The Enchanted Realm – Of The Pink Widower (Northpole, 2008)

Il giro della Northpole è in un certo senso fantastico, come quello dei Rollerball seppure i due non siano legati in modo diretto: mediamente sono musicisti con i controcazzi, fanno dei bei dischi, se non ottimi come nel caso dei Rollerball, ed il tutto senza venire cagati nemmeno un minimo rispetto al loro vero potenziale. Dopo Miss Massive Snowflake la saga "pop delirante" continua, se con Miss Massive ci trovavamo di fronte ad un Beck ancora più assurdo e meno fichetto, con The Enchanted Realm il tutto suona ancora più bizzarro. "Il reame incantato" suona come se i Clash dei pezzi più pop della fase finale fossero diventati più top-charts pop-rock anni '70, ma anche musica sudamericana ed altre cose che escono dal cilindro in modo omogeneo ma dipingendo un quadro particolarmente stravagante. Né indie rock, né revivalismo seventies, né strano per il gusto di fare i diversi né pop a pieno titolo, eppure tutto arrangiato così bene da non sfigurare di fianco a gente come i Calexico che in tutt'altro contesto fondono/fondevano gli stili in modo così naturale da far paura. Devo essere onesto e dire che lì per lì mi ha spiazzato e forse non è neanche un disco così accessibile pur essendo a suo modo popolarissimo e easylistening, figuratevi che i pezzi si fanno cantare e a tratti ballare, non avrebbero sfigurato al posto degli Urge Overkill di Girl, You'll Be A Woman Soon in Pulp Fiction. Fra le cose assurde questo stile poppettoso vecchia scuola ricorda persino cose fra Mamas And Papas e Beach Boys (quando non trovavano troppo droga) e spero di non esser fuorviante in questo senso dato che il tutto è diluito con la miriade di altre cose che ho elencato. Se ci pensate bene con tutte queste coordinate si potrebbe dire che Beck potrebbe c'entri nuovamente anche qui (che poi ha fatto cose così diverse fra loro che non ha quasi senso citarlo, lo so), il fatto è si tratta davvero di un minestrone di musica solare fra anticaglie e indie americano (più per il piglio/tiro), fra chitarre degne dei Minutemen e trombe da mariachi e bene o male questo è il rancio. Un disco un po' fuori dai miei ascolti, molto gradevole, strano e adatto per un margarida (se solo sapessi che cazzo è e non mi facesse venire in mente solo la margarina vegetale…).

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

GRAMS - Live at San Pietro in Vincoli MMXIX (…

Il 26 maggio 2019 al Jazz is Dead di Torino 5 loschi figuri calcano un palco. Anzi no, non siamo su…

04 May 2022 Reviews

Read more

Adriano Zanni - Soundtrack For Falling Trees (Bronson, 2017)

Adriano Zanni è l'uomo delle sorprese. Non ci aspettavamo il suo ritorno sulle scene col 7" Falling Apart e ora…

07 Aug 2017 Reviews

Read more

The Great Saunites & Attilio Novellino - Radicalisme Mècanique (Manza…

One side strikes back. Torna il formato vinilico più gettonato degli ultimi tempi, una volta tanto giustificato non da mere…

26 Feb 2014 Reviews

Read more

Vanessa Van Basten - Psygnosis EP (Consouling Sounds, 2008)

Questo forse è uno dei pochi gruppi genovesi che oltre ai Port Royal e ai Banshee negli ultimi tempi ha…

07 Jan 2009 Reviews

Read more

Savage Republic – 27/01/10 Kroen (Villafranca – VR)

Non era vero niente, avevamo scherzato: il Kroen c'è ancora, gode di ottima salute e continua a proporre ottima musica.…

01 Feb 2010 Live

Read more

Ultravixen – Avorio Erotic Movie (Wallace, 2008)

No, amici niente tettone all'orizzonte, anzi, banane au go-go, ma non quelle che lucidate guardandovi film di Meyer, bensì quelle…

04 Dec 2008 Reviews

Read more

Sleepmakeswaves - In Today Already Walks Tomorrow (Monotreme, 2014)

Tornano gli australiani già amati con ...And So We Destroyed Everything a stupire e ammaliare con le cinque meravigliose tracce che…

21 May 2014 Reviews

Read more

Franklin Delano - Come Home (Ghost, 2006)

Non c'è bisogno di presentazioni, in campo di cantautorato indie rock le quotazioni dei Franklin Delano, già altissime, si riconfermano…

03 Apr 2007 Reviews

Read more

Klasse Kriminale – Vico dei Ragazzi (Randale Records, 2020)

Tenere botta per 35 anni, suonando musica senza futuro come il punk è già di per sé qualcosa di incredibile.…

18 May 2020 Reviews

Read more

Colony Open Air Day 2 - Pala Brescia 22-23/07/2017 (Brescia)

Ci vuole un po’ di tempo per recuperare le energie in vista di un secondo giorno che si preannuncia impegnativo…

31 Aug 2017 Live

Read more

Dalila Kayros – Transmutations part [I] - The Yin Side…

Mancava da tempo il nome di Dalila Kayros sulla copertina di un disco, dal 2013 per la precisione, anno di…

21 Mar 2018 Reviews

Read more

Harembee – Different Strokes EP (Autoprodotto, 2010)

Il progetto, attivo da diversi anni, è giunto al suo secondo EP. Una ben stringata presentazione danno di loro i…

24 Apr 2011 Reviews

Read more

Il Disagio – Il Prezzo Dell’Anima (Hanged Man, 2010)

Cosa si può ancora chiedere a un genere come l'hardcore, quello nudo e crudo, con al massimo qualche traccia di…

10 Oct 2010 Reviews

Read more

Paolo Bragaglia & Ganzfeld Frequency Test - The Man…

Facce note mai perse di vista che ritornano più in forma che mai, della serie: quando la maturità artistica, ma…

02 Dec 2021 Reviews

Read more

Maggot/Heifetz – Plays The Music Of Slobodan Kajkut (God, 2013)

Uno split LP in cui due formazioni chitarra-batteria interpretano composizioni di Slobodan Kajkut, dal tono evidentemente minimalista: il suono, nei…

20 May 2013 Reviews

Read more

Cobson - Like A Bike Without Brakes EP (Autoprodotto, 2007)

Gradevole e vezzoso rockettino profumatamente distorto per questo giovane trio di Montpellier. Una voce femminile inserita in un sound…

25 Jan 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top