The Dutch Courage – An Antology Of Collected Wreckages (Under My Bed, 2014)

Echi di naufragi lontani. Registrato in un lasso di tempo che va dall’inverno del 1998 all’estate del 2003, An Antology Of Collected Wreckages è quello che promette il titolo. Oppure no? Più che una collezione di naufragi sembra la testimonianza di una naufragio unico, progressivo, dilatato, la cronaca di un lustro dove nulla è cambiato, se non in peggio.
Post rock, verrebbe da dire. Ci sta, se il termine si associa più a uno spirito, quello di andare oltre al rock, appunto, che non a un suono, sia esso quello degli Slint o dei Mogwai. Aderiscono al canone i suoni dilatati e la totale assenza di forma canzone, ma i crescendo non arrivano mai a esplodere e l’organico a due, monco della sezione ritmica, unito all’attitudine lo-fi e agli strumenti “impropri” o impropriamente usati (nastri, tastiere, tromboni ed effetti), testimoniano la volontà di prendere le distanze da un genere che, già ai tempi delle prime registrazioni, si era fossilizzato in schemi rigidi. Stefano Santabarbara (My Dear Killer) e Lorenzo Tubiana, come The Dutch Courage danno voce a una provincia che non si accontenta di sfogarsi col punk e col metal ma, consapevole di essere sempre e comunque fuori posto, trova nel naufragio l’unica evasione possibile. E così sono chitarre ossessive e rumorose ma mai cacofoniche, che danno forma a un suono a volte malinconico, altre scontroso che sembra raccogliere la polvere circostante e da Silent Departures alla quarta e conclusiva Over The Mast They Sail, va via via disfandosi.  Ci sono anche le parole in An Antology Of Collected Wreckages, brevi visioni che tuttavia non arrivano ad avere voce, ma rimangono sulla carta delle cartoline allegate alla bella confezione. È questo un disco che si apprezza col tempo e con gli ascolti, più facilmente se certe sensazioni da periferia della periferia dell’impero le si è vissute. In giorni in cui la parola è continuamente usata a sproposito, una testimonianza, sebbene proveniente dal passato, di disagio vero, senza compiacimento. Con l’augurio agli autori che, nel frattempo, qualcosa sia cambiato. Non in peggio.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Ladybug Transistor - Can't Wait One Minute More (Mondo…

Se solo fossi un giornalista (cosa che per fortuna non sono) alzerei il culo per andare a vedere se si…

17 Dec 2007 Reviews

Read more

Papiro - Automare (Muscut, 2017)

Marco Papiro arriva al settimo disco e si accasa presso la ucraina Muscat con questo Automare che continua la sua ricerca…

27 Mar 2018 Reviews

Read more

Aucan + Cheap Orchestra - 27/03/10 Interzona (Verona)

Non è molto che abbiamo avuto occasione di parlare degli Aucan dal vivo: circa otto mesi, solitamente insufficienti a registrare cambiamenti…

28 Mar 2010 Live

Read more

Last Minute To Jaffna - Volume I (Concubine/Swarm Of Nails/Hypershape/Consouling…

Avevamo incontrato i cinque torinesi (recentemente ridottisi a quartetto) sulla compilation Clouds From The Earth, segnalandoli nel gruppo dei migliori;…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Hobocombo – 25/02/11 Il Dito e la Luna (Coccaglio -…

Il vento che scende dalla Valcamonica taglia la faccia stasera a due passi dal monastero di Rovato, ma a fine…

21 Feb 2011 Live

Read more

Putiferio – Lov Lov Lov (MacinaDischi/Robot Radio, 2012)

Putiferio non ha mai avuto vita facile. Ai tempi della nostra intervista (vai a leggerla qui) reduci dall'abbandono di Giulio…

11 Sep 2012 Reviews

Read more

Eternal Zio – Vibbria (Autoprodotto, 2011)

Questo CD-R si presenta in modo assai dimesso, una semplice busta dalla grafica incerta e bruttina, con solo l'indicazione del…

08 Aug 2011 Reviews

Read more

Tongs - Jazz With The Megaphone? (Long Song, 2009)

Disco che suona parecchio intrigante alle mie orecchie questo Jazz With The Megaphone?, frutto della collaborazione tra Luca Serrapiglio, Antonio…

02 Feb 2010 Reviews

Read more

Obelyskkh - White Lightnin' (Exile on Mainstream, 2012)

Super crautissimo doom tossico e polveroso direttamente dalla Germania per questi figli bastardi di Dave Wyndorf e di tutta la…

17 Dec 2012 Reviews

Read more

The Mighties - Augustus (We’re Fruit Records/Sob! Records, 2019)

Scoppiettante garage 'n' roll per questi decani perugini, iperattivi dal vivo, ma con un tiro di tutto riguardo anche in…

11 Jun 2019 Reviews

Read more

Paolo Spaccamonti Ramon Moro - I Cormorani O.S.T. …

Interessantissima colonna sonora per un film che, indubbiamente per storia e location, non sarà facile scovare nei cinema, ma che…

27 Jan 2017 Reviews

Read more

Houstones - S/T (Old Bicycle/Soppressa, 2016)

Audiotape azzurro, serigrafato e numerato con inserto interno.  Rock ad ampio respiro, incastonato in una costellazione tra Seattle, Steve Wynn…

19 Oct 2016 Reviews

Read more

Nero And The Doggs - Death Blues (Rocketman, 2013)

Probabilmente è vero che di musica non capisco un emerito cazzo. Ma allo stesso tempo credo che non serva un…

11 Dec 2013 Reviews

Read more

Quasi per caso... in Islanda

Lassù è un po' come trovarsi ai confini del mondo: te ne accorgi dal paesaggio, lo senti dal vento artico,…

27 Sep 2006 Articles

Read more

Candor Chasma - Rings (Old Europa Cafe, 2012)

Purtroppo credo che sia una delle prime, se non la prima uscita dell'Old Europa Cafe che viene recensita su questa…

10 May 2012 Reviews

Read more

Smallgang - Trespasses (Damnably, 2011)

"Una delle band live più interessanti del panorama londinese!"...Non male direi come presentazione. Ma si sa che i comunicati stampa…

14 Dec 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top