Zu – 20/08/10 Festa di Radio Onda d’Urto (Brescia)

Riprende la stagione concertistica dopo un'estate trascorsa senza grandi sussulti. Sarà che sono ancora in clima da giorni vacanzieri, ma di tutto il ben di Dio (?) che la serata offre, Bologna Violenta, Zu e Teatro Degli Orrori, finisco per vedermi solo i secondi, trattenuto da un felafel guadagnato dopo un'infinita attesa durante il concerto del primo e respinto dalla poca voglia di stare in mezzo alla bolgia dei fan urlanti per gli ultimi. Solo Zu quindi, sappiate accontentarvi. In realtà nemmeno al concerto dei romani arrivo puntualissimo ma solo alla seconda canzone, sempre a causa del piatto etnico di cui sopra. Il pubblico è numeroso, per cui mi posiziono a una certa distanza dal palco; certo non tutti sono qui per il terzetto, molti staranno semplicemente tenendo la posizione in vista del Teatro Degli Orrori, come il tipo con la maglietta dei Muse, che pur essendo in piedi non darà segni di vita per tutto il set, ma parecchie decine di sostenitori il gruppo li raccoglie, è evidente nell'agitarsi ritmico delle prime file. Gli Zu sono la solita macchina da guerra, basso tritatutto, batterista tentacolare, sax baritono che drona e più raramente svisa; adeguandosi agli alti standard di Carboniferous (su cui è incentrata la scaletta) vanno via dritti e senza guardare in faccia a nessuno, per un'esibizione che banalizzando si potrebbe definire più rock che jazz: quadrata, potente ma senza particolari sussulti, senza spigoli, con addirittura qualche traccia di melodia che emerge di tanto in tanto. zu_brescia_onda_durtoCercando il pelo nell'uovo si potrebbe dire che dopo tanti dischi incapaci di restituire l'idea di quello che il gruppo fosse dal vivo, ora che con l'ultimo album ce l'hanno fatta si appiattiscono un po' troppo su quel modello, ma può anche darsi che, più semplicemente, dopo decine di date passate a suonare questi stessi pezzi si tenda ad andare un po' col pilota automatico; fatto sta che gli spazi improvvisativi lasciati alla batteria prima e al duetto sax-basso poi, non riescono a smuovere il concerto dai suoi binari. Ma per l'appunto sto cercando il pelo nell'uovo, mentre la gente, e non poca, dimostra di apprezzare: tanti si agitano e tengono il ritmo, durante Ostia c'è addirittura un giro di pogo; una partecipazione sorprendente per una musica comunque ostica, che non concede molto alla facile fruizione. Ne è riprova il fatto che di tanto in tanto qualcuno migri verso le retrovie, indispettito dal suoni e fa piacere notare che punk e metallari, almeno a giudicare dalle magliette indossate, si dimostrino ancora una volta i più smidollati. Soliti quaranta minuti di concerto, poco più, dopodiché me ne torno fra gli stand teatro_degli_orrori_brescia_onda_durtoenogastronomici e soprattutto la libreria (leggetevi Democrazia Diretta di Bookchin!) e mi perdo quasi completamente il concerto del Teatro Degli Orrori: arrivando solo per i bis mi pare ingiusto esprimere un giudizio, mi limiterò a qualche impressione. Capovilla è sfiatato come una vecchia cornamusa (pare avesse mal di gola), ma almeno non indugia nelle invettive socio-politiche che già al tempo degli One Dimensional Man me lo rendevano insopportabile; giusto qualche scontato pugno alzato, con pronta risposta dei fan, durante Compagna Teresa. La formazione "normalizzata" con basso e due chitarre fa perdere alle canzoni vecchie quel suono sferragliante alla Jesus Lizard, comunque non attualissimo ma insolito per il panorama semi-mainsteram nostrano, adagiandosi su un rock ciccione, potente ma non particolarmente incisivo, che si valorizza solo per le sfuriate recitative del cantante, come in E Lei Venne. Di pezzi nuovi sento solo Die Zeit e se l'andazzo è questo è una fortuna. Senza il trattamento elettronico che troviamo sull'album ma col violino in bella evidenza, sfoggia una drammaticità talmente pomposa da cadere subito nel ridicolo; all'apice del pathos non mi sorprenderebbe vedere salire sul palco il redivivo Mario Merola per darci saggio di una delle sue indimenticabili sceneggiate. Non accade, ma almeno la canzone non viene tirata troppo per le lunghe. E senza rimpianti me ne torno fra libri e boccali di birra.

