since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

The Pepi Band – Panic (Lophophora Williams, 2011)

Formata per 2/4 dagli ex Twig Infection Enzo Pepi e Marco Caruso, e completata da Giuseppe Forte e Alessandro Formica, The Pepi Band registra nel 2009 questo Panic e lo pubblica nel 2010 per i fatti propri. Nel 2011 l'album viene ripreso da una net label, la Lophophora Williams Recordings. Questa se non erro dovrebbe essere la cronologia. Il quartetto sembra guardare con dedizione al catalogo Dischord, in particolare a nomi come Faraquet, Channels, Blutip e finanche Hoover per certe tentazioni post che talune soluzioni richiamano.
Pur rimanendo un prodotto di per sé derivativo, il disco è decisamente ben fatto, gran suoni e belle canzoni, con una iniziale Personal Pepi, in odore di Les Savy Fav, che appena partita mi ha immediatamente fatto saltare sulla sedia. Gran bella voce, che a tratti diventa il punto in più, chitarre che girano, rotolano e si fanno dissonanti quando occorre, sezione ritmica che sa il fatto suo. Forse l’unico appunto che mi sento di muovere sono i momenti in cui i nostri mollano il tiro, ma insomma anche lì riescono alla fine ad avere il tocco giusto e personale. E pezzi come il già citato Personal Pepi, Helen, Sbacanta, 5%, Sicily, sono una garanzia assoluta e per gli amanti di certe sonorità Washington DC c’è di che leccarsi i baffi.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Back to top