathan Anderson in Long Gone e fa il…

25 Nov 2011 Reviews

Read more

Qui/Ultrakelvin – Split LP (Macina/Antena Krzyku, 2017)

Allarga i propri orizzonti la Macina Dischi, collaborando con l’etichetta polacca Antena Krzyku e soprattutto mettendo a disposizione degli americani…

26 Feb 2018 Reviews

Read more

Kenta Kamiyama - Side Effects (Stochastic Resonance, 2018)

In genere non amo riportare stralci dei comunicati stampa, soprattutto quando pretendono di inquadrare, non di rado banalizzandolo, quanto ci…

04 May 2018 Reviews

Read more

Extra Large Unit - More Fun, Please! (PNL, 2018)

La Large Unit di Paal Nilssen-Love è il suo personale ensamble dedito all’improvvisazione spesso molto radicale, visto i componenti che…

17 Jul 2018 Reviews

Read more

Sodapop Fizz – Anno 3 Puntata 4 (30/10/14)

Quarta puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano in diretta con l'ospite speciale Andrea Ics Ferraris che…

03 Nov 2014 Podcasts

Read more

Mechanical God Creation - Cell XIII (Aural Music, 2010)

Brutale death moderno per questo quintetto meneghino di scuola ed ispirazione americana (florida). Anche nel caso dei Mechanical God Creation,…

08 Jul 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top