The Dillinger Escape Plan – One Of Us Is The Killer (Party Smasher Inc, 2013)

Non è mai facile confrontarsi con un gruppo che una quindicina di anni fa era sulla bocca di tutti per riconosciuta bravura, tecnica, violenza esecutiva. Un’amalgama davvero intrigante e sfiancante che mischiava foga hardcore, grind, passaggi jazz, rumorismo. Il tutto in un compattissimo e quadrato formato a tratti davvero ostico. Calculating Infinity (1999) fu un disco che ascoltati molto, con grande piacere ma è indubbio che il gruppo non fosse facilmente digeribile, come è chiaro che fosse davvero un passo davanti agli altri, non tanto per l’invenzione di qualcosa di nuovo ma per la capacità di proporlo con un suono davvero pulito e bruciante, con la voglia di arrivare un filo prima degli altri, schizofrenici e violenti su disco, devastanti e mostruosamente uguali alla registrazione dal vivo. Il cambio di rotta non arrivò con le collaborazioni con Patton (gli ultimi Dillinger Escape Plan non mancano di rimandare ad alcune schizoidate dei Fantomas) ma con il comunque buono Miss Machine. A cambiare le carte in tavola fu il cambio dietro il microfono: dal greco Dimitri Minakakis, schizzato urlatore dei nostri cuori ora apprezzato grafico, al nerboruto Greg Puciato, culturista italoamericano che per verve non fece rimpiangere il predecessore pur imponendo una sterzata al suono della band. Il gruppo riuscì nell’impresa di allontanarsi dal mathcore/grind degli esordi sfornando un disco impressionante per qualità e varietà di scrittura. L’indole sperimentale e folle della band aveva permesso di mantenere un tessuto sonoro sconnesso e devastante pur permettendo alla musica di assumere una forma-canzone maggiormente definita, assecondando le esigenze artistiche del nuovo cantante che rinunciava al semplice assalto all’arma bianca del suo predecessore, cercando di variare le soluzioni, tentando anche la carta della melodia all’interno di molti brani. Ora sono passati quasi dieci anni da quella svolta. Il gruppo è ancora onesto: disco su piccola casa discografica, suono ancora più aperto alla melodia e alla forma canzone, ma stessa cattiveria (meno onnipresente) e pochi compromessi nel complesso. Perso quel fenomeno di Chris Pennie alla batteria (quattro anni a fare barocchisimi con i sopravvalutati Coheed And Cambria), i nostri tengono sempre il piede in generi follemente veloci: la tecnica c’è sempre, i riff al fulmicotone e le influenze jazz del chitarrista Ben Weinman pure ma siamo di fronte a un degno successore di Miss Machine non dei primi EP su Earache. Si cerca la melodia quando non il ritornello, e se pezzi come l’opener Prancer dimostrano quali siano le radici della band, Magic That I Held You Prisoner è quasi frustrante con il suo incedere marziale all’inizio per stemperarsi in un annacquato rockettino spento quasi quanto l’inascoltabile Nothing’s Funny un po’ fuori contesto. Ma ritengo si possa comunque parlare di un buon disco, che sa ancora regalarci sprazzi di grande cattiveria e qualità da parte di un gruppo che nonostante gli anni è sempre un bel vedere dal vivo e ancora lontano dalle sirene della mediocrità pur di avere riscontri.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Eagle Twin - The Thundering Heard (Songs Of Hoof And…

È un vero peccato (mi verrebbe da dire un crimine) che gli Eagle Twin, che della linea evolutiva che parte…

03 Apr 2018 Reviews

Read more

Cardosanto – Pneuma (Wallace/DreaminGorilla/Rude, 2014)

Torna, grazie alla ristampa ad opera di Wallace, DreaminGorilla e Rude Records, una delle pietre miliari, o più probabilmente la…

19 Jun 2014 Reviews

Read more

Ivan Iusco - Transients (Minus Habens, 2015)

Per l'ennesima volta collidiamo con i mille mondi del magmatico maitre della Minus Habens che, nuovamente, ci investe di visioni…

09 Dec 2015 Reviews

Read more

Life Without Buildings - Live At The Annandale Hotel (Gargle…

Non credo di scomodare dio quasi mai quando ascolto musica. Ma ogni tanto da quel suo fantastico trono tra i…

08 Jan 2008 Reviews

Read more

Albert Mudrian – Choosing Death (Tsunami, 2009)

Lentamente anche da noi le case editrici vanno colmando le lacune in materia di musica estrema, o comunque non legata…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Loobiecore, ovvero dell'essere un perdente di successo.

Mi sono sempre concentrato, forse un po' morbosamente, su Lou Barlow. Non fraintendiamo, non sono ai livelli di D. Chapman…

23 May 2015 Articles

Read more

Von Tesla - Raised By Clear Acid (Boring Machines,…

Von Tesla ovvero il nuovo progetto di Marco Giotto (già col moniker mondano e festaiolo di Be Invisible Now!), con…

21 Jan 2014 Reviews

Read more

Ben Frost’s Music For Six Guitars – 15/09/12 Stazione Centrale…

Il festival MiTo regala sempre qualche ragione per spingersi verso Milano, cosa che altrimenti faccio malvolentieri. Stavolta l’occasione è rappresentata…

21 Sep 2012 Live

Read more

Paul Beauchamp - Sala B: Intervention (Chew-Z, 2010)

Doppia uscita della Chew-Z in bilico fra la capitale sabauda ed un contesto internazionale, infatti se Tommasini si accompagnava a…

04 Feb 2011 Reviews

Read more

Punk 'n' Rai (prima parte)

Il punk? Musica paranoide e sgradevole. I punk? Una rimasticatura di James Dean e dei Teddy Boys. Così la Televisione…

21 Apr 2013 Articles

Read more

Adamennon + Maximilian Bloch + Dielle Green – Le Sette…

Avete presente quei film dell’orrore, dei quali Rosemary’s Baby è l’esponente più nobile (ma potremmo citare anche sceneggiati d’autore come…

25 Aug 2020 Reviews

Read more

Caso - La Linea Che Sta Al Centro (To Lose…

E ancora con la menata che a me i cantautori, soprattutto se cantano in italiano, non fanno impazzire. E ancora…

29 May 2013 Reviews

Read more

Hellcowboys - Mondo Bastardo (Hellbones, 2019)

Pesantissimo thrash'n'roll per questi cowboys dell'inferno che, rimandandoci ai mai dimenticarti Pantera, ci fanno assaporare un genere che con ogni…

27 Sep 2020 Reviews

Read more

Fuh - Extinct (Autoprodotto, 2007)

Due anni fa i Fuh uscivano con un EP dal titolo Int/Ext. Questo Exinct mi è parso per giorni il…

08 Sep 2008 Reviews

Read more

The Star Pillow Meet Bruno Romani – Via Del Chiasso…

Chissà se siano i musicisti, influenzati dall’aria di casa Setola Di Maiale, a produrre musica così fresca e intrigante o…

26 Jun 2014 Reviews

Read more

Live Footage – Plays Jay Dee (Autoprodotto, 2012)

I Live Footage sono Mike Ties, batteria e tastiere, e Topu Lyo, violoncello. E il Jay Dee del titolo è…

05 Jul 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top