The Verge Of Ruin – Learn To Love Solitude (Setola Di Maiale, 2018)

Si presenta con un titolo bellissimo l’esordio di The Verge Of Ruin – duo che mette insieme le esperienze di Stefano De Ponti e Shari DeLorian coi contributi di Elia Moretti (percussioni), Eleonora Pellegrini (voce) e Giorgio Sancristoforo (eelttronica) – e ci appare tanto migliore in quanto ritroviamo perfettamente questa suggestione nel disco. La cartella stampa fa nomi impegnativi (Cage, Nono, Schaeffer, Xenakis, Scelsi) ma  sono più che altro riferimenti teorici e metodologici che danno forma a una musica perfettamente fruibile, anche senza conoscere a fondo gli ispiratori, grazie al suo legare strettamente suono e visione. Forse è solo suggestione data dall’immagine di copertina – il Grande Cretto di Alberto Burri fotografato come avrebbe potuto farlo Franco Fontana (o dipingerlo Giovanni Fattori) – ma la sensazione che dà l’ascolto di Learn To Love Solitude è quello di vagare in un luogo rale e della mente insieme, dove la linea di terra si confonde con l’orizzonte e si è lì e altrove contemporaneamente. Siamo lì grazie al valore materico dei suoni, al riconoscere i materiali che li producono (il metallo delle corde, il legno e le pelli delle percussioni, i field recordings che ci portano l’ambiente circostante nelle orecchie); siamo altrove per la costruzione di una musica dalle strutture aperte, spettrale e fluttuante, che solo a tratti (e quasi tutti verso la fine) si fissa in strutture più definite. Un inizio rumoroso e dal sapore industriale ci introduce a un’atmosfera brulicante di stridori leggeri, suoni lontani e piccoli concretismi prima che una pulsazione contribuisca a far salire la tensione portandoci faccia a faccia con orizzonti lividi da cui soffiano droni vibranti e ambientali. Una breve cesura silenziosa ci introduce alla seconda parte del lavoro, quella  maggiormente strutturata. I toni gravi di corde vibranti lasciano spazio a una voce che sussurra lontana, prima disturbata da sfrigolii analogici, poi supportata da battiti regolari che crescono fino a diventare pura esaltazione tribale. Siamo all’apice del percorso, al pieno raggiungimento di una consapevolezza che solo la solitudine può dare: il premio, fra scampanellii e suoni naturali, è il ritorno della voce che canta per noi una melodia antica, prima che rare percussioni ci conducano alla fine. Sono passati solo venti minuti dall’inizio, ma qui il tempo è un elemento secondario; contano invece l’intensità  e il trasporto e di quelli, in Lean To Love Solitude, ce ne sono in abbondanza.

Tagged under: , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Animal Farm Project - S/T (Autoprodotto, 2006)

Indubbiamente originale questo gruppo bolognese che prendendo come muse ispiratrici i Radiohead e i Rage Against The Machine, sa regalarci…

03 Dec 2006 Reviews

Read more

Spock’s Beard - Octane (SPV/InsideOut, 2005)

Per carità, non vi inganni la pompa di benzina! Non siamo dinnanzi agli ennesimi imitatori dei Kyuss né tanto meno…

15 Sep 2006 Reviews

Read more

Chinese Restaurant/Macho Corporation - Split (Spina Bifida/Fucking Clinica, 2010)

Mettiamo tutte le carte sul tavolo dicendo che Spina Bifida è la neonata etichetta dei due Iron Molar e in…

27 Jul 2010 Reviews

Read more

Buckminster - Routes Of The Three (Asbestos Digit, 2019)

Buckminster, al secolo Fabrizio Baracco, contrabbassista e cospiratore di casa Asbestos, pubblica il suo primo lavoro solista, già anticipato nel…

12 May 2020 Reviews

Read more

AA.VV. - Play To BN Chora. Judgement (L.A.F. Org./Jeringas 5cc,…

Disco con racconto accluso, questo Play To BN Chora. Judgement è stato parte della colonna sonora per una mostra-installazione, e…

22 Feb 2009 Reviews

Read more

Germanotta Youth – The Harvesting Of Souls (Wallace, 2011)

Si contano ormai sulle dita di cento mani i progetti a cui Massimo Pupillo degli Zu collabora in maniera più…

02 Feb 2011 Reviews

Read more

Hazardous Waste - Double Penetration (Autoprodotto, 2013)

Ancora loro. Dopo lo sfacelo a tutta velocità del Coche Boogalero dopo solo pochi minuti ritornano gli Hazardous Waste con…

28 May 2013 Reviews

Read more

Bobby Soul E Il Maschio #1

Ammetto di essermici avvicinato quasi per caso. Nel modo più tipico poi: dal momento che qualcuno lo criticava, oltrettutto per…

18 Nov 2007 Interviews

Read more

Rock And The City - L'Anno Che Venne E Se…

Siamo tutti qui - non è il Braccobaldo Show, ma poco ci manca - alle prese col consueto rito, sempre…

03 Jan 2007 Articles

Read more

Gandhi's Gunn - The Longer The Beard The Harder The…

Il secondo tragico disco (per citare Psichofagist) è sempre un ponte di corde che o fa cadere nel baratro oppure…

23 May 2012 Reviews

Read more

A Dog To A Rabbit – S/T (Lady Lovely, 2010)

Gli A Dog To A Rabbit, gruppo fiorentino nato nel 2007, sono un gruppo rock. "Che rock?" vi chiederete. "Tutto"…

11 Jan 2010 Reviews

Read more

Simm - Too Late To Dream (Ohm Resistance, 2021)

Il bello arriva quando si perdono le speranze, rilasciando i propri gesti più intimi e personali senza più remore. Terza…

23 Nov 2021 Reviews

Read more

Snew - Snew You (Autoprodotto, 2008)

Non credo proprio che il nuovo Chinese Democracy riuscirà a riportare in auge lo street rock n'roll quanto lo…

30 Nov 2008 Reviews

Read more

Patron And Patron - Gen (Nonine, 2008)

Iniziate a segnarvi il nome di Me Raabenstein perché ho il sospetto che "il ragazzo abbia il risultato nelle gambe",…

16 Sep 2008 Reviews

Read more

Dusted - Total Dust (Polyvinyl, 2012)

Nome sconosciutissimo ai più, Dusted non è altro che il progetto di Brian Borcherdt tastierista e co-fondatore dei ben più…

06 Aug 2012 Reviews

Read more

Pivot Quartet – Emissions (Chmafu Nocords, 2012)

Regala sempre belle sorprese l'etichetta austriaca Chmafu Nocords, senza mai fissarsi su un genere o una formula predefinita ma sempre…

24 Jul 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top