Three Second Kiss – Long Distance (Africantape, 2008)

Formazione nuova, vita nuova, ma pur sempre vecchi Three Second Kiss, sia nel bene che nel male. Il gruppo non credo abbia bisogno di presentazioni ma se proprio servisse: partirei col dire che insieme agli Uzeda sono stati la punta dell'iceberg della stagione d'oro del post/math-rock italiano e per quel che mi riguarda c'è stato un tempo in cui se la sono giocata alla pari con parecchi americani famosi…anzi quello a dire il vero lo fanno ancora egregiamente, anche se con qualche riserva.
Il tempo passa e le cose cambiano, così succede che una volta a Springfield fossero i coniugi Tilotta a "rockeggiare" ed invece ora tocca a loro figlio dietro alle pelli della batteria, me lo ricordavo acerbo nei non troppo convincenti Theremin ed invece si è trasformato in uno splendido pestone mancino (se ben ricordo). L'etichetta è al suo esordio, ma solo per modo di dire visto che si tratta di una joint venture di 5 Roses e della francese Sickroom, mentre per confermare la tradizione dietro al banco di regia c'è nuovamente Steve Albini. Squadra che vince non si cambia e così i T. S. K. riprendono il discorso da dove l'avevano interrotto, se proprio avete necessità di valutazioni, direi che questo disco sia molto meglio di Music out of music ma dietro Everyday everyman. Un problema di qualità? Assolutamente no, anzi il livello è alto come sempre basta, sentire il duo di Dead horse swimming e deviationism, spazza via praticamente il novanta per cento dei gruppi math/post-rock che ho sentito negli ultimi anni ed arriva a livelli di eccellenza mostruosi. Il fatto è che passa il tempo e i Three Second Kiss forse rimangono un po' incollati a se stessi, cosa non da poco visto che già avere una personalità ha del miracoloso, forse il problema è solo mio che da un gruppo del genere mi aspetto sempre qualcosa in più. Tanto per chiarire ogni dubbio posso tranquillamente affermare che questi siano stati uno dei migliori gruppi che abbia mai visto la luce in Italia e non solo, proprio per questo le mie aspettative sono sempre molto alte. Immagino che qualcuno si ponga il problema se si tratti solo del fatto che "finita la moda del post rock e del math quello che lo ricordi o lo riproponga sia poco trendy", non penso che sia questo il punto, credo che la cosa geniale dei gruppi post-Hoover sia stata quella di cambiare sempre un po' il target, da Regulator Watt ad Abilene, stesso dicasi dei June of 44 per cui Four great points rimarrà un capolavoro, ma di cui Anahata, che sembra quasi un disco fusion evoluto, non è da meno oltre che essere il passo successivo, rimanendo attinenti al discorso, gli stessi Zu a loro modo sono uno dei prodotti più illuminati e più in evoluzione del math-rock di quegli anni (anche se in questo caso l'etichetta sta un po' stretta). Ma se i Three Second Kiss hanno una loro identità perché allora metterli in parallelo con Hoover e June of 44? E perché no invece? Anzi voglio concludere dicendo di più, che al di là delle discussioni su anacronia sì, no, forse…se l'ultimo Shellac avesse avuto la metà dell'adrenalina di questo disco sarei riuscito ad ascoltarlo più delle due volte che mi sono dovuto imporre avendolo ricevuto in regalo. Detto ciò: Albini santo subito e "god save Three Second Kiss!".

Tagged under: , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Doggs - Black Love EP (Autoprodotto, 2011)

Marcissimo e maleodorante EP imbrattato di Stooges, Velvet Underground e sferragliante punk anni settanta. Fa sempre piacere sentire che esiste…

16 Feb 2012 Reviews

Read more

Joan Jordi Oliver - Enlaire (LP Total Silence, 2022)

Devo essere onesto, non so molto di Joan Jordi Oliver. So che risiede a Zurigo, dove organizza in diversi spazi…

15 May 2022 Reviews

Read more

LaColpa - Post Tenebras Lux (Brucia, 2021)

Uscito in dicembre ma da considerarsi un prodotto dell'anno in corso LaColpa incarna l'ultima fatica di Davide Destro, ormai decano…

15 Feb 2021 Reviews

Read more

The Days Are Blood – S/T (Autoprodotto, 2013)

Ci sono duo strumentali e duo strumentali. Fatto salvi quelli dediti all'improvvisazione radicale che in linea di massima, lo sapete,…

10 Apr 2013 Reviews

Read more

Camilla Pisani - Frozen Archimia (Midira, 2020)

Camilla Pisani approda sulla tedesca Midira con un nuovo lavoro che esprime bene la consapevolezza della sua visione. I sei…

17 Mar 2020 Reviews

Read more

Nytt Land – 14/09/2019 VII Midgard Viking Folk Fest (Viadana…

Sono insolite connessioni culturali quelle che portano, in questa notte di luna piena e rossa, i siberiani Nytt Land (quattro…

17 Sep 2019 Live

Read more

WOW - Falene (Maple Death, 2021)

Gli WOW, dacché li conosco e li ascolto, sono stati sempre portatori di due principi, stile ed eleganza. Progetto che…

16 Jan 2022 Reviews

Read more

Swedish Mobilia – It's Not Jazz, It’s Worse (Auand, 2016)

Se non apprezzassimo da tempo gli Swedish Mobilia – il trio composto da Andrea Bolzoni alla chitarra ed elettronica, Dario…

21 Mar 2017 Reviews

Read more

Deison & Mingle – Innersurface (ST.AN.DA., 2017)

La nuova collaborazione fra Andrea Mingle Gastaldello e Cristiano Deison (se non si conta il miniCD d’esordio per il single…

27 Mar 2017 Reviews

Read more

Valla II – Lullabies (Autoprodotto, 2012)

Capita a volte, rovistando a caso nel ciarpame della rete, di pescare qualche perla. Così, poco tempo fa, ci è…

31 May 2012 Reviews

Read more

Anthony Cedric Vuagniaux - Le Clan Des Guimauves (Plombage/Suisa, 2014)

Il compositore svizzero Anthony Cedric Vuagniaux arriva alla terza uscita sulla lunga distanza, sempre restando nel genere della colonna sonora,…

31 Mar 2015 Reviews

Read more

Squadra Omega – Altri Occhi Ci Guardano (MacinaDischi/Sound Of Cobra/Outside…

È stato un periodo assai prolifico quello appena trascorso per  la Squadra Omega, che ha portato all’uscita di ben tre…

16 Oct 2015 Reviews

Read more

Donato Epiro – Fiume Nero (Black Moss, 2014)

Era un po’ che Donato Epiro, impegnatissimo coi suoi Cannibal Movie, non si faceva vivo con un disco a suo…

22 May 2014 Reviews

Read more

Furtherset - To Alter And Affect EP (-Ous, 2018)

Attivo già da qualche anno, Tommaso Pandolfi aka Furtherset ha pubblicato varie uscite e alcune presenze in contesti importanti dentro…

27 Apr 2018 Reviews

Read more

Dans Les Arbres - Volatile (Sofa, 2019) / Mausoleum (Bandcamp…

Dans Les Arbres è un ensemble composto dal clarinettista francese Xavier Charles e i norvegesi Christian Wallumrød (piano), Ivar Grydeland…

10 Jan 2020 Reviews

Read more

Barabba - Primo Tempo (Autoprodotto, 2022)

Notturno trip hop in italiano per alcuni dei volti più noti del panorama indie rock di casa nostra. Uno di…

05 Apr 2022 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top