Testing Vault – Threnody For The Suicidals (Anedonia) (Ho.Gravi.Malattie, 2019)

Dei vari progetti musicali di Daniele Santagiuliana avevamo finora trascurato Testing Vault, fra tutti quello maggiormente longevo e prolifico, nonché, pare incredibile a dirsi, più oscuro. Se i dischi doom-folk che portano come ragione sociale il nome del musicista provano, attraverso la parola, a raccontare di una non pacificata interiorità e finanche le cupe mutazioni black-industrial di Kotha, nel tirar fuori senza filtri rabbia e frustrazione, sembrano cercare un pur accidentato canale comunicativo, Testing Vault attinge a un subconscio così profondo da renderlo difficilmente comprensibile alla maggior parte degli ascoltatori, e credetemi, è un bene. Non giriamoci intorno: Threnody ForThe Suicidals è un disco brutto. Lo è non perché sia mal fatto o persegua una determinata estetica, ma perché è brutta la materia con cui si confronta, che lo informa e lo pervade e non potrebbe essere altrimenti. Cinque azioni sonore registrate fra il 9 e l’11 ottobre 2018 con il solo aiuto di un Korg Monotron Delay e di un walkman; tre artisti ad ispirarle, tre uomini che si sono disinteressati alla vita fino al compimento del passo estremo: Rozz Williams (Premature Ejaculation, Christian Death), Marco Corbelli (Atrax Morgue) e lo scrittore e poeta di inizio ‘900 Harry Crosby. Sebbene le cinque azioni siano state improvvisate, non è l’improvvisazione come genere che può aiutarci a trovare una definizione a quanto si ascolta in questo nastro (accompagnato da cartoline e scritti in tono): questo è piuttosto un corrispondente musicale della scrittura automatica, col musicista che si abbandona e lascia parlare gli stati più profondi della propria anima. Ma è anche un’operazione hauntologica, perché l’unica comunicazione che il lavoro  cerca e trova non è con i viventi ma con gli spiriti e le opere dei tre mentori suicidi. Ne risulta un flusso di coscienza non mediato né incasellabile in una forma precisa – fra muri di rumore che celano tempeste emotive e frequenze spaccatimpani – dove certe analogie con l’Atrax Morgue di Cut My Throat appaiono inevitabilmente casuali, o quantomeno non razionalmente volute. In Threnody ForThe Suicidals non c’è nulla di salvifico, non si coglie nemmeno la volontà di esporre il male, dargli nome e forma per esorcizzarlo. È un disco desolante, difficile e potenzialmente pericoloso, che ben difficilmente riuscirete a capire nella sua interezza. Se doveste farlo, se lui riuscisse a parlarvi, sarebbe davvero preoccupante.

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Blastula - Scarnoduo (Amirani, 2010)

Giusto per mettere le cose subito in chiaro, diciamo che per quel che mi riguarda parlando di questo disco siamo…

30 Mar 2010 Reviews

Read more

Messa In Piaga - S/T (Autoprodotto, 2013)

Ennesima sbrodolatura scatologica per Hugo Bandannas ed Alessandro Scotti arrivati qui finalmente dopo mille sforzi ai minimi storici. Del…

14 Jan 2014 Reviews

Read more

Edible Woman - The Scum Album (Ame/Psychotica, 2007)

Come già detto per altri dischi anche per gli Edible Woman capacità degli strumentisti ed una buona produzione annullano completamente…

26 Apr 2007 Reviews

Read more

Verme – Un Verme Resta Un Verme (Autoprodotto, 2010)

Un'Agatha, più un Fine Before You Came, più un Dummo, più un Hot Gossip, uguale: un Verme.  Trovarsi a suonare…

26 Jan 2010 Reviews

Read more

Geoff Farina - The Wishes Of The Dead (Damnably, 2012)

Ispirato dalla nuova vita rurale presso il fiume Kennebck nel freddo Maine, torna in punta di piedi Geoff Farina (ex…

05 Apr 2012 Reviews

Read more

Live Footage - Doyers (Autoprodotto, 2013)

Topu Lyo e Mike Thies da più di cinque anni servono la scena di New York City con la loro…

18 Jul 2013 Reviews

Read more

The Shipwreck Bag Show – S/T (Wallace, 2012)

Continua la navigazione la sgangherata nave (vichinga, si direbbe dalla copertina) capitanata da Xabier Iriondo alla chitarra e da Roberto…

13 Dec 2012 Reviews

Read more

Crap - S/T (Megablomb, 2006)

Registrato ormai dieci anni fa, nel 1998, e rimasto nel cassetto fino al 2006, anno in cui è stato pubblicato…

21 Apr 2008 Reviews

Read more

Von Tesla - Raised By Clear Acid (Boring Machines,…

Von Tesla ovvero il nuovo progetto di Marco Giotto (già col moniker mondano e festaiolo di Be Invisible Now!), con…

21 Jan 2014 Reviews

Read more

Lazarus - The Trickster (St. Ives, 2009)

Trevor Montgomery, fuoriuscito dai Tarentel alcuni anni fa, ha imboccato il sentiero già battuto da altri (Steve Von Till e…

20 Nov 2009 Reviews

Read more

Vanessa Van Basten - 29/04/10 Locanda di Campagna (Lonato -…

Ritornano a farsi vivi, nell'amata Locanda di Campagna, i Vanessa Van Basten, dopo un anno sabbatico speso a migliorare la…

07 May 2010 Live

Read more

Aucan - S/T (Africantape/Ruminance, 2008)

Giù la maschera: ero partito molto prevenuto nei confronti degli Aucan, temevo che sulla scia dei Three Second Kiss fossero…

16 Jun 2008 Reviews

Read more

The Star Pillow - The Beautiful Questions (Setola Di Maiale/Taverna,…

Torna il duo degli The Star Pillow e si accasa per l'occasione su Setola Di Maiale, che come sempre ha…

16 Apr 2014 Reviews

Read more

Limbo - Unholy Rituals (Radical Matters, 2010)

Gianluca Becuzzi rispolvera il nome Limbo in un periodo per lui molto denso in termini di uscite discografiche, ma del…

12 Apr 2011 Reviews

Read more

AIDS Wolf - Cities Of Glass (Skin Graft, 2008)

Reduci da uno split con Athletic Automaton, con i quali spartiscono una incompromissoria propensione all’attacco sonoro, gli AIDS Wolf, da…

12 Nov 2008 Reviews

Read more

Splintered Man - S/T (Slow Release, 2014)

Gli Splintered Man sono Simon Kobayashi e Alex Carter, il primo dei due è attivo con gli Smallgang, su Damnably:…

29 Apr 2015 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top