since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Tag Archives: taub

AA.VV. – The Fall Will Probably Kill You (Bearsuit, 2010)

Ennesima raccolta della Bearsuit, etichetta inglese della quale ci siamo già occupati sia nel caso di altre raccolte che in quello di dischi interessanti come Taub ed Harold Nono. Il sampler si mantiene su standard molto buoni: si va dal folk della traccia di apertura di Alyosha Het ai serialismi di Rhizottome, lo-fi pop delirante al minimalismo giocattoloso di Whizz Kid, dalle strane composizioni di Forofo alle varie collaborazioni fra elettronica e melodie ubriache di PNDC e poi gli artisti già citati ed altri, che come dicevo si mantengono su un buonissimo livello.

Read more

Slowcream – River Of Flesh (Nonine, 2010)

Tornano gli Slowcream di Me Rabenstein e il risultato tiene fede alle aspettative ed è anche sorprendente il fatto che il boss della Nonine records continui a mantenersi su questi livelli nonostante la prolificità, sia in solo che con i suoi altri progetti come ad esempio i Taub o Esk, per citarne solo due. Come abbiamo già detto la Nonine è un'etichetta berlinese dedita ad un elettronica in bilico fra musica da club nordeuropeo, ambient, neoclassica ed elettronica notturna "post" parecchie cose. Se l'ambientazione notturna della maggioranza delle uscite degli Slowcream rimane, mi pare che in questo nuovo episodio le musiche si facciano ancora più astratte, giocando maggiormente con gli stop and go.

Read more

Taub – The Wrong Path (Bearsuit, 2010)

Dietro alla sigla Taub, di cui avevamo già recensito un ottimo lavoro qualche tempo fa, si nascondono Harold Nono e il patron della Nonine (la label che aveva licenziato il loro primo disco). Rispetto agli esordi mi pare che il duo si sia incupito: pur trattandosi sempre di elettronica molto fine e parecchio morbida le melodie e i beat suonano un po' più pesanti. …

Read more

Patron And Patron – Gen (Nonine, 2008)

Iniziate a segnarvi il nome di Me Raabenstein perché ho il sospetto che "il ragazzo abbia il risultato nelle gambe", forse ancora da migliorare nella forma dei pezzi ma i tempi ci sono ed ha fiato, questa volta in compagnia di Sakuran (al secolo Frederik Van de Moortel) con il moniker Patron And Patron.

Read more
Back to top