since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Tag Archives: simon balestrazzi

Sarram – A Bolu, In C (Talk About, 2017)

I rituali primitivo-futuristi degli Hermetic Brotherhood Of Lux-Or e di tutto il giro di Macomer, le sinfonie post-industriali orchestrate nel sud dell’isola da Corrado Altieri, Simon Balestrazzi, Gianluca Becuzzi e Massimo Olla, i vocalizzi stregheschi  fra avanguardia e tradizione di Dalila Kayros, le geometrie strumentali dei Plasma Expander, le arti improvvisative di Paolo Sanna, Elia…

Read more

Simon Balestrazzi – Early Works (1979–1982) (Azoth, 2016)

Quello che vedete in copertina può sembrare un registratore a nastro ma non lo è: è una macchina del tempo che ci permette di tornare alle origini della carriera di Simon Balestrazzi, agli anni che hanno preceduto la formazione dei Kino Glaz e dei T.A.C., progetto che sicuramente deve qualcosa alla musica che ascoltiamo in questa…

Read more

Daimon – S/T (Metzger Therapie, 2016)

Daimon è il nome che prende l’incontro fra la chitarra elettrica di Paolo Monti (The Star Pillow), le macchine elettroniche di Simon Balestrazzi (Dream Weapon Ritual) e le voci di Nicola Quiriconi (VipCancro), un incontro che mette a confronto generazioni e ambiti musicali distanti ma che evidentemente lo sono solo in apparenza o che –…

Read more

Franz Rosati – Black Body Radiation (Manyfeetunder, 2015)

Franz Rosati riprende in discorso iniziato con l’album Ruins un paio di anni fa e con Black Body Radiation lo porta alle estreme conseguenze. Non che il predecessore fosse un disco afferente all’antica categoria della “terapeutica di facile ascolto”, ma fra le pieghe del rumore c’era un che di immaginifico che in qualche modo testimoniava la volontà di farsi riconoscere e di comunicare. Quest’album no: suona come i codici interni di macchine che scandagliano un mondo che, almeno di primo acchito, fatichiamo a riconoscere. …

Read more
Back to top