The Star Pillow Meet Bruno Romani – Via Del Chiasso (Setola Di Maiale/Taverna, 2014)

Chissà se siano i musicisti, influenzati dall’aria di casa Setola Di Maiale, a produrre musica così fresca e intrigante o se sia l’etichetta a selezionare con attenzioni progetti che abbiano caratteristiche a lei consone. Poco cambia in realtà per l’ascoltatore, che si trova sempre fra le mani dischi davvero piacevoli. Ad affiancare in questo caso la label pordenonese è la Taverna Records, che evidentemente ne condivide spirito e intenti, ed è qui alla sua quarta uscita (Setola è a quota 250!).
The Star Pillow nasce dall’incontro  fra la chitarra e l’elettronica di Paolo Monti e il piano verticale di Federico Gerini; a loro si unisce qui Bruno Romani con tutta una serie di strumenti a fiato: sax, flauto e flauto etnico. La Via Del Chiasso che dà il nome al disco è la strada di Lucca dove i tre hanno dato vita a queste sei composizioni, tutt’altro che chiassose a dire il vero, invece misurate e briose. Sebbene sia musica che assume spesso forme che potremmo senza remore identificare come jazz, pur con alcuni inserti di matrice rock, etno e contemporanea, non appare mai ingessata né snob, si tratta semmai di jazz anti-intellettualistico, che fa fluire le emozioni senza mediazione, trasmettendo quello che i musicisti vogliono comunicare oltre le barriere di genere e cultura. Il tratto più evidente del lavoro è il senso di serena calma che trasmette: le sei improvvisazioni di Via Del Chiasso si sviluppano lasciando spazio al silenzio e al pensiero, con gli strumenti che si ascoltano l’un l’altro con curiosità e senza fretta si rispondono; un antidoto alla frenesia del mondo circostante. Ma forse ancora più notevole il piacevole senso di spaesamento di cui si è “vittime” durante l’ascolto: nel placido ma continuo mutare degli scenari non si sa mai cosa ci aspetti, ma il buon gusto che i musicisti mettono in mostra garantisce soluzioni sempre felici. Questo è uno di quei dischi, giusto per intendersi, dove la distanza fra quello che si può scrivere e raccontare e le sensazioni date dall’ascolto è enorme, ennesimo esempio di musica non convenzionale (per parafrasare il motto di Setola) che, lungi da facili estremismi, vince giocando di fioretto, all’interno dei generi, curando fin la più minima sfumatura.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Black Engine - Ku Klux Klowns (Wallace, 2007)

Un basso limaccioso come il design di un Humvee, i loop di una risonanza magnetica, la chitarra di un Jeff…

29 May 2007 Reviews

Read more

the M.E.M.O.R.Y. Lab - S/T (Dtrash, 2009)

Paradossalmente, rispetto a Sil Muir, il nucleo terroristico dei M.E.M.O.R.Y. Lab, nonostante l'ortodossia dance, sembra avere le idee più…

21 Dec 2009 Reviews

Read more

Francesco Giannico - Luminance (Somehow, 2013)

Il titolo di Luminance è accompagnato dalla frase di Leonard Cohen "There is a crack, a crack in everything. That's…

11 Jul 2013 Reviews

Read more

VV.AA. - Trasponsonic Dolmen (Trasponsonic, 2019)

Questa è una recensione impossibile e facilissima al contempo. Impossibile perché rendere conto in un numero umano di battute di…

11 Jun 2020 Reviews

Read more

Derma - 1995 (Luce Sia, 2019)

Fedeli al proprio nome i ragazzi della Luce Sia proseguono nel recupero del più oscuro e dimenticato industrial avantgarde italiano…

23 Apr 2019 Reviews

Read more

Valina - A Tempo! A Tempo! (Trost, 2008)

Mi appoggerò nuovamente al mio tormentone preferito, il grande Pozzetto di Paolo Barca, Maestro Elementare Praticamente Nudista in cui…

08 May 2008 Reviews

Read more

VV. AA. - Cinque pezzi facili 5 (Under My Bed,…

Capolinea per la serie Cinque Pezzi Facili: quinto capitolo, ultimi due gruppi. E finalmente, accostando le copertine, potrete riconoscere il…

20 Feb 2013 Reviews

Read more

AVSA – Parallels (Manyfeetsunder/Concrete, 2017)

Sarà che mi riduco sempre ad ascoltare e recensire i dischi a tarda ora, ma ammetto di essere rimasto disorientato…

27 Nov 2017 Reviews

Read more

Meerkat - Kapnos (Afe/Grey Sparkle/Nighthawks/Ctr+Alt+Canc, 2009)

Idealmente parte integrante di una quadrilogia sugli elementi, Kapnos, che in lingua greca significa "fumo", è il terzo della serie…

14 Apr 2009 Reviews

Read more

Dead Boomers + GNAUMGN + Undecisive God - 12/10/10 Bar…

Ogni martedì sera al Bar Open c'è la serata sperimentale/rumorista Mess+Noise curata da Sean Baxter, noto soprattutto come batterista free…

06 Sep 2010 Live

Read more

Gerda - Cosa Dico Quando Non Parlo (Shove/Wallace/Donna Bavosa/Concubine/Sons Of…

Avevamo lasciato i Gerda ad un buon esordio e li ritroviamo riveduti e più calibrati anche al giro di boa.…

27 Aug 2007 Reviews

Read more

The Shadow Line - I Giorni Dell'Idrogeno (Modern Life, 2011)

Rock Italiano a tutto tondo per questo quartetto ormai consumato da una pluriennale esperienza sul campo. In questa edizione la…

14 Mar 2012 Reviews

Read more

Metzengerstein - Alchemy To Our Days (Kohlhaas/Yerevan Tapes, 2015)

Nel tempo trascorso tra il precedente Albero Specchio e questo Alchemy To Our Days i Metzengerstein hanno fatto diversa strada,…

29 Dec 2015 Reviews

Read more

She Said What?! - S/T (Marsiglia, 2009)

La genovese Marsiglia del "nostro" Matteo Casari continua nella missione di portare alla luce nuove band locali: una volta pubblicato…

30 Aug 2009 Reviews

Read more

Touché Amoré - Is Survived By (Deathwish, 2013)

Appassionato, sofferto e brumoso come questo primo scorcio di autunno. Arrivati al loro terzo disco i Touché Amoré, quintetto californiano…

11 Nov 2013 Reviews

Read more

Arkadia - Polvere Ep (Autoprodotto, 2007)

Non inganni la copertina alla Overkill, i bergamaschi Arkadia flirtano con la melodia quanto i vecchi Newyorkesi lo facevano…

30 Mar 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top