Zu – Terminalia Amazonia (House Of Mythology/Archaeological, 2019)

Ricordo, in una delle primissime versioni del sito zuism.com, forse ai tempi di Igneo, una sezione con link riguardanti lo sciamanesimo e la spiritualità “altra”; col tempo il tema era passato in secondo piano all’interno dell’universo degli Zu, ma oggi ritorna in auge con questo progetto estremamente interessante, autentica musica di ricerca. È all’incirca dal 2017 che la carriera del gruppo romano sta viaggiato su due binari differenti: dal vivo il terzetto – quartetto quando si aggiunge la chitarra di Stefano Pilia – propone il consueto jazz-core che l’ha reso famoso e rispettato nel mondo, mentre le incisioni in studio sono l’occasione per esplorare mondi lontani, in libera uscita dalle costrizioni di genere. È questa seconda natura, a parere di chi scrive la più interessante, che vediamo svilupparsi nei solchi di Terminalia Amazonia, portando il discorso molto più in là di quanto un pur buon album come Jhator lasciasse supporre. Durante gli ultimi quattro anni la band, in questo caso allargata a Lorenzo Stecconi (Lento), si è recata diverse volte presso un villaggio sulle sponde del fiume Ucayali, al confine fra Perù e Brasile, dove ha preso contatto con la tribù dei Shipibo-Conibo, si è immersa nella cultura del luogo e ha effettuato registrazioni delle canzoni di guarigione degli indigeni e dei suoni della foresta amazzonica; a questo materiale, una volta in studio, sono stati aggiunti vecchi sintetizzatori analogici per dar vita alle quattro lunghe composizioni di Terminalia Amazonia. “Questo non è un progetto antropologico, etnografico e nemmeno politico” ci avverte Pupillo nelle note di copertina, né tantomeno, lo si capisce al primo ascolto, un disco di quella world music paternalista che tanto puzza di “colonialismo buono”. Fin dall’iniziale Porta Arborea ci troviamo proiettati in una foresta spettrale ma vibrante che si trasfigura, di tanto in tanto, in ampi landscape e dove capita di incontrare voci il cui significato culturale inevitabilmente ci sfugge, ma la cui aura sacrale cogliamo pienamente. Dal punto di vista strettamente musicale potremmo parlare di cosmic music con qualche tocco hauntologico (le parti cantate mi hanno ricordato il capolavoro di Becuzzi/Orsi Muddy Speaking Ghost Through My Machines), anche se qui di passatista c’è poco e i synth usati dal gruppoEMS Synthi, OSCar, Roland System-100M, ARP 2600, Octave-Plateau Voyetra-8 sono più antichi della voce senza tempo di Maestro Oscar, lo sciamano della tribù. Il racconto sonoro contenuto nei solchi del disco fa immergere l’ascoltatore in una realtà che non è quella degli Zu ma neppure più quella degli Shipibo: si scende (ma l’impressione è nettamente quella di elevarsi) così in profondità nella natura delle cose che le due culture si specchiano l’una nell’altra e, nonostante l’inevitabile distanza, in qualche modo si riconoscono come pari. “Non vogliamo indossare le vesti di un altro popolo – è sempre Pupillo a parlare – Il gruppo è italiano e la nostra psiche e la nostra volontà saranno sempre radicate nella mitologia mediterranea. La discesa e il ritorno alla superficie saranno sempre connessi a Demetra e Persefone, ai misteri eleusini che hanno dato forma alla tragedia.” Terminalia Amazonia è un disco importante sotto molti punti di vista, che va scoperto con ripetuti ascolti e con la consapevolezza che, essendo il prodotto e non la somma degli elementi in esso contenuti, per comprenderlo pienamente è inevitabilmente necessario andare oltre ad esso.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

METTICI LA MUSICA! Alessandro Fiori e Topazio Perlini - 20.11.2021…

Di questi tempi i concerti...diciamo che si fa quel che si può. Costanza e fisico non sono più quelli di…

28 Nov 2021 Live

Read more

MAGIMC – Polishing The Mirror (Amirani, 2012)

Quando due personaggi noti del mondo free e sperimentale italiano (Edoardo Marraffa al sax tenore e sopranino e Stefano Giust…

14 Feb 2013 Reviews

Read more

Razoj - S/T (Setola Di Maiale, 2009)

Se seguendo l'idea del nome parliamo di un rasoio a doppia lama, costatiamo che si tratta di due ferri molto…

02 Nov 2009 Reviews

Read more

In Zaire + Johnny Mox + Liir Bu Fer –…

Pochi, pochissimi intimi questo venerdì, segno di una situazione che finirà per lasciare solo macerie e il rimpianto di molti,…

28 Nov 2009 Live

Read more

Neal Morse - One (InsideOut, 2004)

Vi interessa un parere sul Prog da profana? Dio esiste. Non me ne ricorderò più solo quando bestemmio. Per chi…

25 Sep 2006 Reviews

Read more

Yuppie Flu - Toast Masters (Homesleep, 2005)

Ecco, di una cosa posso(iamo) prendere atto: gli Yuppie Flu hanno cessato di rischiare già da un pò di…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

The Great Saunites & Attilio Novellino - Radicalisme Mècanique (Manza…

One side strikes back. Torna il formato vinilico più gettonato degli ultimi tempi, una volta tanto giustificato non da mere…

26 Feb 2014 Reviews

Read more

Francisco Lopez/Luca Sigurtà - Erm (Fratto9 Under The Sky, 2013)

Decisamente un disco che lascia spazio ai vuoti questo Erm, un brano a testa diviso tra Francisco Lopez e Luca…

02 Dec 2013 Reviews

Read more

Antonio "Tony Face" Baciocchi - Uscito Vivo Dagli Anni '80…

Acquistato dal sottoscritto con colpevole ritardo, questo libretto è - a priori - consigliato a tutti coloro che hanno minimamente…

23 Aug 2007 Reviews

Read more

Ovo - Miasma (Artoffact, 2020)

Gli Ovo sono una delle realtà più seminali della scena europea degli ultimi vent’anni. Partiti da una visione punk sperimentale…

25 Mar 2020 Reviews

Read more

Marnero – Naufragio Universale (Donna Bavosa/Sangue Dischi/InLimine, 2010)

Ritroviamo con un LP di cui sono unici titolari i Marnero, che avevamo conosciuto nell'impari split coi Si Non Sedes…

03 Oct 2010 Reviews

Read more

Sodapop Fizz – Anno 3 Puntata 8 (27/11/14)

Ottava puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano in diretta da soli per la defezione dell'ospite,…

01 Dec 2014 Podcasts

Read more

Lean Left - Medemer (PNL, 2020)

Medemer è il nuovo lavoro dei Lean Left, quartetto di improvvisazione radicale formato dal jazz rebel norvegese Paal Nilssen-Love (batteria),…

17 Jul 2020 Reviews

Read more

The Ex + Ililta Band - 21/03/09 Interzona (Verona)

Trent'anni (beh, qualcuno quasi cinquanta, mi sa...) e non sentirli. Gli olandesi The Ex, in occasione del trentennale, battono…

28 Mar 2009 Live

Read more

Metroschifter + Lucertulas – 28/11/09 Interzona (Verona)

"Quando all'inferno non c'è più posto, i morti camminano sulla terra" diceva un personaggio in Zombi di Romero. Beh, l'inferno…

30 Nov 2009 Live

Read more

Putiferio - Ateateate (Robotradio, 2008)

Altro gruppo per il quale partivo prevenuto in base al nome e cri**o i**io non è un buon segno! Spero…

05 May 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top