Ulan Bator – 09/04/10 Tipo 00 (Brescia)

Nei sotterranei del centro storico di Brescia stasera toccai ai francesi (ma da tempo italiani d'adozione) Ulan Bator, ancora una volta in formazione rimaneggiata: all'inossidabile Amaury Cambouzat si affiancano ora Stéphan Pigneul, che ha sostituito lo storico bassista Olivier Manchion, e il batterista Alessio Gioffredi, in comproprietà coi postrocker nostrani Dilatazione. Nessuno scossone comunque, i nuovi si sono già perfettamente ambientati e suonano affiatati e compatti, come fossero qui da sempre.
È parecchio che non assisto a un loro concerto, almeno cinque anni; nel mezzo, una stretta frequentazione degli ex kraut Faust e qualche produzione discografica non proprio imperdibile, impressione confermata dall concerto, che prosegue la tendenza già evidente negli ultimi lavori: normalizzazione. Di quello che era stato uno dei gruppi di punta del post-rock europeo si scorgono ormai poche tracce; spariti i segni di krautitudine e le ripetizioni quasi atonali, buone idee non più sviluppate, rimangono i crescendo alla Mogwai o le brevi sfuriate noise in stile Sonic Youth (stilemi a loro volta già diulanbator----------------------tipo00 maniera) che si innestano su strutture che denunciano fin troppo le loro radici rock/blues. Non che il concerto sia brutto, tutt'altro, gli 80 minuti in cui il gruppo calca il palco trascorrono senza annoiare, con un impatto potente e belle canzoni, seppur senza sussulti. Da quasi ogni album viene estratto un pezzo, con maggior attenzione per il recente EP e qualche anticipazione del lavoro di prossima uscita. Belle canzoni, si diceva: una God Dog brutalmente annunciata nella sua traduzione italiana, Soleil, il pezzo in francese che i Pink Floyd non hanno mai scritto e Santa Lucia, da Ego:Echo, che fa la sua figura pur amputata dei passaggi minimali che possiamo apprezzare sul disco. Non male neppure qualcuno dei pezzi inediti, in particolare quello di chiusura, che lascia forse trasparire qualche lampo dell'antico splendore. Quello che lascia un po' interdetti in questo live è però l'abbandono delle sfumature a favore di un'esibizione di solo impatto, stretta fra i poli di una sorta di soft rock e di un massimalismo elettrico buono per tutte le occasioni, certamente d'effetto ma di cui, passato il momento, rimane poco. Ma è il caso di accontentarsi; al giorno d'oggi, per un gruppo di lunga militanza, è già molto non risultare patetici.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Jello Biafra/Guantanamo School Of Medecine + Panico - 27/08/09 Festa…

Serata punk revival alla festa di Radio Onda d'Urto, vecchie glorie in nuove forme per la gioia di grandi e…

27 Sep 2009 Live

Read more

Sanlupo - For Chorus, Cello & Electronics – 17/11/12 Ex…

Capita spesso che si organizzino eventi in ambienti insoliti, dando così la possibilità di restituire questi luoghi al pubblico, di…

30 Nov 2012 Live

Read more

Eternal Zio + How Much Wood Would A Woodchuck… -…

Torna ciclicamente a farsi vivo il Creassant, con proposte che sfidano il torpore di questa città di provincia, dando un…

19 Mar 2011 Live

Read more

Nymphea Mate - Endio (Hertz Brigade, 2011)

"Cambio rotta, cambio stile, scopro l'anno bisestile". Anno nuovo, vita nuova. A questo giro ho deciso di impegnarmi per sconfiggere…

06 Feb 2012 Reviews

Read more

St.Ride – Quando Arrivo Arrivo (Niente, 2012)

Immagino sia impossibile chiedere al duo composto da Edo Grandi e Maurizio Gusmerini di rimanere fermo in un punto; così,…

07 Dec 2012 Reviews

Read more

Inferno - The Fall And Rise And Fall Of Inferno…

Ritornano per il canto del cigno i capitolini più simpatici degli ultimi anni. Da una parte è un vero peccato…

29 Jan 2013 Reviews

Read more

[mumble]³ - Blank (Brlog, 2011)

Tornano i torinesi Mumble Mumble Mumble, stabilizzatisi come terzetto dopo la prova in parziale duo dello scorso anno. Se allora…

18 Jan 2012 Reviews

Read more

Uzi & Ari - It Is Freezing Out (Own, 2006)

Il "non-plus-ultra" (pronunciato alla Colle Der Fomento) del pop eccolo qui racchiuso in questo Uzi & Ari, mi sembrava strano…

27 Dec 2006 Reviews

Read more

Massimo Volume/Bachi Da Pietra – Split EP (La Tempesta, 2011)

Uno split fra due dei gruppi della penisola che più curano la parola, integrandola in contesti poco definibili ma certo…

19 May 2011 Reviews

Read more

AA.VV. – Metallo Liquido, L’Heavy Metal Come Forgia (L’Arca E…

Sarà un segno dei tempi che stiamo attraversando, ma sempre più spesso mi trovo  a pronunciare il termine “metal”, un…

11 Dec 2015 Reviews

Read more

Nicola Guazzaloca/Tim Trevor Driscoe/Slizard Mezei – Underflow (Leo, 2011)

Dopo lo splendido debutto di One Hot Afternoon ritorna la coppia Nicola Guazzaloca - Tim Trevor Briscoe che per l'occasione…

17 Oct 2011 Reviews

Read more

Miss Kenichi - The Trial (Sinnbus, 2014)

Katrin Hahner arriva al terzo disco come Miss Kenichi e fin dalle prime note di questo The Trial non lascia…

07 Oct 2014 Reviews

Read more

Carla Dal Forno - 25/04/2018 Monk (Roma)

Finalmente recuperate le date di presentazione dell’ep The Garden dopo la cancellazione del tour italiano dello scorso anno. La proposta…

02 May 2018 Live

Read more

Above The Tree & The E-Side – Wild (Locomotiv, 2012)

Non mi è ben chiaro se questo lavoro rappresenti il nuovo corso della carriera di Above The Tree o una…

18 May 2012 Reviews

Read more

Live Footage – Plays Jay Dee (Autoprodotto, 2012)

I Live Footage sono Mike Ties, batteria e tastiere, e Topu Lyo, violoncello. E il Jay Dee del titolo è…

05 Jul 2012 Reviews

Read more

My Dear Killer/Tettu Mortu – Cinque Pezzi Facili, Volume 3…

Due gruppi, cinque pezzi a testa, cinque uscite programmate: torna a distanza di otto anni la serie di split della…

16 Jan 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top