That Fucking Tank – Tanknology (Gringo, 2009)

La formula "duo = [batteria + (altro strumento a caso)]", negli ultimi anni ha spopolato, vuoi per i bassi costi di gestione, vuoi perché avviare rapporti con il prossimo e mantenerli e trovare oggidì più di due persone che riescano ad andare d’accordo può essere un’impresa non da poco… Oppure immagino che in due sia tutto più facile, dagli spostamenti in auto con i sedili posteriori coperti di strumentazione alla gestione delle consumazioni omaggio durante i concerti… A partire da gruppi mainstream come White Stripes, a cose più underground come Ruins, Lightning Bolt, Hella, Hanged Up, o per citare qualche italiano G.I. Joe e Bachi Da Pietra,  ce ne sono decine e per tutti i generi. Non che sia un problema, ma semplicemente la constatazione di un dato di fatto, poi se è buona musica uno o trecento non dovrebbe fare differenza, ma ci tenevo a riempire qualche riga in più del solito con dei discorsi campati in aria.
Dopo quest’inutile introduzione veniamo ai That Fucking Tank, dove ai tamburi percossi da James Richard Islip va sommata la chitarra baritono di Andrew Derek Ross Abbott. Il risultato, anche se non brilla per originalità, è estremamente divertente e godibilissimo, in particolare oltre un certo livello di volume. Se il filone in cui vanno ad infilarsi apparentemente potrebbe essere quello di estrazione math rock alla Don Caballero o Battles, epurata ogni tentazione avant o noise, quello che rimane è una collezione di riff estremamente funzionali e quasi ballabili, ritmi dritti e potenza, un misto di Death From Above 1979, Van Halen, Don Caballero e AC/DC, il tutto in salsa esclusivamente strumentale. Detto ancora che dal vivo i due dovrebbero fare la loro sporca figura, su disco il tutto regge per un numero limitato di ascolti, superato il quale il rischio è quello di dimenticarsene in fretta, anche se devo ammettere che certi momenti sono così accattivanti e coinvolgenti che questo numero potrebbe non essere così limitato come immagino.

Tagged under: , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Astral Brew - Red Soil (Macina Dischi, 2018)

Navigatori di lungo corso intrecciano le trame di questa sorta di concept spaziale a metà strada tra l'impro jazz colto…

25 Oct 2018 Reviews

Read more

Scarnella/Fluorescent Pigs - Phonometak Series #8 (Phonometak/Wallace, 2010)

Nuovo vinile per la label di Iriondo coadiuvata dalla Wallace di Mirko Spino e ancora una volta si tratta di…

01 Oct 2010 Reviews

Read more

AA.VV. - Quit Having Fun (Boring Machines, 2009)

Prima compilation per Boring Machines, e anche se non sono assolutamente un fan della raccolte in genere (per non parlare…

06 Nov 2009 Reviews

Read more

Trax - Notterossa/Rednight (Smallvoices, 2008)

Oggi da parte di molti rockettari si è risvegliato un interesse per la musica elettronica più rumorosa ed estrema, portando…

22 Feb 2009 Reviews

Read more

Selfimperfectionist - Making A False Move (OTCR, 2017)

Selfimperfectionist è l'alter ego musicale del torinese Giorgio Pilon, attivo già da parecchi anni con questo moniker: negli anni il…

07 May 2018 Reviews

Read more

Chapter 24 & Philippe Petit - The Red Giant Meets…

Continua, evidentemente con reciproca soddisfazione, il sodalizio fra il musicista francese e l'etichetta italiana, dopo il disco che Philippe Petit…

17 Mar 2011 Reviews

Read more

Sic Alps + Movie Star Junkies – 28/04/12 – Interzona…

Ci volevano proprio i Sic Alps per decidermi ad uscire di casa, stasera. Il fatto che fossero spalleggiati dai Movie…

18 May 2012 Live

Read more

Inkarakua - S/T (Uk Division, 2007)

 Gli Inkarakua sono un quintetto sardo dedito ad un metal talmente ignorante e vuoto da far sembrare i Soulfly pari…

26 Jun 2010 Reviews

Read more

Chris Pitsiokos - un nuovo nome da tenere a mente

Chris Pitsiokos è una personalità molto interessante del nuovo sottobosco avant jazz new yorkese, approfondisce le possibilità del sassofono alto praticando…

09 Aug 2018 Articles

Read more

Nicola Ratti: Ronin, ma anche Bellows con Ielasi ed una…

Come avrete intuito dal titolo Nicola Ratti è il chitarrista dei Ronin, questo lo dico per quelli che non sono…

16 Feb 2013 Interviews

Read more

Arrington De Dionyso – Malaikat Dan Singa Tak Terbatas (Autoprodotto,…

A cosa serve una recensione? Dal punto di vista del lettore, intendo. Può essere un consiglio (o uno... sconsiglio) per…

14 Mar 2010 Reviews

Read more

Centauri - S/T (Lepers, 2014)

In un periodo in cui persino i beniamini Woods non danno le stesse identiche sensazioni di una volta, in zona,…

16 Jul 2014 Reviews

Read more

La Furnasetta - Diary Of A Madamina (Solium, 2021)

Uno, nessuno, centomila. Questo è Diary Of A Madamina, ultima uscita de La Furnasetta, collettivo anonimo (nessuno, quindi) da sempre…

20 Oct 2021 Reviews

Read more

Barabba - Primo Tempo (Autoprodotto, 2022)

Notturno trip hop in italiano per alcuni dei volti più noti del panorama indie rock di casa nostra. Uno di…

05 Apr 2022 Reviews

Read more

Sabo - 8 Saisons à L'Ombre (RuminanCe, 2007)

Potrebbe tranquillamente, questo disco, essere la colonna sonora di un affascinante viaggio nella penombra di un milieu fantastico, la…

22 Sep 2008 Reviews

Read more

Whores / Rabbits - Split 7" (Brutal Panda, 2014)

Ho sempre pensato che tra i gruppi meno facilmente "coverizzabili" ci fossero The Cure: non so perché ma ho sempre…

15 May 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top