since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Tag Archives: koji asano

Koji Asano – August Is Fall (Solstice, 2013)

Autoprodursi i dischi nel 2013 è ormai quasi consuetudine per molti, ma nel 1995, quando Koji Asano pubblica il suo primo lavoro per la sua Solstice erano altri tempi. Una etichetta quasi tutta per se, visto che scorrendo il catalogo conto solo sei uscite non a suo nome, su un totale di circa quarantanove (nel mentre che verrà pubblicata questa recensione probabilmente sarà già uscito un nuovo disco!!). …

Read more

Koji Asano – Mileage Reimbursement (Solstice, 2012)

Non si ferma, ci preoccuperebbe il contrario, la prolifica produzione del giapponese Koji Asano e a pochi mesi da Travel Coupon se ne esce con questo Mileage Reimbursement, andando a comporre un dittico che pare ispirato ai viaggi e al loro rapporto col denaro (o forse col lavoro). Cosa questo c’entri con ciò che ascoltiamo nel disco, onestamente ci sfugge. …

Read more

Koji Asano – Travel Coupons (Solstice, 2012)

Il compositore Koji Asano pubblica Travel Coupons, il suo primo disco dell’anno 2012, come sempre rigorosamente autoprodotto sulla sua etichetta Solstice; il sempre prolifico giapponese non dà tregua ai suoi ascoltatori con continue uscite anche abbastanza ravvicinate tra di loro, questa registrazione è infatti la sua uscita numero 47 dal suo esordio Solstice del 1995: una serialità e una precisione tutta orientale. …

Read more

Koji Asano: il long distance runner della composizione giapponese

Quando qualche anno fa iniziai a ricevere suoi dischi, Koji Asano si trovava in una delle sue fasi più prolifiche: negli anni Asano ha attraversato l’ambito della musica elettronica, della musica classica, del rock progressivo, ha registrato lavori basati su field-recordings, musica simil-ambient e chi più ne ha più ne metta. Fin dai primi lavori che ascoltai di questo compositore/musicista giapponese mi resi conto questo musicista era molto determinato, cosa che era intuibile dal fatto che avesse fin da subito creato un’etichetta che stampasse i suoi materiali (la Solstice) e che si presentasse apertamente come un musicista tout-court. Non credo che un musicista come Asano abbia mai avuto dei problemi a reperire un’etichetta che si dedicasse alla stampa delle sue uscite, ma stiamo parlando di un musicista che si vuol lasciare la libertà di stampare e di comporre qualunque cosa desideri e questo è quello che effettivamente ha fatto.

Read more
Back to top