Tindersticks – Across Six Leap Years (City Slang, 2013)

Sono da sempre un grande fan della band di Nottingham, capace, a mio avviso, di regalare dischi di assoluto prestigio e consistenza. Un lavoro di incredibile qualità per grande parte della carriera che, però, ha notato un calo vistoso negli ultimi anni che ha portato la band di Stuart Staples a pubblicare dischi a dir poco sottotono e incapace di eguagliare la bellezza di capolavori come i due omonimi (1993 e 1995) e del terzo, magnifico, Curtains. La band sapeva maneggiare con grande equilibrio una strumentazione da chamber music raffinatissima e un songwriting pop di alta scuola guidato dalla voce baritonale di Staples. Vi basti pensare che all’università ebbi la bizzosa idea di portare ad un esame la tesina su un disco dei Tindersticks, con grossa sorpresa del professore di Semiologia del testo. Ora, se davanti alle ultime uscite della band inglese ho storto il naso, devo dire che quest’ultimo disco non mi è dispiaciuto. Chiariamo subito, però, che si tratta di ri-registrazioni di brani e materiale già precedentemente pubblicato o dalla band o da Staples in solitaria. Across Six Leap Years (registrato agli studi di Abbey Road) infila alcuni brani del cantante da solista e alcune perle: ok, non ci sono forse i pezzi migliori, ma per quanto diversamente (poco) suonati (la band ha perso qualche pezzo, uno su tutti il formidabile batterista Al Macauley) e arrangiati risulta proprio dura rovinare brani come If You Are Looking For A Way Out, oppure A Night In, anche se, soprattutto in questo caso, si fa preferire la versione originale. Dei primi dischi rimane poco e forse in questo rimane il punto debole della band: l’aver partorito subito tre dischi di eccellente qualità e di aver continuato, pur nella piena sufficienza, con dischi che però non hanno mai raggiunto l’empireo dei primi anni. L’indole sofferente e ombrosa della musica e della voce di Staples rimangono. A volte basta poco, io la sera questo disco lo metterei su, fossi in voi.

Tagged under:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Giardini Di Mirò - Good Luck (Santeria, 2012)

I Giardini Di Mirò - come, sono convinta, per moltissima gente più o meno della mia età - sono stati…

17 Apr 2012 Reviews

Read more

Petrolio / Mademoiselle Bistouri - Playing With Aliens / Ass…

L'instancabie etichetta svizzera continua a produrre e a contaminare il mercato indipendente con elettronica alquanto trasversale e alcuni tra gli…

08 Jan 2019 Reviews

Read more

STROMBOLI - Exiles (digital ep, Depths, 2021)

Facendo qualche calcolo sono più di 10 anni che in qualche modo ascolto le opere di Nico Pasquini, prima coi…

30 Dec 2021 Reviews

Read more

Chevreuil - Fils Unique 7" (Collectif Effervescence, 2007)

Math rock strumentale, un duo chitarra e batteria, per di più registrato al solito in modo impeccabile in presa diretta…

23 Jan 2007 Reviews

Read more

Loss Of Self - Twelve Minutes (The Flenser, 2013)

Gli australiani Loss Of Self arrivano al primo disco e trovano casa sulla americana The Flenser, etichetta che nel "black…

08 Jan 2014 Reviews

Read more

Secret Shame - Dark Synthetics (Taxi Driver, 2020)

Ottimo goth revival per questi giovani statunitensi della North Carolina. Sembra di aprire le polverose pagine di un Rockerilla del…

24 Nov 2020 Reviews

Read more

The Lodger + Je Suis Animal + Esiotrot + Mexican…

Colgo l'occasione di una recente visita nella capitale dell'impero, quello del bene, e cerco di orientarmi rispetto alle nuove coordinate…

07 Mar 2009 Live

Read more

Balmorhea - All Is Wild, All Is Silent Remixes (Western…

É la seconda volta che mi trovo a recensire un disco di questo gruppo americano per Sodapop, nel primo caso…

01 Sep 2009 Reviews

Read more

The Star Pillow/Larkian – Split Tape (Dead Vox, 2016)

Due uomini armati di chitarra si dividono i lati di questo nastro della svizzera Dead Vox e danno un saggio…

27 Feb 2017 Reviews

Read more

Cleisure - Hidrogen Box (Overdub, 2019)

Sempre dal calderone Overdub sbucano anche questi Cleisure, giovane trio innamorato delle chitarrine di Jay Reatard seppure senza essere di…

21 Oct 2019 Reviews

Read more

Athletic Automation - A Journey Through Roman’s Empire (Skin Graft,…

Steve Mattos, chitarra, già con Arab On Radar, e Patrick Crump, batteria, formano insieme gli Athletic Automation,…

13 Nov 2007 Reviews

Read more

Erdem Helvacioglu - Wounded Breath (Ancourant, 2009)

Altro gradito ritorno, infatti come qualcuno di voi si ricorderà avevamo recensito questo compositore turco in occasione del suo lavoro…

06 Sep 2009 Reviews

Read more

The Asstemians – S/T (Neonparalleli/HYSM?, 2014)

Il nome prometteva male, le facce in copertina pure peggio. L’ascolto… Dio ce ne scampi! Mirko Spino, braccio e mente…

24 Jun 2014 Reviews

Read more

DD Owen - S/T (12XU, 2016)

Nella sezione "miglior rumenta del 2016" ecco che mi sento di caldeggiare Il 19enne Drew Owen, trasferitosi a New Orleans…

02 Aug 2017 Reviews

Read more

Hermetic Brotherhood Of Lux-Or - Sex And Dead Cities (Boring…

In questi ultimi anni nessuno ha saputo raccontare la Sardegna, il suo spirito, la sua storia e il suo presente,…

27 Dec 2019 Reviews

Read more

Sparkle In Grey - The Calendar (Grey Sparkle/Under My Bed/Old…

Arrivo con una stagione di ritardo a parlare del nuovo lavoro degli Sparkle In Grey che pubblicano un disco a…

06 Nov 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top