Valerio Cosi – Plays Popol Vuh (Dreamsheep, 2014)

Non si può dire che Valerio Cosi non ami il rischio: a misurarsi in maniera così scoperta con dei mostri sacri come Florian Fricke, uscirne con le ossa rotte è altamente probabile. Scartando l’ipotesi di riproporre delle versione calligrafiche, resta la possibilità di rispettare lo spirito degli originali e interpretare la forma alla propria maniera oppure tradire entrambi ed uscirsene con qualcosa di completamente diverso, totalmente slegato dal punto di partenza.
Sembra questo il percorso seguito dal musicista pugliese, che edifica i brani in una terra di nessuno, ugualmente lontana dal proprio abituale stile quanto da quello del gruppo tedesco, il cui fantasma rimane relegato sullo sfondo; e credetemi , è un bene. Lo è perché consente un ascolto slegato da rapporti troppo soffocanti che avrebbero probabilmente limitato la creatività dell’autore, ma soprattutto messo l’ascoltatore nel continuo dovere di far confronti con gli originali. Qui il problema non si pone, dato che Cosi affronta la materia con lo spirito del remixatore radicale, facendo affiorare di tanto in tanto qualche legame con i brani di partenza, ma tirando dritto per la sua strada: più “liberamente tratto dall’opera dei Popol Vuh” che Plays… insomma. Venendo finalmente alla musica, i cinque brani si presentano come il lavoro più accessibile del nostro: tutti molto ritmati -ad eccezione dell’apertura di Aguirre, vibrante e suadente-  sfoggiano un suono denso e insolitamente rockeggiante, con momenti autenticamente trascinanti, vedasi le ritmiche serrate a cui si sovrappongono prima sax e poi la voce in un’Hosianna Mantra a tratti industrial rock o il riuscito space-mantra di Train Through Time. Più complesse ma ugualmente avvincenti sono le stratificazioni free-freak di Vuh e la conclusiva Affenstunde, che inizialmente pare aderire al modello, ma poi lo tradisce a forza di ritmiche simil-techno e rumori assortiti. Per una volta, un album di cover (si fa per dire…) che non rappresenta un semplice divertissement nella discografia di un artista.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Sneers - Tales For Violent Days (LP God Unknown, 2022)

Quinto disco in 9 anni per Maria Greta e Leo, ovvero gli Sneers. Una continuità che non dà adito a cedimenti,…

29 Mar 2022 Reviews

Read more

Sorrentino/Telandro/Sigurtà - Immersus Emergo (Setola Di Maiale, 2012)

Ci troviamo di fronte ad un trio a suo modo anomalo, poichè vediamo Luca Sigurtà affiancato a due musicisti provenienti…

13 Jun 2012 Reviews

Read more

Andrew Bird - 18/05/09 Musicdrome (Milano)

Un'ora e dieci per arrivare in città e tre quarti d'ora per trovare il posto, locale ex Transilvania (fortunatamente rinnovato…

03 Jun 2009 Live

Read more

Il Torquemada - The Killer EP (Jestrai, 2008)

Trovo bizzarro che una band, o chi per essa, per presentare la propria musica senta la necessità, come prima cosa, …

07 Jun 2008 Reviews

Read more

?Alos/Xabier Iriondo - Endimione (Brigadisco, 2012)

Il sodalizio fra Stefania Pedretti/?Alos e Xabier Iriondo, che avevamo sperimentato con il 7” su Tarzan Records, esordisce sulla lunga…

23 Oct 2012 Reviews

Read more

Erdem Helvacioglu - Wounded Breath (Ancourant, 2009)

Altro gradito ritorno, infatti come qualcuno di voi si ricorderà avevamo recensito questo compositore turco in occasione del suo lavoro…

06 Sep 2009 Reviews

Read more

The War On Drugs - Wagonwheel Blues (Secretly Canadian, 2008)

Pare, dico pare, che, come al solito, il mercato underground si sia per primo adeguato alle novità tecnologiche contemporanee. Evidente…

04 Oct 2008 Reviews

Read more

31Knots - Worried Well (Polyvinyl, 2008)

In questi anni sulle pagine di Sodapop abbiamo sempre seguito i 31Knots, all'inizio con i primi due dischi di math…

05 Oct 2008 Reviews

Read more

Alberto Boccardi – Fingers (Important/Cat|Sun, 2015)

Alberto Boccardi si dà al rock? A chi ricorda le sue prime esibizioni, dove armeggiava con le macchine imbracciando l’inseparabile…

10 Sep 2015 Reviews

Read more

Masked Intruder - M.I. (Fat Wreck, 2014)

Grande conferma per i Masked Intruder, pop-punk band che dalle lande sperdute del Wisconsin approda al secondo disco (su Fat…

04 Jun 2014 Reviews

Read more

The Postal Service - Give Up - Deluxe 10th Anniversary…

Quando metto su Give Up e parte The District Sleeps Alone Tonight non mi rassicura per niente pensare che questo…

14 May 2013 Reviews

Read more

New Monuments - New Earth (Pleasure Of The Text, 2018)

Dopo una lunga militanza con un considerevole numero di uscite sull’Amercan Tapes di John Olson, e dopo essere passati con…

11 Dec 2018 Reviews

Read more

Centauri - S/T (Lepers, 2014)

In un periodo in cui persino i beniamini Woods non danno le stesse identiche sensazioni di una volta, in zona,…

16 Jul 2014 Reviews

Read more

EAOrchestra - Likeidos (Amirani, 2011)

A proposito di gente che in questi tempi dovrebbe essere portata in palmo di mano e coccolata da certi…

15 Mar 2012 Reviews

Read more

Hue - Un'Estate Senza Pioggia (Trazeroeuno, 2006)

Mentre vi preannuncio che a breve un’intervista ad Hue sarà on-line su questo stesso sito, ecco qui un suo lavoro…

18 Jan 2007 Reviews

Read more

Lilies On Mars - Wish You Were A Pony (Elsewhere…

Vivono a Londra, ma i due terzi femminili dei Lilies On Mars sono italiani. Lisa e Marina hanno collaborato con…

05 Jun 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top