Vanessa Van Basten – La Stanza Di Swedenborg (Eibon, 2006)

Uno dei gruppi genovesi più “chiaccherati” del momento? Non saprei, non abitando neppure nella Superba dura valutarne la fama in “patria”, ma senza dubbio dei Vanessa Van Basten di recente ho sentito parlare in toni entusiastici parecchie persone e soprattutto molti cosidetti “addetti al settore”. Incuriosito dal nome (e non saprei neanche dire se perché mi piaccia o no) ero andato sul loro sito myspace ed ero rimasto piacevolmente colpito dai pezzi. La settimana scorsa, visto il cd nella distribuzione Shove, me lo sono comprato. Non v’è dubbio alcuno che si tratti di uno di quei gruppi di cui in tre secondi riesci a renderti conto di quanto siano più che esportabili e sicuramente non “all’italiana”. I riferimenti a Broadrick ed ai Godflesh più melodici di Selfless (esatto, proprio quelli che Justin ha svecchiato e reso “shoegaze” con i Jesu) sono evidenti, ma sorprendentemente, almeno per me, c’è una bella dose di quel post-core/rock fisico ma melodico che molti altri cercano di eseguire con scarsi risultati. Direi che oltre ai vecchi eroi Earache i due Van Basten (milanisti?… e Baresi allora dove lo mettiamo?) si sono fatti dei bei viaggetti a base di Neurot a partire dai solisti acustici di Von Till e Scott Kelly, i Neurosis più recenti, Tarentel, Red Sparrows e metterei anche gli Isis se non fosse che li trovo piacevoli ma insipidi. Distorsioni grosse ma stese a tappeto, chitarre acustiche a profusione, un mare di melodia tanto che forse l’ibridazione wave con Ride, Slowdive e My Bloody Valentine pare venga meglio a loro che al dottor Broadrick. Direi che ci possa stare anche una gavetta infarcita di metal evoluto stile Katatonia e di stoner, eppure quello che si nota sul momento è come non si facciano problemi ad essere melodici, cosa rara visto il genere. La produzione è ottima anche se a volte può risultare leggermente fredda soprattutto per la batteria, ma decisamente professionale e poi è raro ascoltare dei dischi d’esordio così ben arrangiati con voci, synth, elettronica, sovraincisioni ed effetti che sembrano cuciti con la mano ferma. Melodici, fisici, per nulla noiosi e con delle belle decorazioni, un po’ come la Bellucci quando non parla.

Tagged under: , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Crayon Mortel - Piel (51Beats, 2015)

L'etichetta nostrana 51Beats ci ha abituato ormai alle scoperte dal sottobosco italiano e pubblica un altro esordio di musica elettronica…

10 Apr 2015 Reviews

Read more

Frontier(s) – There Will Be No Miracles Here (Arctic Rodeo,…

Uscita blasonatissima per l’ottima Arctic Rodeo: membri di The Enkindels, Mouthpiece, Stay Gold e, soprattutto, mister Chris Higdon al bel…

02 Jul 2010 Reviews

Read more

Fight Club – Feedback (Sidi/Tornado Ride/Fucking Clinica/Tropo, 2010)

Infrangiamo la prima regola e parliamo del Fight Club: un terzetto bergamasco dedito a un hardcore sparato senza "se" e…

10 May 2010 Reviews

Read more

Bluermutt - Decivilize After Consumption (Nexsound, 2008)

Bluermutt ha venticinque anni, vive a Barcellona, ed è la nuova uscita della Nexsound: arrivata alla numero quattro, l'etichetta di…

28 Feb 2009 Reviews

Read more

La Decima Vittima - Storie Strane Al Buio (Zona, 2011)

 Ognuno ha lo chansonnier che si merita. Evidentemente, e i fatti mi danno ragione, oggi Bobby Soul è quanto di…

07 Jun 2011 Reviews

Read more

A Spirale - Agaspastik (Fratto9 Under The Sky/Deserted Factory, 2009)

Il trio composto da Maurizio Argenziano, chitarra, Mario Gabola, sax, e Massimo Spezzaferro, batteria, arriva con Agaspastik al suo terzo…

15 Oct 2009 Reviews

Read more

Runes Order - Re: Murders (Luce Sia, 2018)

Per la serie "recuperi e ricorsi storici" la Luce Sia si tuffa nelle tenebre del passato per riesumare un altro…

07 Feb 2019 Reviews

Read more

Kleinkief - Fukushima (Shyrec/Dischi Soviet Studio, 2016)

Delicato art rock italiano dalle pretese e dalla presunzione fuori dal tempo. Sonorità pompose e gonfiate dalle ispirazioni anni novanta…

07 Aug 2016 Reviews

Read more

gRAEFENBERg - Plug (Fratto9 Under The Sky, 2018)

Il rumore è musica? Il suono è musica? Sì, basta che dia delle emozioni, che trascini l'animo e che porti…

12 Mar 2018 Reviews

Read more

German Army – Animals Remember Human (Arte Tetra/Crash Symbols, 2020)

Nonostante le oltre 80 uscite i German Army  non erano mai comparsi sulle nostre pagine; a sopperire alla mancanza ci…

10 Apr 2020 Reviews

Read more

Jeanines - Don't Wait For A Sign (CD Slumberland, 2022)

Facile titolare un disco così. Molto più difficile non leggere un disegno più ampio in alcune casualità. Andiamo con ordine:…

22 Jun 2022 Reviews

Read more

De Curtis – Baciami Alfredo (Tannen, 2010)

Uno dei rari casi in cui la stupida frase di Frank Zappa "parlare di musica è come ballare di architettura"…

25 Jul 2010 Reviews

Read more

Bobby Soul E Les Gastones - 73% Phunk (Inmusica/Altoparlante, 2008)

Educato, ma fieramente maschilista, Bobby Soul ritorna, riformulando, ammorbidendo, impastando il precedente Draghi Rossi Buchi Neri; questa volta doppiando…

15 Jul 2008 Reviews

Read more

Matteo Uggeri/Luca Mauri/Francesco Giannico – Pagetos (Boring Machines/Grey Sparkle, 2012)

A concludere la quadrilogia iniziata nel 2007 da Maurizio Bianchi e Matteo Uggeri e dedicata ad alcuni aspetti della natura…

20 Jul 2012 Reviews

Read more

Massimo Falascone – Variazioni Mumacs (Public Eyestore, 2014)

Variazioni Mumacs di Massimo Falascone, sassofonista con una lista di collaborazioni fitta come un elenco del telefono,  è un album…

21 Jul 2014 Reviews

Read more

The Star Pillow - All Is Quiet (Paradigms/Taverna, 2015)

Parziale cambio di rotta per The Star Pillow, che torna come agli esordi ad essere composto dal solo Paolo Monti:…

08 May 2015 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top