Torturing Nurse + Cassa Ufficio Malattie Tropicali – Songs For… (Monstres Par Excess, 2008)

Grande! Era veramente da una vita che non sentivo un disco così "ignorante", se poi questo sia un pregio o no decidetelo voi. Noise, power-noise a palla e senza andare troppo per il sottile, quindi roba grezza buttata direttamente in mezzo agli occhi e nel modo più cafone possibile, perciò scordate Merzbow, no Maurizio Bianchi, no finesse ma cafoneria orientale e/o filo americana a chiodo.
Anzi, già che ci siamo apriamo il solito excursus (senza il quale non potreste andare in bagno) con qualcosa su cui riflettere: se proprio bisogna dividere le acque perché "se l’ha fatto quel tizio posso farlo pure io" direi che bene o male se c’è rumore e rumore, è probabile che ci sia tutta una parte di noise più o meno "pensato" o "colto" (per quanto il termine capisco che faccia senso e ribrezzo) che muove i primi passi partendo dalla musica concreta, dalla musica ambientale, da alcune cose industriali degli albori ed anche dalla sperimentazione krauta. Poi c’è tutta una parte di noise che un po’ viene dal punk e un po’ sguazza in molto rumore giapponese che non va certo per il sottile, ma che semmai fa dell’ignoranza totale ed incondizionata il proprio marchio caratteristico. Direi che questo disco è molto più incline alla seconda categoria, perciò: flusso continuo con tutto tenuto in "saturazio maxima", senza troppo badare alla costruzione ma con gli occhi puntati alla distruzione ed al kaos (a tratti mi ricorda alcune cose di Masonna). Calci in mezzo ai denti, a partire dalla copertina fino ai corpi ammassati nell’interno dell’interno proprio sotto alle note, direi che certo noise bene o male in parte è diventato il nuovo crust: comunque i cadaveri vanno sempre come il pane, sono l’unica cosa realmente intramontabile e su cui vale la pena riflettere. Un buon disco power noise, con poco costrutto ma con molto una bella dose di cafoneria totale, e per quanto non conosca Cassa Ufficio Malattie Tropicali, i Torturing Nurse meritano un giro sul sito, visto che sono dei finissimi dandy alla Cock ESP, anche come genere e come suono. Se vi piace il kaos tenuto molto sopra le righe cercate senza indugi, pur non avendo picchi particolari che lo facciano stagliare al di sopra di molti altri gruppi del giro, ha la resa sonora e la cafoneria necessarie per non risultarne al di sotto. Vedendo le foto sulla pagina myspace immagino che i loro concerti non siano niente male.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Omosumo - Ep (Auprodotto, 2008)

Ancora Sicilia, ancora promesse, ancora cose da dire. Potremmo quasi definirla una seconda ondata, considerando come prima quello fiorita…

17 May 2009 Reviews

Read more

Christopher Tignor - Core Memory Unwound (Western Vinyl, 2009)

Ribadisco che la Western Vinyl è una gran bella etichetta e dire che fa molta roba melodica, alcune cose addirittura…

06 Jun 2009 Reviews

Read more

The Barons 80 - S/T (Hellbones, 2020)

Fedele ai reconditi quanto primigeni amori della Hellbones ecco un prodotto tanto inaspettato quanto fresco come una sgasata di hot-rod.…

12 Feb 2021 Reviews

Read more

Monarch – Sabbath Noir (Heathen Skulls, 2010)

Fra le cose migliori del cospicuo bottino di dischi che il boss ha portata dall'Australia c'è questo vinile dei francesi…

03 Jan 2011 Reviews

Read more

Rage Against The Sewing Machine Vs. Indch Libertine – S/T…

Del duo bolognese delle Rage Against The Sewing Machine avevamo già avuto occasione di parlare in occasione del Tago Fest:…

02 Sep 2011 Reviews

Read more

Iron Molar - Sounds For An Awesome Suspension (The Fucking…

Dall'hardcore più o meno evoluto al noise più sfrigolante il passo non è certo breve, ma da tempo la strada…

24 Sep 2008 Reviews

Read more

Helios - Eingya (Type, 2006)

Paesaggi dipinti da un piano, pizzicati dolcemente da una chitarra e che descrivono i cicli delle stagioni e degli stati…

21 Nov 2006 Reviews

Read more

Casa Del Mirto – 1979 (Mashhh!, 2011)

I pomeriggi da piccolo, quando giocavi con gli amici senza stancarti mai, dove pure le giornate non finivano più. Il…

12 Mar 2011 Reviews

Read more

Black Mountain - Wilderness Heart (Jagjaguar, 2010)

Spinto da un grande sforzo pubblicitario arriva il terzo disco dei rcanadesi Black Mountain, ormai consolidati come uno dei più…

14 Oct 2010 Reviews

Read more

AA.VV. - Guitars, An Anthology Of Experimental Solo Guitar Music…

Qualcuno dei più attempati la fuori ricorda quella mitica compilation intitolata Guitarrorists? Beh... si trattava di un doppio lp e…

25 Jan 2011 Reviews

Read more

Tsigoti - Read Between The Lines... Think Outside (Post-Consumer, 2013)

L'urgenza creativa, in un gruppo come gli Tsigoti, non traspare solo dallo stile musicale, ma anche dalla frequenza delle uscite:…

18 Apr 2013 Reviews

Read more

Kitchen Door - Sodapop Edition n.0

I nostri due valenti collaboratori Marcello F. ed Emiliano Z. abbandonano (temporaneamente) la parola scritta e si cimentano con…

02 May 2009 Podcasts

Read more

Julia Kent - Character (Leaf, 2013)

Terzo disco solista per Julia Kent, che si accasa questa volta su Leaf, in un continuo crescendo di notorietà: Character…

21 Mar 2013 Reviews

Read more

Enkil/La Furnasetta – Industrial Archeology (Luce Sia, 2019)

Chi si appresta all’ascolto di Industrial Archeology, cassetta split pubblicata da Luce Sia, non può farsi illusioni: il titolo e…

27 Aug 2019 Reviews

Read more

U.S. Girls + Father Murphy - 07/01/09 Arci Kroen (Villafranca…

Portarsi sul posto in anticipo per poter gustare un buon pasto nella trattoria all'interno del Kroen è certo il modo…

22 Feb 2009 Live

Read more

Balmorhea - Rivers Arms (Western Vinyl, 2008)

Quando la Western Vinyl mi ha contattato per recensire i Balmorhea ero un po' titubante, ho visto che in catalogo…

22 Jan 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top