Tiziano Milani – Im Innersten (Afe, 2009)

Ormai non ha più senso parlare di rivelazione per Tiziano Milani visto che sarà al quarto o quinto album e credo che contando anche collaborazioni e web-release potrebbe anche essere andato oltre il numero che ho scritto, questo tanto per dire che non si tratta certo di uno che fa uscire dischi sporadicamente. Nonostante la sua attività sia intensa e non frenetica (cosa che gli consente di mantenere un profilo di uscite molto buono), per molti risulta ancora sconosciuto ed è un peccato visto che le uscite su Setola Di Maiale, Afe, Chew-Z, Rudimentale e le comparsate su Extreme grazie ai CD di Claudio Parodi non sono cosa da poco.
Milani muovendosi in totale autonomia sta andando sempre più alla deriva nel suo suono, perché sì, che ci crediate o no, questo lombardo ha sviluppato un suono autonomo ed in un ambito para elettronico direi che ci sarebbe da gridare al miracolo anche solo per questo. Per i lavori di questo musicista il termine "astratto" casca più che mai a fagiolo, infatti si tratta di musica mediamente fredda, buia (pur non essendo cupa) e più che mai astratta anche se in modo molto espressivo. Se stessimo parlando di classica contemporanea potremmo menzionare quell’eroe totale di Morton Feldman senza alcun timore e non è proprio un caso dato che con alcuni momenti di questo e di altri CD di Tiziano Milani non ci sta neppure male, diciamo che i lavori di questo architetto a tratti risultano in sospensione fra l’elettronica e la musica contemporanea: un po’ come se le simmetrie sinistre di Feldman fossero state meno dilatate, più silenziose. Ma questo vale solo per alcune tracce come quella d’apertura, per il resto del disco Afe si tratta di un lavoro dalla grana molto densa, a tinte piene e poco luminose, con delle folate di suoni dal sapore elettroacustico, ma resta comunque che le alternanze dei suoni con molti spazi vuoti ci sono anche là dove di estetica da musica contemporanea se ne trova meno. Voglio spingermi oltre dicendo che anche questo disco conferma che "astratto" non significa necessariamente fastidioso e tanto meno inespressivo, anzi, il bello dei dischi di Milani sta proprio in questo: riescono a coniugare una serie di suoni freddi, di frequenze, di campionamenti assortiti, a creare un'amalgama in cui tutto finisce per essere ben impastato e con un senso molto profondo. Un senso di vuoto o forse semplicemente un senso d’inquietudine tutto notturno, ma che arriva e si dirige dentro alla pancia.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Raccoo-oo-oon - Behold Secret Kingdom (Release The Bats, 2007)

Qualche nota per cominciare, i Raccoo-oo-oon provengono da Iowa City, Iowa, USA. Raccoon invece è il procione, l’orsetto lavatore americano,…

16 Aug 2007 Reviews

Read more

Text Of Light - Un Pranzo Favoloso / A Fabulous…

Facendo Un Pranzo Favoloso a base di improvvisazione avant-free-jazz la cosa più difficile é digerirlo... Anche se trovare il momento…

24 Dec 2007 Reviews

Read more

Sprinzi - Ohh Ohh (Alice/Fooltribe, 2007)

Gli Sprinzi hanno un non so che di speciale: in circolazione da un po' (dieci anni circa), sono il classico…

05 Nov 2007 Reviews

Read more

Loobiecore, ovvero dell'essere un perdente di successo.

Mi sono sempre concentrato, forse un po' morbosamente, su Lou Barlow. Non fraintendiamo, non sono ai livelli di D. Chapman…

23 May 2015 Articles

Read more

The Death Of A Party - The Rise And Fall…

Mi sa che ci siamo dimenticati delle chitarre. Diciamocelo pure, dopo la scorpacciata math e del post-rock Kinsell-iano da queste…

10 Nov 2007 Reviews

Read more

Bugo + Il Genio - 25/10/08 Mojotic @ MEP (Sestri…

Per la prima volta mi muovo verso i lidi rivieraschi alla ricerca del MEP, che mi dicono essere un capannone,…

26 Oct 2008 Live

Read more

Makhno/HaveyousaidMakhno - Digital 7” (Neon Paralleli/Brigadisco/HYSM?/Wallace, 2013)

L'alias di Paolo Cantù torna a farsi sentire con un 7" digitale, presentato con grafica e immagini del vinile come…

02 Jul 2013 Reviews

Read more

Brighter Death Now + Sala Delle Colonne + TSIDMZ –…

Attendevo da tempo la possibilità di vedermi dal vivo il progetto svedese Brighter Death Now, dopo non aver potuto partecipare…

16 Mar 2012 Live

Read more

True Widow - True Widow (End Sounds, 2008)

Widow. Vedova. Una parola forte. Una parola che richiama ai nostri occhi un’immagine precisa. C’è chi la vede una donna…

05 Mar 2009 Reviews

Read more

Paolo Bellipanni - Radiance (Eklero, 2020)

Paolo Bellipanni abbandona la vecchia ragione sociale K’an, con la quale lo avevamo conosciuto ormai sette anni fa, e (ri)esordisce…

14 Jan 2021 Reviews

Read more

Monosonik - Mechanical Fluxus (Ticonzero, 2011)

Ero già rimasto favorevolmente colpito dall'esordio di questo gruppo che coinvolge un ex Templebeat e TH26 (una collaborazione con Maurizio…

10 Feb 2011 Reviews

Read more

Vuur - Vuurviolence (Shove, 2007)

Mi spiace che qualcuno conoscendomi possa pensare che io sia scarsamente obiettivo nel parlare di Shove per causa della conoscenza…

25 Jul 2007 Reviews

Read more

R-11 - Waschmaschine (Lizard/HysM?/Moving, 2014)

Sfuggente ed eclettica creatura questa lavatrice che come molti power trio consumati da anni di jam crea una fluida  macchina…

29 Jan 2015 Reviews

Read more

Lucifer Big Band – Atto III (Bloody Sound Fucktory, 2017)

Dev’essere l’anno della chiusura delle trilogie il 2017: dopo Deison & Mingle tocca alla Lucifer Big Band completare il triangolo…

07 Jun 2017 Reviews

Read more

The Eagle Twin Ascend the Iceburn: intervista a Gentry Densley

Dopo aver ripercorso la carriera di Gentry Densley dagli esordi (Iceburn) ai nostri giorni (Ascend e Eagle Twin) nell'articolo monografico,…

07 Mar 2012 Interviews

Read more

Cégiu - Glowing Goodbyes (LP/CD limited editions, autoprodotto, 2022)

A volte la radio rapisce. Come questa sera, nel dopocena, mentre una radio nazionale manda un programma di approfodimento sulla…

21 Apr 2022 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top