Ur/Iron Molar – Split CD (Fucking Clinica/Alampo/Locust Swarm, 2009)

Si incrociano, in questo CD, due delle più prolifiche realtà del sottobosco industrial/ambient nostrano, accomunate tra l’altro da radici che affondano nell’hardcore dei ’90. Quasi un’ora di musica equamente divisa, con gli Ur che frazionano la loro porzione in quattro tracce, contro l’unico, monolitico brano degli Iron Molar.
Partiamo dai primi. Il terzetto genovese-alessandrino fa uso di tutti i colori della propria tavolozza, dipingendo una musica che, pur nei toni prevalentemente scuri, grazie alla delicatezza del tocco lascia all’ascoltatore discreti margini di interpretazione. Quattro tracce, dicevamo, quattro come le stagioni e come le stagioni, due sono più nebulose e indistinte, drone increspati da suoni elettroacustici, mentre due mettono in una mostra maggior caratterizzazione e personalità più spiccata. The Invisible Curse of What Feeds on Time fa convivere con sorprendente naturalezza brusio industriale e note cristalline di chitarra ed è certamente il pezzo migliore della serie; You’ve Been So Kind To Me, titolo probabilmente sarcastico visto la brutalità che mette in mostra, è massimalismo post industriale in un continuo montare di pulsazioni discontinue, urla belluine e clangorie, violenza propedeutica alla venuta di Iron Molar. Qui c’è poco da interpretare; i 27 minuti di La Caduta Di Lucifero sono all’insegna di un suono cupo, assurdamente carico e denso di malessere, dove le grida sono indistinguibili dalle sferzate elettroniche e l’unico elemento intellegibile è la voce che di tanto in tanto emerge, invocando Belfagor; dobbiamo parlare di black, piuttosto che dark ambient. Siamo alla presenza di una musica volutamente anti-umana, lontana da qualsiasi intento critico, che rivelerebbe una seppur vaga speranza, e che nemmeno dona, come tanta musica similare, un senso di catarsi. La condanna è stata pronunciata e il riscatto è impossibile, tantomeno il perdono: questa è musica ambient per un girone dell’Inferno dantesco. Onestamente, anche facendo appello a tutto il cinismo e la misantropia di cui sono capace, fatico a condividere una visione così negativa e ad immergermi totalmente nel suono. Se avessero ragione loro, sarebbe segno che Lucifero, nella caduta, ha trascinato con sé tutto il genere umano.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Amen Ra - Mass V (Neurot, 2012)

La paura è quella di accendere una luce, di veder filtrare un raggio di sole, di imbattersi in un'incandescenza che…

18 Feb 2013 Reviews

Read more

Yann Novak - Blue.Hour (Farmacia901, 2012)

Yann Novak vive e lavora nella città di Los Angeles dove donnine prosperose e omaccioni muscolosi corrono al rallentatore sulla…

19 Apr 2013 Reviews

Read more

Enrico Conglio & Matteo Uggeri - Open To The Sea…

Prima collaborazione fra Enrico Coniglio e Matteo Uggeri in questo disco che si avvale dei suoni di molti musicisti, del…

26 Sep 2017 Reviews

Read more

Di Domenico/Henriksen/Yamamoto - Clinamen (Off/Rat, 2011)

Ecco un gran bel disco alla faccia del jazz che non si muove, di quello che resta statico e legato…

08 Jun 2011 Reviews

Read more

Birthmark - Antibodies (Polyvinyl, 2012)

Nate Kinsella, il cugino dei due più noti fratelli, si è aggiunto negli ultimi anni ai Joan Of Arc, creatura…

12 Jun 2012 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi / Uncodified - Tape Crash #10 (Old Bycicle/Under…

Cassetta in coproduzione per due etichette che spesso dragano i fondali della musica delle nostre parti scovando e valorizzando musica…

11 Dec 2014 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 16 (05/02/15)

Per la puntata numero sedici della terza stagione di The Sodapop Fizz Emiliano e Stefano ospitano in trasmissione Andrea Serrapiglio…

09 Feb 2015 Podcasts

Read more

Zero23 - Boogie Desert (Song For A Post-Apocalyptic Western) (Manyfeetunder,…

I 23RedAnts tornano temporaneamente un duo solo per unirsi prontamente in terzetto con Giuseppe Fantini/Zerogroove che porta in dote una…

31 Jul 2017 Reviews

Read more

Otomo Yoshihide & Paal Nilssen-Love - 19th of May 2016…

Nuova uscita per Otomo Yoshihide e Paal Nilssen-Love, duo chitarra e batteria con all’attivo un precedente lavoro del 2014, dopo…

27 Aug 2018 Reviews

Read more

Woods - Songs Of Shame (Woodsist, 2009)

Piccoli grandi album ogni tanto spuntano fuori, specie in questo terribile 2009 di crisi. Quei dischi fatti con poco, piccoli…

21 Jul 2009 Reviews

Read more

Enrico Ruggeri – As If (Autoprodotto, 2017)

Parte da un’idea folle questo disco di Enrico Ruggeri, anzi, di quell’idea è in qualche modo il punto d’arrivo, anche…

12 Apr 2018 Reviews

Read more

Animal Farm Project - S/T (Autoprodotto, 2006)

Indubbiamente originale questo gruppo bolognese che prendendo come muse ispiratrici i Radiohead e i Rage Against The Machine, sa regalarci…

03 Dec 2006 Reviews

Read more

The Verge Of Ruin – Learn To Love Solitude (Setola…

Si presenta con un titolo bellissimo l’esordio di The Verge Of Ruin - duo che mette insieme le esperienze di…

14 Mar 2018 Reviews

Read more

Harvestman - In A Dark Tongue (Neurot, 2009)

Continua, lontano dal pantano in cui si sono ormai arenate le carriere di Neurosis e Tribes Of Neurot, il percorso…

30 Jun 2009 Reviews

Read more

De Curtis – Baciami Alfredo (Tannen, 2010)

Uno dei rari casi in cui la stupida frase di Frank Zappa "parlare di musica è come ballare di architettura"…

25 Jul 2010 Reviews

Read more

Adamennon - Nero (Autoprodotto, 2011)

Torna con un nuovo album, dalla sua dimora persa nell’Appennino tosco-emiliano, il musicista che si cela dietro al nome di…

16 Sep 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top