since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

The Maniacs – S/T (Against ‘Em All, 2009)

Rabbioso esordio di power-punk meneghino da parte dei Maniacs. La furia e la sicurezza con cui masticano la materia asprigna, ma sempre viva, del punk melodico facilmente farebbe supporre una provenienza d'oltreaceano. Un disco da far impazzire sia Duff McKagan che Page Hamilton, una supposta umida e sincera che, nonostante la non propria novità del suono, non può che entusiasmare e far muovere il culo. Chitarre compresse, esplosive, ma mescolate con una melodia ricercata e provata, testata, milioni di volte. Certo, la prima impressione è quella di aver ascoltato ogni singolo pezzo dentro altre strutture e con altri protagonisti, ma orgogliosamente, per una volta tanto, possiamo dire: "chi se ne importa!". La produzione smaltata e tagliente non fa che risaltare l'urgenza dei pezzi che, a onor del vero, da metà lavoro in poi iniziano a flettersi dopo la pressione dello sprint iniziale. Questo significa che, ideologicamente, se possiedi un dragster alimentato a benzina sarebbe meglio non fargli fare troppe curve o riprese. A buon intenditore… Consigliato a chi ha amato la svolta melodica degli Helmet, quella politica di Vladimir Luxuria e quella cinematografica di Rob Zombie. Fondamentalmente tutti metallari mascherati da intellettuali. Detto da chi ne ha fatto una ragione di vita.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Back to top