The Freeks – 18/09/09 Arci Kroen (Villafranca – VR)

Riapre i battenti la residenza di campagna del Kroen dopo l'estate passata in città e lo fa all'insegna degli ospiti stranieri. I Freeks, da San Diego e dintorni, dopo aver registrato un album pieno zeppo di mostri sacri dello stoner,  sono in tour con un gruppo che raccoglie, intorno al chitarrista Ruben Romano, batterista delle prime formazioni di Nebula e Fu Manchu, ex membri di ZenGuerrilla e Heaters.
Il quartetto è discretamente eterogeneo, col chitarrista disinistra e il bassista colored, veri assi portanti del gruppo, tranquilli e ordinati, Romano, barbone e bandana, che sembra uscito da una puntata di Sons of Anarchy e Andy Duvall, il batterista, che si direbbe prelevato a forza da una bettola della downtown.
Inondati da orrende luci caleidoscopiche in stile sweet London, i nostri non indugiano troppo in finezze, macinando per tre quarti d'ora un hardrockaccio chitarroso e abbastanza melodico, che a me sapeva tanto di ascolti di fine '80, Black Crowes tanto per dire, ma che, evidentemente, ha le sue radici molto più in là, nella musica dei connazionali Blue Cheer o addirittura nei Led Zeppelin più hard blues; fa testo il pezzo kroen________freeks_band__________grandecantato dal batterista in libera uscita, sostituito dietro le pelli da un Romano che torna all'antico strumento. E' proprio Duvall il mattatore della serata: zazzera grigia e scapigliata, tatuaggi a oltranza, maglietta lurida; passa più tempo ad ammiccare e gigioneggiare che non a suonare, raggiungendo l'apoteosi nel ruolo di cantante, contorcendosi giù dal palco e invitando alla danza alcune donzelle delle prime file. Per il resto, non molto da segnalare, se non le solite cose: dimenarsi di teste e culi, urlacci, schitarrate, il solito, vecchio "only rock and roll", ben lontano dal suono desertico che qualcuno si aspettava. Certo, è il revival del revival: vi viene in mente qualcosa di meno cool del suonare cover di Canned Heat e soprattutto dei Van Halen? Eppure è musica che fa le scarpe a praticamente tutto l'indierock'n'roll del cazzo, ricordandoci che non è roba per ragazzini con le scarpe divernice e/o la frangia. Quattro tipi da motoraduno e non suoni come un'offesa: musica che puzza di birra e sudore da svenire (anche in questo caso è il batterista, unico uomo al mondo dotato di asta del piatto con supporto per lattina incorporato, a far scuola),  che dura il tempo di una serata e tutto sommato va bene così. È il fascino di un gruppo divertente e splendidamente inutile, oltretutto non più delle tante bolse cariatidi della musica indipendente che calcano i palchi e ammorbano le nostre orecchie di questi tempi.

Foto di Enrico Ravanini

Tagged under: , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Psychofagist - The Optician Ep (The Spew, 2009)

Obbiettivamente credo che questo genere (grind) oggi abbia senso solo ed esclusivamente se interpretato a questi livelli. Tecnicamente il…

26 Oct 2009 Reviews

Read more

Bemydelay – Hazy Lights (Boring Machines, 2013)

Dopo le atmosfere eteree e la chitarra in loop di To The Other Side, torna Marcella Riccardi (già in Franklin…

17 Apr 2013 Reviews

Read more

Saffronkeira - A New Life (Denovali, 2012)

Saffronkeira è un disco che lambisce diversi territori sonori con gusto e ottime doti tecniche: questo A New Life è…

30 Nov 2012 Reviews

Read more

Xp_Devices - Starrust & Ballast (DeVega, 2008)

E se come fermamente penso, Bobby Soul è il "Re Mida della Superba", nessuno meglio dei due giovani Xp_…

26 Jan 2008 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi/Fabio Orsi - Muddy Speaking Ghost Through My Machine…

Senza nulla togliere agli altri lavori del catalogo A Silent Place che ad onor del vero sono sempre a livelli…

02 Apr 2007 Reviews

Read more

Cégiu - Glowing Goodbyes (LP/CD limited editions, autoprodotto, 2022)

A volte la radio rapisce. Come questa sera, nel dopocena, mentre una radio nazionale manda un programma di approfodimento sulla…

21 Apr 2022 Reviews

Read more

So.lo – Galvanica (Thingstoburn, 2011)

In Veneto, lo notavo durante le ultime trasferte, gran parte di quelli che girano per concerti suonano. O producono dischi.…

19 Oct 2011 Reviews

Read more

The Vaselines - 28/01/12 Bronson (Ravenna)

Reunion. Best of suonati pedissequamente. Ignobili crowdpleaser degni dei peggio leccapiedi del pubblico da letteratura di serie Z. Di solito,…

10 Feb 2012 Live

Read more

Chapter - Two (The Biographer) (Saiko, 2007)

Copertina extralusso stile piccolo libro "di una volta" con tanto di booklet strafigo per questo duo svizzero, in fin dei…

17 Oct 2007 Reviews

Read more

Psychofagist W/Napalmed – Songs Of Faint And Distortion (Fobofile, 2013)

Un occhio al cuore ed un occhio alla testa. I mangiatori di psiche non hanno mai perso di vista il…

29 Apr 2013 Reviews

Read more

Phoenix Bodies - Too Much Informations (Shove/Init, 2007)

Altro pezzo della tornata di uscite nuove della Shove con il botto, giusto per farmi ancora rodere il fegato di non…

05 Aug 2007 Reviews

Read more

Luca Sigurtà + Gino Delia – 13/05/12 Il Revisionario (Brescia)

È in qualche modo confortante vedere che esiste una sorta di ricambio anche nella vita culturale di una città. Per…

25 May 2012 Live

Read more

Attilio Novellino - Through Glass (Valeot, 2012)

Attilio Novellino abbandona il monicker Un Vortice Di Bassa Pressione e si presenta col proprio nome per il suo secondo…

24 Apr 2012 Reviews

Read more

Kick – Light Figures (Anomic/Dischi Sotterranei/Sour Grapes, 2022)

Eleganza, buon gusto, stile, voce femminile, occhiali neri. Il secondo disco dei Kick, duo con batterista aggiunto (così si evince dalle…

19 Apr 2022 Reviews

Read more

Vonneumann - Switch Parmenide (Homemade Avantgarde, 2006)

Ci avviciniamo con colpevole ritardo a questo disco dei Vonneumann uscito ormai due anni fa, tanto che, da quanto apprendo…

16 Apr 2008 Reviews

Read more

Ronin + Steffen Basho-Junghans - 14/07/06 Ortosonico (Giussago - PV)

A volte nella vita si commettono errori di ripetizione. Se per andare da A a B si passa per…

26 Sep 2006 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top