The White Mega Giant – Antimacchina (Shyrec/Up To You, 2011)

Quando siamo arrivati ad un punto di rigetto verso qualsiasi nuova band giovane, magari italiana, che ripropone in pieno 2012 il post rock strumentale, ecco la sorpresa. Se esistesse in qualche modo un brevetto per la formula, i Mogwai camperebbero per tre generazioni. Anche se sicuramente qualcuno prima di loro accamperebbe qualche diritto. La doverosa premessa viene ancora di più rafforzata dalla eccezione che conferma la regola. Questa eccezione è rappresentata dai padovani The White Mega Giant, che (già dal nome…) annichiliscono l’ascoltatore con una produzione eccellente e crescendi stratificati che sembrano non finire mai (“la band dai crescendo infiniti” o qualcosa di simile, ci disse un comune amico). Ero un po’ diffidente, vista la quantità di gente che suona/va questo genere tra Padova, Modena e Brescia: il triangolo della Padania post rock. Attenzione non parliamo di quei crescendo da eiaculazione precoce a cui ci hanno abituati in troppi, anche per esigenze di cambio palco: qui, dal minutaggio, si può parlare del Ron Jeremy del post rock. In un colpo solo, senza inventare nulla, ma proprio nulla di nulla, mi sono ricordato di quanto fossero evocative e potenti, lustri fa, certe sonorità, forse anche perchè suonavano decisamente fresche. Il giovane trio non prende in giro nessuno, non mescola le carte: la press sheet è scarnissima e in rete credo manco abbiano la pagina bandcamp. Si autodefiniscono “trio post rock strumentale da Padova” e fanno le cose che devono fare in modo egregio, portando il suono, anche per la cura estrema – dicevo prima – della fase di registrazione e mixaggio, ad una potenza emotiva/evocativa che non sentivo da parecchio. Nel brano Polaris puoi addirittura apprezzare le doti del tuo stereo dalle stratificazioni/ torture infinite a cui è sottoposto. Gli undici minuti di Katrina mandano a spasso tanti colleghi blasonati e con Cygni padroneggiano epicità, rarefazione ed atmosfera in modo davvero sapientemente ben amalgamato. Un loop di suoni che mi ha dato una bella svegliata.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Empty Chalice – Mother Destruction (Toten Schwan, 2019)

La perseveranza è dote rara e per questo ancor più da apprezzare. Parliamo, nella fattispecie, della continua esplorazione delle regioni…

09 Sep 2019 Reviews

Read more

Ka Mate Ka Ora - Thick As The Summer Stars…

"We are a slowcore – shoegaze band!" Ci pensa già il gruppo di Pistoia a scrivere il succo della storia…

01 Oct 2009 Reviews

Read more

La Furnasetta - La Prima Stella (AsbestosDigit, 2018)

La strada creativa aperta dai Boredoms di Soul Discharge ha provocato dei veri e propri cortocircuiti nel modo di intendere…

13 Nov 2018 Reviews

Read more

Default Jamerson - Stable Government And Adequate Sanitation (Sabbatical, 2008)

Sabbatical è una etichetta di musica sperimentale portata avanti da Leith, Mark, autore di quasi tutte le grafiche e Marcus,…

07 Nov 2009 Reviews

Read more

Harvestman - In A Dark Tongue (Neurot, 2009)

Continua, lontano dal pantano in cui si sono ormai arenate le carriere di Neurosis e Tribes Of Neurot, il percorso…

30 Jun 2009 Reviews

Read more

Pontiak + Hell Demonio - 08/08/09 Malafly (Verona)

Per l'estate l'arci Kroen si trasferisce armi e bagagli alla periferia di Verona dove, in combutta con altre associazioni…

16 Sep 2009 Live

Read more

Miss Fraulein - The Secret Bond (Indipendead, 2010)

Combo cosentino al secondo lavoro, insapore e incolore quanto una pappa per neonati. Un cucchiaino di Alice In Chain,…

05 Jun 2010 Reviews

Read more

Clara Clara - AA (SK, 2008)

A parte una evidente e malcelata passione per la lettera A, allitterata e ripetuta all'eccesso tra nome del gruppo e…

14 Sep 2008 Reviews

Read more

Om - Decapitalismo (Malintenti/Jestrai, 2010)

Leggero abbassamento del tiro questa volta, pur proveniendo anche loro dalla nostra Tucson (Palermo), per gli Om. I cinque…

21 Jun 2010 Reviews

Read more

Debeli Precjednik - Through The Eyes Of The Innocent (Moonlee,…

Torna l'iperproduttiva Monnlee con questo emotivo manipolo che sembra cresciuto sulle rampe di Fullerton anziché su quelle della Croazia,…

07 Jan 2008 Reviews

Read more

Heroin In Tahiti – Death Surf (Boring Machines, 2012)

Il lato oscuro di Tahiti su Boring Machines: non musica da spiaggia o surf rock come lo intendiamo noi, al…

19 Jan 2012 Reviews

Read more

Sebastiano Meloni/Adriano Orrù/Tony Oxley - Improvised Pieces For Trio (Big…

Nella mole di cd che riceviamo e che escono, purtroppo ho accumulato un po' di ritardo nel recensire questo lavoro…

30 Sep 2010 Reviews

Read more

Airportman - Letters (Lizard, 2008)

E’ da un po’ che ho questo disco per le mani, e arrivo a scriverne con un grande ritardo. Letters…

06 Feb 2009 Reviews

Read more

Pablo Montagne/Giacomo Mongelli - Crudités (Setola Di Maiale, 2011)

Nuovo disco per Pablo Montagne e Giacomo Mongelli, nuovamente su Setola Di Maiale e nuovamente gran bel lavoro anche se…

28 May 2011 Reviews

Read more

Lightning Bolt + Zu + Ovo - 18/11/08 Interzona (Verona)

Mi era stato riferito, da fonti attendibili, che sarebbe stato il loro ultimo tour. Mi avevano detto che, almeno una…

25 Nov 2008 Live

Read more

VV. AA. - Cinque pezzi facili 5 (Under My Bed,…

Capolinea per la serie Cinque Pezzi Facili: quinto capitolo, ultimi due gruppi. E finalmente, accostando le copertine, potrete riconoscere il…

20 Feb 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top