since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Tag Archives: wolves in the throne room

Musiche per il tempo del bosco

“Il compito della guida spirituale è condurvi il discepolo per liberarlo dalla paura. Il bosco lo fa morire e rinascere simbolicamente. A un passo dall’annientamento c’è il trionfo. Chi ha inteso questo, sa innalzarsi al di sopra la violenza temporale.” Ernst Jünger Se amate stare all’aperto, l’autunno – che ormai si prolunga anche oltre i…

Read more

Gnaw Their Tongues – Eschatological Scatology (Autoprodotto, 2012)

Seguire tutte le uscite del prolifico Maurice De Jong non è facile: fra album, split e singoli siamo già oltre la ventina in poco più di un lustro. È però il caso, ogni tanto di fare il punto della situazione, anche se con un progetto vorticoso come Gnaw Their Tongues, che giocano con eclettismo fra drone, black metal e industrial, notare progressi e differenze non sempre è facile. …

Read more

OvO, nel Cor della bestia

Abbiamo recensito i loro dischi, scritto dei loro concerti, passato le loro canzoni nel podcast: l’unica sezione del nostro sito a non aver ancora incontrato gli OvO era quella delle interviste. Approfittando dell’uscita del nuovo disco su Supernatural Cat e delle imminenti date estive, colmiamo la lacuna e diamo la parola a Bruno e Stefania che ci parlano del presente del passato e del futuro del loro inclassificabile progetto.

Read more

Pagan Moon Organization, intervista con il vampiro

Nel cuore della vecchia Torino, a cercare bene, si possono trovare strani ed invitanti anfratti come nel caso di Pagan Moon Organization. Nero negozio sotto la mole, scrigno di sonorità che variano dal black, all' ambient oscura passando attraverso folk apocalittico ed isolazionismo estremo. Andrea, gestore e mentore delle svariate entità che animano la luna pagana, senonchè membro dei Santa Agostino, è un osservatore dell' essenza intrinseca dell'essere ed un personaggio con cui fare piacevolmente quattro chiacchiere già solo per uscire dallo stress della città e perdersi nei fili della rete.

Read more
Back to top