VV.AA. – III° Tagofest (Coproduzione, 2009)

Fa un po' tristezza pensare che questa, che doveva essere la celebrazione di uno dei festival indipendenti più rinomati della penisola, si trasformi in un epitaffio a causa della chiusura del Tago Mago, locale che per anni ha proposto una programmazione di gran livello e appunto, ospitato cinque edizioni del Tagofest. Più positivamente possiamo però considerare questo DVD come un felice amarcord, nonché testimonianza dello stato dell'arte della musica italiana più di confine. Girato durante la terza edizione, quella del 2007, il film presenta quindici pezzi, uno per ogni gruppo (in ordine di apparizione: Larsen Lombriki, Be Invisible Now, Afraid!, Airportman, Miranda, Harshcore, Almandino Quite Deluxe, With Love, Fuzz Orchestra, Musica Da Cucina, Dadamatto, I/O, Ovo, Tiger! Shit! Tiger! Tiger! e Jelaous Party) presentato, secondo la tradizione del Tagofest, ognuno da un'etichetta… Filmato e montato da Nicola Quiriconi, non si tratta, fortunatamente, delle solite, banali riprese live, ma di filmati che rielaborano i materiali girati sul palco in quei giorni, creando dei veri e propri video. Le soluzioni stilistiche, mai ripetitive, sono studiate ad hoc per ciascuna performance, cercando di cogliere lo spirito di ogni artista: per i gruppi d'impostazione più tipicamente rock si ricorre a schemi già noti, (alternanza totale/particolare, zoomate, un'evidente fisicità), mentre per i gruppi meno canonici ci si può sbizzarrire. Abbiamo così il lento carrello laterale con gli strumenti in primissimo piano per gli Airportman, il montaggio epilettico che sottolinea la schizofrenia di Miranda, le immagini rallentate e le sovrapposizioni per Musica Da Cucina. Summa di tutto, non a caso posti in chiusura, i folli Jelaous Party, che fra opposizioni bianconero/colore, schermo frazionato in più parti, immagini in negativo, utilizzano tutti i codici possibili e immaginabili, al servizio, tra l'altro, di un gran pezzo.
Quindi un DVD piacevole, sia preso in pillole, saltando da un capitolo all'altro, sia seguendo la sequenza data; all'eclettismo di cui dicevo fanno da contraltare alcuni elementi ricorrenti che donano all'opera una cera unità stilistica: la gamma di colori limitata, i forti contrasti, la prevalenza di toni caldi.
E per chiudere in bellezza, arriva la notizia che il Tago Mago rinasce a nuova vita come organizzazione di eventi: lo spirito continua.

Tagged under: , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Daedelus + Eliot Lipp - 14/07/06 Ortosonico (Giussago - PV)

Odio fare la figura del tonno. Ma con l'allegra furgonata mossasi da Genova per raggiungere le impervie interpoderali dell'oltrepò pavese…

16 Aug 2006 Live

Read more

Maria Assunta Karini/Francesco Paolo Paladino/Simon Fisher Turner - Ghosts Of…

Terzo volume della serie 13 private sounds per la Silentes, dedicata a soddisfare anche la vista oltre che l'udito: questa…

19 May 2014 Reviews

Read more

Gianluca Favaron – Blank Spaces (I Don’t Want To Be…

Era in qualche modo naturale che Gianluca Favaron (Under The Snow e vari altri progetti e collaborazioni) e Luce Sia…

08 Sep 2017 Reviews

Read more

The White Mega Giant - Antimacchina (Shyrec/Up To You, 2011)

Quando siamo arrivati ad un punto di rigetto verso qualsiasi nuova band giovane, magari italiana, che ripropone in pieno…

23 Feb 2012 Reviews

Read more

Tor Lundvall: la melodia che viene dal ghiaccio

Tor Lundvall è un nome che nell'ambito elettronico/ambient non è notissimo, ma senz'altro chi viene in contatto con la sua…

23 May 2010 Interviews

Read more

Prague - The Great Dark Nothingness (Under My Bed, Eaten…

La pluridecennale carriera di Alessandro Viccaro giunge con questo album sul bagniasciuga deserto di Jesus & Mary Chain abbandonandosi ad…

15 Feb 2016 Reviews

Read more

Rock And The City - Sex, Drugs & (Fake) Rock…

Perché Chris Robinson è di nuovo single? Che c'entra col punk di New York? Che ruolo ha mai Kate Moss…

02 Sep 2006 Articles

Read more

Hands Off Alice - Last Days Of Summer Part 1…

Altro tuffo negli anni novanta, ma questa volta per ispirazioni ed influenze. Il sound degli Hands Of Alice ci…

24 Jan 2008 Reviews

Read more

Luca Sigurtà – Grunge (Silken Tofu, 2017)

Se questo disco di Luca Sigurtà sia una svolta verso nuovi orizzonti, l’inizio di un percorso parallelo o un episodio…

28 Feb 2018 Reviews

Read more

Dalila Kayros – 02/03/13 Il Revisionario (Brescia)

Fossimo dediti alle classifiche di fine anno, Nuhk di Dalila Kayros finirebbe certamente in testa alla mia lista; grande era…

15 Nov 2013 Live

Read more

MSMiroslaw - THE AAAge Of Warm Asylum (Trasponsonic, 2020)

La porta di un’antichissima domus de janas abbraccia il nostro pianeta sulla copertina del nuovo lavoro di MSMiroslaw: forse è…

04 Dec 2020 Reviews

Read more

Assumption - Absconditus (Everlasting Spew, 2018)

Potente death-doom corazzato tra i gloriosi Bolt Thrower e gli Oranssi Pazuzu più interplanetari. Equilibrato melange di generi una volta…

20 May 2018 Reviews

Read more

RD - Bodies Inspected (Luce Sia, 2020)

Dub post-atomico, apparentemente disarticolato, ma che si struttura nell'inesorabile incedere addizionando continui blip e pattern cigolanti. Bodies Inspected è il…

15 Nov 2020 Reviews

Read more

Shoplifting - Ep (Kill Rock Stars, 2004)

Secondo quanto ho imparato dai film, il comunismo, in America, è perseguito per legge. Ai socialisti fanno bere l'olio di…

06 Jan 2007 Reviews

Read more

Superportua – Resterai Sempre Uno (Shyrec/Soviet/Sisma Mvmnt, 2018)

Non si può non provare simpatia per i Superportua: raramente mi è capitato di sentire un gruppo che tirasse fuori…

26 Jul 2018 Reviews

Read more

Harvestman - In A Dark Tongue (Neurot, 2009)

Continua, lontano dal pantano in cui si sono ormai arenate le carriere di Neurosis e Tribes Of Neurot, il percorso…

30 Jun 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top