since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Tag Archives: low

Low – 3/4/2019, Auditorium Parco della Musica (Roma) Featured

I Low e la trasfigurazione come soglia necessaria Non sapevo cosa aspettarmi dal nuovo live dei Low alla luce del loro ultimo disco. Un lavoro, diciamolo, che ha spiazzato i più, colpendo con un concetto di produzione inaspettato, una scelta tanto estrema e personale di scrivere e trattare le canzoni da  stimolare riflessioni non facili,…

Read more

Low – Double Negative (Sub Pop, 2018)

Quest’estate si è iniziato a parlare di Double Negative, disco che porta i Low verso sonorità più elettroniche: l’uscita è stata anticipata da un discreto battage, in molti hanno dichiarato in fretta il disco dell’anno e qualche fan deluso ha borbottato nei commenti dei social… un elenco di cose al contorno che non mi ispirava…

Read more

Rue Royale – Remedies Ahead (Sinnbus, 2013)

Il duo anglo-americano Rue Royale, coppia anche nella vita, con Remedies Ahead è al suo terzo lavoro prodotto attraverso una raccolta fondi e donazioni andata a buon fine tramite Kickstarter dopo vari cdr e registrazioni fatte in casa. Anni fa saremmo stati sicuramente più coinvolti e in effetti non c’è nulla che non vada in questo disco. Tuttavia di registrazioni casalinghe o spacciate per tali, innesti tra indie pop e folk ne abbiamo fatto davvero incetta da fine anni novanta in poi. Davvero pochi hanno lasciato qualcosa di più tangibile, metaforicamente parlando, di una sorsata di acqua fresca. Nel 2013 quindi riproporre questo genere è puro conservatorismo musicale.

Read more

Low – The Invisible Way (Sub Pop, 2013)

Decimo disco in venti anni di attività per i Low: ed è quindi inevitabilmente il tempo per tirare le somme e per compiacersi nelle celebrazioni in occasione dell’uscita di questo The Invisible Way. Per il duo mormone Alan Sparhawk/Mimi Parker, coppia nella musica e nella vita, il tempo non sembra passare poi così velocemente, e il disco, seppure non ci dia sorprese e non spodesti i grandi classici del gruppo (per me Christmas, Secret Name, Things We Lost In The Fire), non delude le aspettative. …

Read more
Back to top