3eem – Third Segment (Chew-Z, 2009)

I 3eem…fanno tre. Ad oltre due anni da Matilda tornano con un album che apre scenari inediti e quanto mai benvenuti al gruppo canavese: suoni ed intuizioni prima solo abbozzate si guadagnano ora la scena, mentre elementi del tutto nuovi si manifestano in forme già molto compiute. A licenziare il tutto la solita, attentissima Chew-Z. Quello che subito si nota, ancor prima di porre orecchio alle composizioni, è la brevità dell’insieme, che non raggiunge la mezz’ora contro le opere precedenti che privilegiavano durate decisamente maggiori. In un contesto così ristretto è inevitabile che lo spazio riservato ad alcuni elementi, che si sovrappongono a quelli abituali, venga ad assumere un significato particolare. Inizialmente ritroviamo le familiari atmosfere urbane e cinematiche, ma il sax, che prima si stendeva suadente sulle basi di chitarra e beat sintetici, ora è quasi sempre nervoso: nella narrativa Oaxac sfregia le atmosfere da pattugliamento notturno con fraseggi quasi free e quando in Slow Motion torna su registri più morbidi, come dei Franti del XXI secolo, è la base ad essere densa di sporcizia. Soluzioni che già avevamo ascoltato, ma qui, come dicevo, vengono ad assumere un peso diverso. Capita che i cambiamenti siano anche più radicali, comunque. Del tutto nuovo ad esempio è quello che ci propone Concreti: sbalzi di volume, suoni apparentemente trovati, frammenti di voci, rumori e ritmi che emergono dal nulla e prontamente vi ritornano; il sax, unico punto di riferimento, che tratteggia una melodia malinconica. È un brano che segna un passo in diagonale, contemporaneamente in avanti e fuori dal solco consueto, attraverso cui il gruppo si mette in discussione, pur senza rinunciare alla propria personalità. Nell’ottica del necessario superamento di un suono certo piacevole, ma che comincia a mostrare i suoi anni, Third Segment mette in mostra diverse possibili sviluppi, alcuni graduali, altri più radicali. E forse sono proprio quest’ultimi a convincere maggiormente.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Gianni Mimmo/Harri Sjostrom - Live At Bauchhund, Berlin 2010 (Amirani,…

Ennesimo ritorno di Gianni Mimmo, non che se ne fosse mai andato, anzi, se ci fosse anche solo una qualità…

13 Sep 2011 Reviews

Read more

H!U/Stelvio – Pulsatilla (Casetta/Subincision/Light Item, 2018)

Il percorso artistico di H!U – giunto alla quinta tappa - si fa stavolta meno solitario grazie a Stelvio, che…

09 Jul 2018 Reviews

Read more

Golden Gurls - Typo Magic (Damnably, 2013)

Non saprei dire se il nome è una storpiatura di una vecchia serie televisiva statunitense ma certo è che il…

08 Jul 2013 Reviews

Read more

Messa In Piaga - S/T (Autoprodotto, 2013)

Ennesima sbrodolatura scatologica per Hugo Bandannas ed Alessandro Scotti arrivati qui finalmente dopo mille sforzi ai minimi storici. Del…

14 Jan 2014 Reviews

Read more

Victor Bockris - Keith Richards (Omnibus Press, 2006)

Provvidenziale, questo ristampone in paperback piuttosto economico che la Omnibus sforna a 14 anni dalla prima uscita del volume originale.…

10 Dec 2006 Reviews

Read more

Le Carogne - S/T (Autoprodotto, 2011)

Un terzo di beat, uno demenziale e uno rocchenrol. Certamente il vecchio Pierpaolo De Iulis li farebbe entrare…

21 Sep 2011 Reviews

Read more

Il Buio - L'Oceano Quieto (Autunno Dischi/To Lose La Track,…

Dopo un esordio fulminante con il 12" del 2012 e il notevole 7" dell'anno scorso a conferma ulteriore dei numeri…

27 Mar 2013 Reviews

Read more

Six Organs Of Admittance - Ascent (Drag City, 2012)

Avevamo già scritto di Ben Chasny, mente dei prolifici (anche troppo dalla quantità di album in uscita: 13, disco…

18 Sep 2012 Reviews

Read more

Lady Vallens – Phemur (Second Family, 2012)

Tornano i Lady Vallens, stavolta con un disco intero, dopo l'EP che recensimmo un paio di anni orsono. Se là…

25 Jan 2013 Reviews

Read more

Merzbow – MONOAkuma (Room40, 2018)

Se un amico neofita mi chiedesse 10 dischi fondamentali per comprendere il genere noise, tra quei dieci ce ne sarebbero…

13 Dec 2018 Reviews

Read more

Compoundead – Cutting Your Certainty (Sincope, 2012)

Texture di grigi su nero sgranate, attraversate da linee e graffi, sporcate da macchie circolari. Cutting Your Certainty potremmo recensirlo…

22 Feb 2013 Reviews

Read more

Bilk - This Bilk Is Radioactive (Moonlee, 2006)

Un gruppo croato il cui disco è uscito nel 2006 su sodapop? Sono in effetti due anni che mi zampetto…

20 Feb 2008 Reviews

Read more

Bobby Soul - Draghi Rossi & Buchi Neri (Autoprodotto, 2007)

Strana compilation questa, nel senso che di solito i remix seguono gli album veri e propri, ma raramente, come in…

21 Feb 2008 Reviews

Read more

Ventura - Ultima Necat (Africantape/Vitesse, 2013)

Ennesimo mattoncino Africantape sul già alto e forte muro. A questo giro, trattasi di trio svizzero - di Losanna per…

06 May 2013 Reviews

Read more

Bill Dolan / JBe Split 7" (Sixgunlover, 2010)

Che se c'è un gruppo che non ho mai capito perchè non è capostipite di una filiazione di dei in…

20 May 2010 Reviews

Read more

Billy Torello – Ultime Notize Dalla Tartaruga, Chitarra Vol. 2…

Il fingerpicking non è una cosa nuova, tutt'altro, ma dalle nostre parti, contrariamente a quanto accade altrove, è un genere…

11 Dec 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top