Talibam! + Mangia Margot – 19/05/09 Arci Kroen (Villaranca – VR)

Era certo uno dei nomi di punta del cartellone di questa fine stagione quello dei newyorkesi Talibam!, ridottisi a duo dopo l’abbandono del sassofonista Ed Bear ma con sempre in organico l’onnipresente “batterista-monstre” Kevin Shea, qui con una delle sue creature più durature. Peccato che la risposta del pubblico, numericamente solo discreta, non sia certo stata quella che ci si poteva aspettare da un evento simile, tanto più in una zona che, di gruppi di questo livello, fino a poco tempo fa, ne ha visti un gran pochi. Vabbè, concentriamoci sull’accaduto…
A scaldare l’atmosfera di una serata ormai tiepida sono i vicentini Mangia Margot, probabilmente il milionesimo duo basso/batteria che vedo dall’inizio dell’anno: fortuna vuole che siano di quelli buoni. Senza sentirsi in dovere di dimostrare perizia ad ogni mezza battuta, tecnica che comunque abbonda, i due giocano con i ritmi e i timbri che la batteria offre, supportandola con ben congegnati giri di basso e inquinando il tutto con clangori metallici ed “elettroacusticità” assortite. Pochi pezzi, ma lunghissimi e molto articolati: forse un maggior frazionamento avrebbe facilitato la fruibilità, ammesso si possa parlare di fruibilità in questi territori di confine.
Conclusasi l’esibizione degli italiani con un pezzo di un quarto d’ora abbondante, i due talebani si presentano sul palco per il rapido soundcheck, due colpi di batteria e un accordo di tastiera: “soundcheck’s over. It’s time to drink” e spariscono di nuovo. talibam________________live__________________-kroenQuando si ripresentano sono agghindati come orrendi fricchettoni: Shea in particolare, con canotta e mantello multicolore, sembra una versione frocia di Ralph Supermaxieroe. Ora sì la mania di dimostrare onnipotenza tecnica tocca uno dei suoi apici: la batteria, sollevata dal compito di tenere il tempo, è tempestata di colpi con apparente casualità, tanto che quando una delle bacchette si impiglia nel costume di scena, non si notano variazioni nella progressione ritmica. Il fatto è che l’abbandono da parte di Shea di quello stile “rotolante”, che lo caratterizzava fin dai tempi degli Storm And Stress e che in effetti cominciava ad essere limitante, non è compensato dall’elaborazione di un nuovo stile, ma da una semplice deriva ipercinetica, molto fine a sé stessa. Così il gruppo imbocca una strada verso il caos che sfocia, nel tentativo di giustificare la gratuità, nell’ostentazione di un’ironia un po’ scema, sottolineata da voci in falsetto nel peggior stile “penc-fenc” e nello schema, ripetuto allo sfinimento, della canzoncina che parte pop e accelera fino a dissolversi nel caos di percussioni e svisate. Unici elementi che cercano di contrastare questa tendenza sono le parti più freak, dove Shea tira il fiato e la tastiera intona melodie anni ’70, a volte quasi sabbathiane, altre addirittura californiane. E se a un certo punto si accoglie con favore anche l’apparizione del fantasma del prog, nelle forme di una versione degli Emerson, Lake & Palmer più rock e meno rompicoglioni, è ovvio che la situazione non è delle migliori.
Tirando le somme, quella di assistere a un’esibizione dei Talibam! è un’esperienza da provare assolutamente, ma è chiaro che l’evoluzione di un certo suono si sviluppa ormai grazie ad altri gruppi.

 (foto di Elena Prati)

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Heroin In Tahiti - Sun and Violence (Boring Machines, 2015)

Se con Death Surf c'era chiaro riferimento allo spaghetti western, qui, per mole e durata, già si parla di kolossal,…

30 Mar 2015 Reviews

Read more

To Repel Ghosts - S/T (Viva, 2011)

Strano oggetto. Non si sa davvero da che parte girarlo e soprattutto, satolli della solita abitudine di incassellare qualsiasi cosa,…

14 May 2012 Reviews

Read more

Colleen Green - Sock It To Me (Hardly Art, 2013)

In heavy rotation in macchina da settimane, il disco di Colleen Green verrà testè premiato con una recensione incensante. Drum…

18 Sep 2013 Reviews

Read more

Empire! Empire! (I Was A Lonely Estate) - You Will…

Che un disco di mero revival possa accendere l'interesse degli ascoltatori è una questione a lungo dibattuta. A maggior ragione…

11 Oct 2014 Reviews

Read more

Swedish Mobilia – It's Not Jazz, It’s Worse (Auand, 2016)

Se non apprezzassimo da tempo gli Swedish Mobilia – il trio composto da Andrea Bolzoni alla chitarra ed elettronica, Dario…

21 Mar 2017 Reviews

Read more

Antonello Cresti - Solchi Sperimentali (Crac, 2014)

È uscito da un po’ il nuovo lavoro di Antonello Cresti, ma vale la pena parlarne comunque, sia a causa…

29 Jul 2015 Reviews

Read more

Yann Novak - Blue.Hour (Farmacia901, 2012)

Yann Novak vive e lavora nella città di Los Angeles dove donnine prosperose e omaccioni muscolosi corrono al rallentatore sulla…

19 Apr 2013 Reviews

Read more

The Tall Ships - Paint Lines On Your Glasses Look…

Mi ha incuriosito il fatto che l'esordio dal titolo chilometrico di questo terzetto di S. Diego sia uscito per un'etichetta…

01 Dec 2006 Reviews

Read more

Sincabeza - Edit Sur Passage Avant Fin Ou Montée D'Instrument…

La Distile continua a rigurgitare rock e post-rock a profusione ed i "senza testa" non sgarrano dalla linea editoriale della…

09 Mar 2007 Reviews

Read more

Wora Wora Washington - Mirror (Shyrec, 2016)

Mi ricordo della prima volta che ho visto i Wora Wora Washington. Sono capitata a una data del tour di Radical…

03 Mar 2017 Reviews

Read more

Trent'anni di Sigillum S: solo una tappa verso l'infinito

Ci sembra parimenti difficile e inutile presentarvi i Sigillum S: difficile perché, in poche righe, è impossibile tratteggiare una carriera…

11 Apr 2016 Interviews

Read more

Drink To Me/Edible Woman - Split 7” (Smartz, 2009)

Smartz, etichetta canavesana da anni coinvolta in produzioni hardcore e d.i.y. (C.O.V., Distruzione, Arturo, Belli Cosi, Kafka, tra gli altri),…

19 Jun 2009 Reviews

Read more

Plakkaggio HC - Ritorno Alla Pangea

Giunto al terzo lavoro (Approdo), dopo Il Nemico (2007) e Fronte Del Sacco (2009), questo terzetto di Colleferro sembra essere…

03 Aug 2013 Interviews

Read more

Majak - Scavengers (Autoprodotto, 2014)

Hardcore apocalittico e senza compromessi per questa agguerrita pattuglia genovese. Un brillante esordio dove scorgiamo tanto i cicloni ascensionali dei…

04 Nov 2014 Reviews

Read more

The Days Are Blood – S/T (Autoprodotto, 2013)

Ci sono duo strumentali e duo strumentali. Fatto salvi quelli dediti all'improvvisazione radicale che in linea di massima, lo sapete,…

10 Apr 2013 Reviews

Read more

St.Ride - Antologia Del Medio Mongoholi Nasi (Setola Di Maiale,…

"Genova's best kept secret", ma sarà davvero un segreto? Alla fine io li ho scoperti con quel piccolo capolavoro (e…

10 Jan 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top