Umanzuki – Sonic Birds (Brigadisco/Fromscratch/Eclectic Polpo/Ambient Noise Session/Hysm?/Toten Schwan/Charity Press/ZAMZAM, 2012)

Sarò prevenuto io (non che me ne dispiaccia troppo), ma in questo particolare periodo storico il solo sentir parlare di Jazz-core mi fa mettere mano alla fondina così come, in tempi passati, era stato per il math core e per i gruppi basso e batteria, piaga quest’ultima che ancora fatichiamo a estirpare (Il Teatrino Degli Errori semper docet). L’esitazione che salva gli Umanzuki è dovuta al non vedere nel loro organico alcun sassofono: il successivo ascolto dell’EP vale loro la salvezza.
La realtà è che il terzetto (chitarra, basso, batteria) rischia scioccamente la vita, perché nella seconda parte del comunicato stampa, dopo l’iniziale sparata “Umanzuki è una giovane band toscana che suona jazz-core punk” si corregge il tiro e infatti del suddetto genere in questi sei pezzi non c’è taccia, spicca anzi la scrittura misurata e l’intelligente interazione fra forma canzone e spirito free. Se di jazz si vuole parlare va inteso quello più di confine, ma ancor più esattamente va considerato come spirito che anima canzoni che non si pongono limiti di genere: abbiamo così la psichedelia mesmerizzata dai riverberi di Sonic Birds, o il funk disturbato di Amazing Sun, che incupisce sul finale o le durezze di Captain Orso, mitigate da una sensibilità mediterranea che, insieme al gran lavoro percussivo, è l’elemento di coesione fra tutti i brani. Felice anche l’uso delle voci, presenti in metà dei pezzi: suadenti cantilene mai sopra le righe, contribuiscono a dare alle composizione quel tono di calda psichedelia che le rende così particolari. Va di moda vantare credenziali kraut; qui, se proprio bisogna citare dei padri nobili, penserei al giro prog napoletano degli Alan Sorrenti e Toni Esposito, quello slegato dagli schemi e dalle pomposità del genere, ma con radici profonde e respiro internazionale. La strada intrapresa dagli Umanzuki è buona e ha già dato i primi frutti, ma l’impressione è che le potenzialità siano ancora maggiori.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Ulna - Frcture (Karlrecords, 2008)

Se cercate questo disco su Google trovetere "A ulna fracture is an injury to one of the bones in the…

21 Sep 2008 Reviews

Read more

Tindersticks - Waiting For The Moon (Beggars Banquet, 2003)

Dunque, c’è andato l’uomo sulla luna o no? Ora che si è perso anche il video originale dell’impresa del 1969,…

23 Aug 2006 Reviews

Read more

Father Murphy - No Room For The Weak (Boring…

Un cd nero come la pece. Avvicinarsi ai Father Murphy mette un po' a disagio, sensazione che va oltre quell'inquietudine…

22 Oct 2010 Reviews

Read more

Black Fluo - Billion Sands (Pulver Und Asche, 2014)

A scadenze temporali abbastanza regolari, sui 20 - 25 anni, ogni genere o sottogenere musicale viene ripreso, a volte attualizzato,…

27 Nov 2014 Reviews

Read more

Necrophonix – Necrosick (Luce Sia, 2016)

Prima di scoprire chi fossero i titolari della sigla Necrophonix pensavo, vista la grafica in puro stile patologico - di…

08 May 2017 Reviews

Read more

The Wagner Logic - Easiest To Grab (Wilderhood, 2007)

C'è ancora posto per un disco di rock indie melodico che si faccia ancora ascoltare senza cominciare a sbadigliare? Anche…

12 Jan 2008 Reviews

Read more

Stalker - S/T (Produzionisante, 2008)

"Felicità per tutti, libertà, nessuno se ne andrà insoddisfatto!" Sardonicamente si chiude così il capolavoro assoluto dei fratelli Strugatsky…

14 Jun 2008 Reviews

Read more

Chad VanGaalen – Soft Airplane, B-Sides (SubPop, 2009)

Non lo sentivo nominare dal carino, ma presto archiviato Skelliconnection nel lontano 2006: Chad VanGaalen, musicista canadese di Calgary, Alberta.…

02 Jun 2010 Reviews

Read more

Golden Gurls - Typo Magic (Damnably, 2013)

Non saprei dire se il nome è una storpiatura di una vecchia serie televisiva statunitense ma certo è che il…

08 Jul 2013 Reviews

Read more

Der Blutharsch + Deutsch Nepal + Bain Wolfkind + Varunna…

La primavera sta portando da queste parti alcuni nomi storici della scena post-industriale e dintorni: dopo Brighter Death Now e…

30 Mar 2012 Live

Read more

Ranter’s Bay & Pablo Orza - ειμαρμενη (Kaczynski, 2020)

Fra le infinite collaborazioni che costellano il catalogo della Kaczynski quella fra Ranter’s Bay e Pablo Orza non l’avevamo ancora…

07 Aug 2020 Reviews

Read more

Raising Fear - Mythos (Dragonheart/SPV, 2005)

La nuova promessa del power metal! segnalano le prime note biografiche di questa scoppiettante formazione nostrana. Sound tedesco postbellico (Helloween,…

15 Aug 2006 Reviews

Read more

XxeNa & D.B.P.I.T. - White Stories Of Black Whales (Gatto…

Oggi, quando si parla di multimedialità, si pensa a qualcosa che permette la fruizione di un lavoro che coinvolge contemporaneamente…

23 Aug 2016 Reviews

Read more

Volcano! - Paperwork (Leaf, 2008)

Per un gruppo come i Volcano! è difficile aspettarsi certezze. Dopo aver mescolato tutte le carte dei generi, senza mai…

23 Sep 2008 Reviews

Read more

Daniele Brusaschetto – Flyng Stag (Wallace/Bandageman/Bosco/Solchi Sperimentali, 2019)

Non c’è traccia di nostalgia nel ritorno metallaro di Daniele Brusaschetto. D’altra parte, perché averne? Lui il genere l’ha sempre…

05 Nov 2019 Reviews

Read more

MSMiroslaw – Rebirth Invocations, Ritual Chants For The Vulture Goddess…

Sardegna pagana. Sembra essere questo il filo conduttore delle tante uscite provenienti da una regione che, dal punto di vista…

09 Jul 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top