Toshimaru Nakamura – Re-Verbed (No-Input Mixing Board 9) (Room40, 2018)

Toshimaru Nakamura è uno dei pionieri del no imput mixing, accanito nel sondare ed esplorare questa pratica facendola avanzare di molto e cercando continuamente nuovi sbocchi applicativi. Passando dall’impro all’elettronica e cimentandosi in molteplici collaborazioni, è diventato un nome assolutamente imprescindibile della manipolazione partendo dagli ingressi a vuoto. Alcuni sviluppi del suo stile lo hanno visto impegnato nella costruzione di brani dai confini meno slabbrati e improvvisativi in favore di una forma, facendo le dovute proporzioni, più musicale e definita, in qualche modo meno astratta. I risultati di questa ricerca sono molto affascinanti e li si possono apprezzare ad esempio nel nuovo Re-Verbed, appena uscito su Room40.
L’insieme di base di suoni sfrigolanti, rumorismi, feedback compressi e distorti, stridori e distorsioni di ritorno vengono gradatamente piegati in un’elettronica sperimentale più narrativa, che riesce a contenere la materia incontrollabile all’interno di una forma che ne mantiene la sostanza ribollente e fragorosa, sintetizzando il contrasto tra scansione ritmica e una timbrica fredda e rumorista. Una visione che ha il buon gusto di sapere utilizzare in modo appropriato la tensione reiterativa arricchendola con dettagli che spingono verso una temporalità discorsiva, facendosi apprezzare per varietà e ottima capacità di sintesi. Così tra dub laceranti dai bassi eccessivi e frangenti di elettronica nervosa e schizofrenica, possiamo trovare distensione quando il suono trasfigura in pattern ambientali, facendo emergere una poetica meno scontrosa e più intimista; senza farsi comunque mancare, come giusto che sia, passaggi stridenti più indeterminati. Il punto di forza di Re-verbed, però, sta nell’intendere il ritmo estremizzandone i toni e straziandone i contorni, come succede nell’ottimo finale, dove la stratificazione profondamente dub entra costantemente in distorsione, imprimendo all’ascolto un effetto di notevole potenza. Un lavoro che mostra un’indiscussa classe compositiva ed esecutiva.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Centenaire - S/T (Chief Inspector, 2007)

Devo essere onesto, sentendo melodie facili e giri canticchiabili mi sono subito immaginato fosse la solita menata di disco melodico…

18 Dec 2007 Reviews

Read more

Thunder Bomber – S/T (6x6, 2009)

Sorti dalle ceneri ancora tiepide dell'iper-hyped band Machete dopo un risolutivo cambio alla sezione ritmica e già assurti a piccolo…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Monktronik (Pasquale Innarella & Roberto Fega) – S/T (Setola…

Il nome dato a questo progetto fornisce coordinate piuttosto precise di ciò che troveremo nel disco CD. Monktronik è il…

30 Jun 2014 Reviews

Read more

Atomic Paracelze – Atomic Love (Invaders, 2011)

Invecchiando si dovrebbe diventare più o meno intolleranti? No, perché io lo sto diventando meno e non so se sia…

27 Oct 2011 Reviews

Read more

Turner Schimana – Dope Beat Rosengarten (Chmafu Nocords, 2012)

Già un'altra volta, per il disco del Pivot Quartet, la Chmafu aveva dato alle stampe il lavoro di musicisti incontratisi…

04 Mar 2013 Reviews

Read more

Owen Tromans - Hope Is A Magnet (Sacred Geometry, 2007)

La bella copertina bianco celeste raffigura un flipper con un magnete, il titolo è all'insegna dell'ottimismo, così come i…

13 Jun 2008 Reviews

Read more

Crayon Mortel - Piel (51Beats, 2015)

L'etichetta nostrana 51Beats ci ha abituato ormai alle scoperte dal sottobosco italiano e pubblica un altro esordio di musica elettronica…

10 Apr 2015 Reviews

Read more

Io Monade Stanca - In The Thermi Table (Canalese Noise,…

La provincia di Cuneo riserva sempre qualche bella sorpresa alle mie orecchie. Gli Io Monade Stanca propongono un rock storto…

13 Apr 2009 Reviews

Read more

Lucertulas – The Brawl (Robotradio/MacinaDischi, 2010)

E venne il giorno della Lucertola. Dal precedente Tragol Del Rova ci dividono due anni e mezzo e decine di…

30 May 2010 Reviews

Read more

Alessandro Stefana - Poste E Telegrafi (Important, 2007)

Emiliano recentemente mi ha passato questo cd da recensire e finalmente ho potuto buttare un orecchio su questo ragazzo che…

27 Jun 2007 Reviews

Read more

Sdang! - Il Giorno Delle Altalene (Autoprodotto, 2015)

Seppur nascendo come side project della band dei fratelli Giuradei, gli Sdang! (Alessandro Pedretti e Nicola Panteghini) superano di gran…

19 Feb 2016 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra – Necroide (La Tempesta/Wallace/Tannen, 2015)

Per il sesto album i Bachi Da Pietra abbandonano i giochi di parole numerici - che da Tarlo Terzo ci…

28 Sep 2015 Reviews

Read more

Fops - Yeth, Yeth, Yeth (Monotreme, 2010)

Nella sezione dischi non recensiti per tempo, e che fanno di tutto per non farsi notare, una menzione va fatta…

25 Apr 2011 Reviews

Read more

Art Of Flying - Though The Light Seem Small (Discobolus,…

A noi di sodapop i fricchettoni piacciono, non quelli finti e poseur naturalmente, ma la coppia formata da David Costanza…

29 May 2010 Reviews

Read more

Russell And The Wolf Choir - The Ivy Leaf Agreement…

Cinque brani per Russell And The Wolf Choir, direttamente da Romford, ormai periferia nordest di Londra: la musica sembra però…

18 Dec 2014 Reviews

Read more

Sad Cambodia – First Metheoretical Bullettin (Sincope/Under My Bed, 2017)

La strana coppia: Massimo Onza, musicista nei panni di Wound e boss della Sincope insieme a Stefano Santabarbara, boss della…

04 Aug 2017 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top