since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Tag Archives: z'ev

Simon Balestrazzi – Redshift (Azoth, 2018)

Si presenta con una grafica concettuale piuttosto interessante Redshift, il nuovo album di Simon Balestrazzi, efficace controparte visiva di un’uscita che richiama i suoi lavori più sonicamente astratti e meno narrativi. Un linguaggio che poggia su un sostrato elettroacustico, dove gli studi di oggetti, gong e piatti collimano e si intrecciano all’interno di una visione…

Read more

Hermetic Brotherhood Of Lux-or – Ethnographies Vol. III – Musèe De L’Homme Hermètique (Transponsonic, 2017)

Arriva al terzo capitolo, quello conclusivo, la ricerca sull’uomo ermetico dei sardi Hermetic Brotherhood Of Lux-or, un lavoro poderoso in doppio CD per oltre 100 minuti di musica, in pratica due lunghi brani divisi in 9 tracce per ciascun supporto. Dopo l’intermezzo ritualistico di Anacalypsis il collettivo di Macomer torna alla ricerca sul campo con…

Read more

Rotadefero – Discodefero 7” (Zen Hex, 2017)

Cristiano D’innocenti e Tommaso Garavini erano, un eone fa, batteria e voce dei romani Concrete, un gruppo che definire hardcore – per quanto quello fosse l’ambito entro cui si muoveva – è estremamente riduttivo. A legare quell’esperienza a questa nuova avventura rimane il nome (Rotadefero, insieme al metallo della morte, era uno dei tormentoni della…

Read more

Trent’anni di Sigillum S: solo una tappa verso l’infinito

Ci sembra parimenti difficile e inutile presentarvi i Sigillum S: difficile perché, in poche righe, è impossibile tratteggiare una carriera dove la quantità delle uscite è seconda solo alla profondità sonora e concettuale che le caratterizza, all’insegna di uno spirito di ricerca che non concepisce l’immobilismo e il mantenimento di uno status;  inutile perché, se state leggendo queste pagine, chi sono dovrebbe esservi ben chiaro. È tuttavia doveroso dedicare spazio a questo fondamentale progetto e l’occasione ce la dà la ricorrenza del trentennale, celebrata con Non Serviam, un monumentale nuovo lavoro (non la solita antologia autocelebrativa…) e con un concerto che si terrà al Lo-Fi di Milano il 16 aprile. In questa intervista con i due artefici del progetto, Paolo Bandera ed Eraldo Bernocchi, abbiamo volutamente trascurato gli argomenti prettamente biografici -per i quali vi rimandiamo al libro Rumori Sacri (Kali Yuga Editions) che a Sigillum S dedica un intero capitolo curato dallo stesso Bandera o al recente Solchi Sperimentali Italia (Crac Edizioni) di Antonello Cresti– per concentrare l’attenzione sul milieu che ha generati e fatto crescere un progetto per il quale l’essere italiano è un mero dato anagrafico. …

Read more
Back to top