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Isobel - Fioca (Fooltribe/Smartz, 2006)

Indie punk dal canavese?...Si può. Dopo Anatrofobia, 3eem ed Ex-p arrivano anche gli Isobel anche se a differenza dei conterranei…

25 Aug 2006 Reviews

Read more

Nicola Di Croce – Istruttiva Serie (Kohlhaas, 2015)

“Un percorso non lineare che procede per tentativi” così la cartella stampa descrive Istruttiva Serie, una definizione azzeccata che lascia…

07 Nov 2016 Reviews

Read more

Walter Smith Project - S/T (WSP, 2006)

Un cd a tratti particolare, ma che finisce un po' con il perdersi nonostante le buone intenzioni. Elettronica quasi "break…

09 Mar 2007 Reviews

Read more

The Star Pillow - Fattore Ambientale (Autoprodotto, 2012)

The Star Pillow è il duo formato da Paolo Monti e Federico Gerini a base di suggestioni cinematiche e sognanti…

18 Dec 2012 Reviews

Read more

Lucifer Big Band – Atto III (Bloody Sound Fucktory, 2017)

Dev’essere l’anno della chiusura delle trilogie il 2017: dopo Deison & Mingle tocca alla Lucifer Big Band completare il triangolo…

07 Jun 2017 Reviews

Read more

Owls – Scars/Child (Verba Corrige, 2015)

Tornano a farsi vivi gli Owls di Eraldo Bernocchi, Tony Wakeford e Lorenzo Esposito Fornasari dopo il felice esordio. Avevo…

02 Jul 2015 Reviews

Read more

Toilet Door n.6 - Natale E Nobiltà

Mai morti, amici della parrocchietta! Quando ormai ci davano passati dall'altra parte, eccoci intrepidi saltar fuori dalla cappella di famiglia.…

23 Dec 2011 Podcasts

Read more

ASp/SEC_ - S/T (Soundhom, 2008)

"La bischerata a volte l'è un attimo" o qualcosa di simile veniva detto da uno dei protagonisti di Amici Miei…

18 Nov 2008 Reviews

Read more

Sodapop Fizz – Anno 3 Puntata 3 (23/10/14)

Terza puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano in diretta con l'ospite speciale Onga e la sua etichetta…

27 Oct 2014 Podcasts

Read more

Corpoparassita - Il Trapasso Nei Voti Battesimali (Buh, 2011)

Nuovissimo CDr per i Corpoparassita che sancisce il definitivo abbandono di quei suoni sci-fi che me li rendevano un po'…

01 Jun 2011 Reviews

Read more

VV.AA. – III° Tagofest (Coproduzione, 2009)

Fa un po' tristezza pensare che questa, che doveva essere la celebrazione di uno dei festival indipendenti più rinomati della…

22 Nov 2009 Reviews

Read more

Amklon - Collision Of Absolutes (Boring Machines, 2016)

Sapere che nel progetto Amklon sono coinvolti Sergio Albano (Grizzly Imploded, Drowning In Wood, Monte Ossa) e il musicista elettronico…

12 Dec 2016 Reviews

Read more

AA.VV. - Funk In Italia (Funk In Italy, 2009)

Questa recensione è stata un parto lungo ma per nulla sofferto, il fatto è che recensirsi una doppia compilation funk…

10 Feb 2009 Reviews

Read more

Guns Are For Kids - Too Much Red Not Enough…

 Inglesi nel suono ma australiani di origini, questi Guns Are For Kids potrebbero essere il risultato dato dalla formula:…

12 Dec 2007 Reviews

Read more

Larva - 1.0.1 (Cervello Meccanico, 2007)

Puzza di classe Bisani, sarò poco obiettivo, certo, però credo di parlare di uno di quei classici talenti naturali e se…

19 Sep 2007 Reviews

Read more

Le Singe Blanc + Ada-Nuki - 24/04/09 Arci Kroen (Villafranca…

Capitano certe volte clamorose botte di culo, fare una cosa con sufficienza, per noia o semplicemente perché non c'è nulla…

04 May 2009 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top