Vakki Plakkula – Babirussa Capibara (Le Arti Malandrine, 2009)

Altro cd ed altro supergruppo e porca troia piccoli musicofili del cazzo, non uso supergruppo a casaccio, mentre vi tenete la foto di John Zorn e di Marc Ribot sopra al letto oer farvi le seghe, quando passate dal primo assolo in tapping ad incorciare delle note con un sassofonista, tenete a mente che tanto in Italia come altrove è pieno zeppo di gente che viaggia su tre testicoli. Oltretutto parliamo di gente che vanta  collaborazioni che forse sarebbe ora di iniziare a ricordare, infatti dietro al nome Vakki Plakkula si nascondono Mirko Sabatini alla batteria e per lui menzionerò solo Carla Bozulich, Roy Paci, Trio Magneto, Gastronauti, Edoardo Maraffa ai sax ed che ha suonato con Nicola Guazzaloca, Tristan Honsinger, Cristiano Calcagnile, chiude Lullo Mosso al basso e voce per cui menzionerò Massimo Urbani, Antonello Salis, Han Bennink e Tim Berne. Anche in questo caso ironia che si spreca, e visto che si tratta di gente che ruota attorno all’ambito bolognese farò un parallelo da prendere con le molle: infatti potremmo quasi dire che si tratta di un misto fra cantato degli Splatterpink montati su base free-jazz-core. Per quanto la voce e il cantato non mi convincano appieno, la base oltre ad essere più che eterogenea, spesso fotografa una sezione ritmica pulita e incisiva come un cazzotto sul mento, su cui i fiati si prendono giusto lo spazio che gli serve, infatti a parte le impennate suonate a pieni polmoni come noterete di veramente "free" c’è ben poco, visto che si tratta di pezzi. Le canzoni sembano costruite parecchio intorno al testo e la registrazione decisamente rock lascia queste schegge molto compresse che volano fuori come se la materia base fosse stata presa ad acettate, forse Maraffa-Sabatini-Mosso non entreranno certo nella "hall of jazz da amministrazione locale", anzi sono più da "sì, tte pijamo e te menamo", ma direi che questo è il loro bello. In tutta sincerità pur apprezzando molto l’ironia delle canzoni ed il fatto che tre musicisti del genere sappiano prendersi poco sul serio, o meglio, sappiano prendersi sul serio ma non senza ironia (e soprattutto senza quella tronfiezza tipica dei sacchi di letame che girano in certi ambiti avant-jazz-sperimental-etc.), mi sono chiesto che disco sarebbe stato con un’altra voce, oppure se fosse stato strumentale, anche perché quando vanno sulle canzoni meno ironiche (almeno sotto il profilo della melodia) sono un vero e proprio schiacciasassi.

Tagged under: , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Mulatu Astatke - Mulatu Steps Ahead (Strut, 2010)

Mi sono avvicinato quasi per caso alla musica di Mulatu Astatke giusto poco prima di ascoltare questo suo nuovo disco…

27 Mar 2010 Reviews

Read more

Io Monade Stanca - In The Thermi Table (Canalese Noise,…

La provincia di Cuneo riserva sempre qualche bella sorpresa alle mie orecchie. Gli Io Monade Stanca propongono un rock storto…

13 Apr 2009 Reviews

Read more

Red Worms' Farm + Squadra Omega + A Flower Kollapsed…

Fra i tanti festival che si propongono di riempire le lunghe e caldi notte estive nella Pianura, quello di Curtarolo,…

29 Jul 2011 Live

Read more

Leeza - Somewhere Out There (Afe, 2011)

Il milanese Luca Di Mattei si prodiga nella produzione di questo Somewhere Out There e lo fa con molta cura:…

10 Nov 2011 Reviews

Read more

Muviments 2012 – 28-29/12/12 Castello Medievale (Itri – LT)

Il Muviments fa otto, una cifra importante, che la dice lunga sulla continuità dell'impegno e sulla dedizione che ragazzi dell'associazione…

12 Jan 2013 Live

Read more

Kamikaze Queens - Automatic Life (Sounds Of Subterrania, 2011)

Quintetto berlinese di un certo spessore che ama modestamente auto-definirsi Berlin Punk Cabaret. Cortese sintesi per esprimere che contengono qualsiasi…

15 Feb 2012 Reviews

Read more

Unknown Mortal Orchestra - II (Jagjaguwar, 2013)

Galeotto fu un tranquillo giovedì sera di chiacchere nel pub di fiducia, saltano fuori nomi di possibili futuri live che…

06 Mar 2013 Reviews

Read more

The Go Find - Stars On The Wall (Morr Music,…

L'anno scorso c'erano gli Electric President, quest'anno ci pensa il belga Dieter Sermeus a confezionare il disco cioccolatino del…

16 Mar 2007 Reviews

Read more

En-Dome - Urpunkt (Luce Sia, 2018)

Proseguiamo ulteriormente il progetto Luce Sia con gli En-Dome, un duo formato da Andrea Bellucci e Gianluca Favaron, dedito ad…

21 Nov 2018 Reviews

Read more

John Tilbury / Keith Rowe / Kjell Bjørgeengen - Sissel…

Sissel è il resoconto di un concerto tenutosi nel 2016 al Moving Sound di Stavanger in Norvegia, un ex supermarket…

02 Jun 2018 Reviews

Read more

Viridanse - Gallipoli 1915 E Le Altre Storie (Silentes, 2012)

Non suona affatto bizzarro il recupero della discografia completa dei Viridanse, in un'epoca in cui il suono new wave è…

10 Jan 2013 Reviews

Read more

Insect Kin - Endless Youth And Other Disease (Autoprodotto, 2008)

Volonteroso quartetto lombardo che ancora crede nel grunge più puro ed intransigente. Riff ossessivi, taglienti, sofferti, quasi a voler…

24 Dec 2008 Reviews

Read more

Zolle - Porkestra (Bloody Sound Fucktory, 2015)

Essenziali e diretti. Essenziali perchè è così che si definiscono: chitarra e batteria, semplici nella costruzione, naturali con il senso…

12 May 2015 Reviews

Read more

Vasco Brondi - Cosa Racconteremo Di Questi Cazzo Di Anni…

Fra la fine del secolo appena passato e l'inizio del nuovo abbiamo assistito al ritorno di una multidisciplinarietà a…

14 Apr 2009 Reviews

Read more

Lunar Dump - Lipo (XO La Factory/Soviet, 2021)

Duo veronese dinamico e sognante che, come tutti i fratelli di sangue (al secolo Paolo e Zeno Camponogara) che suonano…

18 Jan 2022 Reviews

Read more

Adamennon – MMXII (Autoprodotto, 2012)

C'erano ancora margini di sviluppo nel discorso musicale di Adamennon dopo l'album Nero, che pur avevamo identificato come punto di…

19 Dec 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top