Three In One Gentleman Suit – Some New Strategies (Black Candy, 2005)

Dopo il superbo Ep Battlefields In An Autumn Scenario le attese per questo nuovo album del trio modenese erano spasmodiche. Tanto che forse un pò troppo in fretta alcuni hanno accolto Some New Strategies (uscito stavolta per la fiorentina Black Candy) non proprio nel migliore dei modi, in sintesi: troppo astruso, freddino e difficile rispetto al suo predecessore. Anch'io inizialmente (nei primi due ascolti diciamo) ho avuto la stessa impressione: forse perchè tutti ci aspettavamo quel post rock dalle linee malinconiche di facile presa perfettamente amalgamato al suono dei Karate. Geoff Farina infatti è diventato un nome ingombrante per i Three In One Gentleman Suit, vuoi per la straordinaria tecnica del chitarrista Giorgio, vuoi, soprattutto, per la voce di Paolo. Perciò se con Battlefields potevamo fantasticare con la mente, arriva Some New Strategies a riportarci alla realtà, con i suoi riff secchi e precisi, consegnandoci l'arduo compitino di matematica. L'apertura è affidata all'attacco di batteria senza scampo di Modern Age Apologies. C'è qualche cambiamento di rotta, naturale e senza grossi traumi: dalla provincia di Modena a quella di Reggio Emilia (Cavriago) e poi a Boston; da qui alla Louisville di uno o due lustri passati. Impermeabile alle mode il trio emiliano snocciola il il suo math rock con grande precisione: prendiamo Maths Rule The Squadrons con quella tromba jazzata, un leggero sentore dei grandi June Of 44 e tanto tiro. In A Sort Of Withdrawal, The Way You Walk e Get Off My Plane i Karate degli esordi fanno di nuovo capolino, ed è sempre un grande piacere. La punteggiatura di basso di Two Thousand Steps apre ad un arpeggio di chitarra melodico che per un attimo sembra riportarci alle melodie del primo disco, prima di tornare alle ragnatele algebriche e alla chitarra circolare di Approach/ Arrival (uno dei miei brani preferiti) o alla brevissima sperimentazione di Underwater, My Samba, il cuore oscuro del lavoro. Chiude Delikatessen, un brano sottotono degno del Farina più riflessivo. Superate le iniziali riserve, dunque, il disco sembra aprirsi come un buon vino svelando tutta la sua potenzialità ascolto dopo ascolto, assaggio dopo assaggio. Dal vivo si può apprezzare la reale dimensione della band, tanto chirurgica e senza sbavature quanto estremamente coinvolgente. myspace qui.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Papier Tigre - S/T (Collectif Effervescence, 2007)

Disco che gronda Chicago, Washington e indie / math rock metà '90 da tutti i pori. Potremmo indicare,…

06 Nov 2007 Reviews

Read more

Philippe Petit & Friends - Reciprocess: +/VS. (Bip_Hop, 2009)

DJ, giornalista musicale, discografico, prima con il rock estremista e di confine della Pandemonium, ora con la più elettronica,…

21 Sep 2009 Reviews

Read more

Daniele Brusaschetto - Fragranze Silenzio (Bosco/Sincope/Bar La Muerte/Chew-Z, 2010)

Uscita di fine anno per uno dei "best kept secret" italiani... ma si tratterà realmente di un segreto? Daniele Brusaschetto…

15 Jan 2011 Reviews

Read more

The Seven Mile Journey - The Metamorphosis Project (Fonogram Agency,…

The Seven Mile Journey è un quartetto danese, qui alla prese con il suo secondo album (il primo risale al…

11 Jun 2008 Reviews

Read more

Es - Tutti Contro Tutti Portiere Volante (Fosbury, 2011)

Italico rock che tanto potrebbe esser caro agli amanti dei Numero 6 quanto dei Virginiana Miller. Evocativi fin dal titolo…

01 Mar 2012 Reviews

Read more

FR Luzzi - Happiness Is An Overestimated Value (Arab Sheep,…

Elogio della lentezza. Elogio della velocità. Andare forte e consumare tanto. Non sgasare e guidare in sicurezza. Elogio della regolarità.…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Mortification To The Flesh - Le Trésor Maudit (Final…

La Final Muzik inaugura una nuova collana significativamente intitolata Eighties che si propone di rimettere in circolazione titoli di quel…

26 Jan 2012 Reviews

Read more

Mauro Basilio / Fabrizio Bozzi Fenu / Paolo Sanna -…

Un trio davvero notevole per questa uscita di Setola Di Maiale: al violoncello c'è Mauro Basilio, a chitarra ed elettroniche…

02 Nov 2016 Reviews

Read more

John Tilbury / Keith Rowe / Kjell Bjørgeengen - Sissel…

Sissel è il resoconto di un concerto tenutosi nel 2016 al Moving Sound di Stavanger in Norvegia, un ex supermarket…

02 Jun 2018 Reviews

Read more

Father Murphy – 13/04/12 Agorà Del Polaresco (Bergamo)

Se avete letto la recensione del nuovo album dei Father Murphy, potrete capire che l'occasione di vederli dal vivo a…

27 Apr 2012 Live

Read more

The Comformist – Three Hundred (Africantape, 2010)

Quanto dista St. Louise, nel Missouri, da Louisville, nel Kentucky? In automobile poco più di 260 miglia; a sentire The…

11 Apr 2010 Reviews

Read more

Svart1 - Frozen Chants (Luce Sia, 2018)

Frozen Chants è un viatico ultraterreno diviso in dodici tracce, benché formalmente si abbia la percezione che sia sempre lo…

15 Jan 2019 Reviews

Read more

Valgrind - Blackest Horizon (Everlasting Spew, 2018)

Pur restando in ambito decisamente estremo, le coordinate dei Valgrind sono molto diverse da quelle dei compagni (di etichetta) Convocation.…

09 Jun 2018 Reviews

Read more

Susanna Gartmayer – AOUIE, Solos For Bass Clarinet (Chmafu/God, 2015)

New York’s Alright If You Like Saxophones, dicevano i Fear; se invece amate il clarinetto, la città che fa per…

22 Jan 2016 Reviews

Read more

One Man Bluez - Dirty Blues Lover (Bloody Sound Fucktory,…

Super fuzzissimo blues in solitaria per il romano Davide Lipari che implacabile come tutti i bluesman tira dritto dieci pezzi…

06 Feb 2017 Reviews

Read more

Gian Luigi Diana/Stefano Giust/Lorenzo Commisso – Cos'Altro (Setola Di Maiale,…

È certamente un paradosso accostare il termine "classico" a un'etichetta di ricerca come Setola Di Maiale, eppure se dovessimo spiegarne…

11 Jan 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top