Vittorio Cane – ST (Innabilis, 2006)

Bugo vive. E buon per lui. Il fatto è che una domanda sorge spontanea: avevamo bisogno di un Vittorio Cane (all'anagrafe Claudio Cosimato) che è – bestemmia – the new Bugo in town?
Pensateci. La mia risposta è un incurante "importa sega". No, non datemi dello stronzo prima del tempo. Lo potrete fare, ma almeno aspettate che abbia esposto le mie vaccate. Questo è un tipico e paradigmatico esempio di cantautorato slacker: stonature, chitarre dissonanti, melodie sghembe, testi minimal-intimisti-stradaioli a identificazione rapida per chiunque non appartenga alla tribù del Blasco o del Festivalbar (anche se, a essere maligni, un Cane ben prodotto e ripulito, potrebbe anche non sfigurare nella prossima edizione del festival estivo in questione). La voce è pesantemente accentata, la chitarra si trascina a pizzichi e smozzichi, i pezzi sembrano un unico e perenne (quanto durano???) inno al lamento del giovane di periferia sensibile e un po' sballato.
Bene. Do you like this? Io non ci impazisco. Anzi.
Se poi ci aggiungiamo anche le frazioni electro scratch che fanno un po' Subsonica
mi metto le mani sulla testa e fatico a continuare l'ascolto. Per un momento mi chiedo se non sono semplicemente prigioniero del pregiudizio che mi porta a un'equazione tipo: [cantautore minimal x Torino] + [sprazzi elettronici + dance] = orchite. E poi mi rispondo: NO. Qui non c'è il Rock. Nè nei testi, nè – tantomeno – nella musica.
Questo disco non mi piace e nemmeno mi diverte come il vecchio Bugo (che – diciamolo – rompe i coglioni dopo poco, comunque). Però una cosa me l'ha provocata, 'sto cd: mi ha fatto venire voglia di ascoltarmi i dischi di Enzo Maolucci. Stessa città, qualche anno prima… ma vabbè.
Detto fra noi… non mi stupirei se il buon Cane diventasse un fenomeno di culto per le masse di gggiovani un po' alterna. Glielo auguro, perchè deve essere uno piuttosto verace.
Ma verace lo sono anche io e dico: no bbbuono.

www.vittoriocane.it

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Gli Altri - Fondamenta, Strutture, Argini (Taxi Driver, 2013)

Crossover nel senso più nobile della parola sempre se oggi ha ancora una ragione utilizzarla. Il quintetto savonese ricorda…

26 Apr 2013 Reviews

Read more

Re-Count - Egocollective (Minuta, 2008)

"Egocollective - recita la cartella stampa - è un progetto corale: è un insieme di brani che Omar E. Bernasconi…

08 Sep 2009 Reviews

Read more

Jesse Krakow - World Without Nachos (Eh?, 2008)

Non so se vi ricordate della Eh?, ad ogni modo si tratta di una costola di quella che un volta…

10 Sep 2009 Reviews

Read more

Autocancrena – Homo Sacer (Diazepam, 2012)

Altra oscura uscita per la Diazepam: stavolta è il turno degli Autocancrena (il romano Lorenzo Chiarofonte) con un CD 3"…

03 May 2013 Reviews

Read more

Zolle - Porkestra (Bloody Sound Fucktory, 2015)

Essenziali e diretti. Essenziali perchè è così che si definiscono: chitarra e batteria, semplici nella costruzione, naturali con il senso…

12 May 2015 Reviews

Read more

David Grubbs & Taku Unami - Failed Celestial Creatures (Empty…

Prima collaborazione tra i due chitarristi David Grubbs e Taku Unami, entrambi dediti alla sperimentazione sulla sei corde e anche…

15 May 2018 Reviews

Read more

Sarram – Silenzio (Autoprodotto, 2020)

Per una volta il famigerato “disco nato nel periodo del lockdown" non è una vergognosa pippa autoreferenziale (lo stesso, inutile…

04 Jan 2021 Reviews

Read more

Bobby Soul - Draghi Rossi & Buchi Neri (Autoprodotto, 2007)

Strana compilation questa, nel senso che di solito i remix seguono gli album veri e propri, ma raramente, come in…

21 Feb 2008 Reviews

Read more

James Irwin - Unreal (Autoprodotto, 2015)

Dopo l'esordio indieacustico Western Transport arriva al secondo disco James Irwin: invece di replicarsi, nella sua seconda autoproduzione il canadese…

20 Jan 2016 Reviews

Read more

Caso - La Linea Che Sta Al Centro (To Lose…

E ancora con la menata che a me i cantautori, soprattutto se cantano in italiano, non fanno impazzire. E ancora…

29 May 2013 Reviews

Read more

Pale Sister – Embeddead (Sincope, 2014)

L’oscuro progetto Pale Sister ritorna a far sentire la propria lancinante voce su Sincope, sempre disponibile a fare da cassa…

17 Dec 2014 Reviews

Read more

Johnny Mox - Lord Only Knows How Many Times I…

The other side of Johnny Mox è sorprendente solo per chi ha conosciuto il musicista di recente: gli altri ricorderanno,…

06 Dec 2012 Reviews

Read more

Deison - Quiet Rooms (Aagoo, 2012)

A questo giro ritorna Cristiano Deison, che vanta una carriera solista di tutto rispetto divisa fra dischi in proprio e…

27 Nov 2012 Reviews

Read more

Jacuzzi Boys - S/T (Hardly Art, 2013)

Bene, se l'abito facesse sempre il monaco, a guardar la copertina del nuovo album dei Jacuzzi Boys, dove campeggia una…

02 Oct 2013 Reviews

Read more

Jung Deejay – Java Script (Arte Tetra, 2020)

Lo strano giro del mondo (ma sarebbe forse più corretto parlare di “giro di uno strano mondo”) che sempre ci…

20 Nov 2020 Reviews

Read more

Crap - S/T (Megablomb, 2006)

Registrato ormai dieci anni fa, nel 1998, e rimasto nel cassetto fino al 2006, anno in cui è stato pubblicato…

21 Apr 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top