since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Tag Archives: kk null

KK Null – Cryptozoon Stereo Condensed Mix (Aagoo, 2014)

Il prolifico samurai KK Null, già con gli Zeni Geva ma ultimamente sempre più frequentemente in solitaria, ha trovato nell’Aagoo un’etichetta ben disposta a dare supporto alle sue idee. Dopo il vinile Terra Incognita, in cooperazione coi messicani Israel Martinez e Lumen Lab, è la volta di questo ambizioso progetto, concepito in origine per il festival parigino Présence Életronique. …

Read more

KK Null/Israel Martinez/Lumen Lab – Incognita (Aagoo, 2013)

La Terra Incognita è al centro di un triangolo con Tokio, Berlino e la città messicana di Zapopan come vertici; qui risiedono rispettivamente KK Null, Israel Martinez e Lumen Lab, nome dietro cui si cela Diego, fratello di Israel. Com’è ormai consuetudine i tre hanno lavorato a distanza, spedendosi i file per via telematica e si sono poi ritrovati insieme per l’editing finale, partorendo i quattro brani di Incognita, semplicemente identificati da un numero romano e un quinto, Terra, che qui non compare e finirà sull’edizione limitata in vinile. …

Read more

Deison – Quiet Rooms (Aagoo, 2012)

A questo giro ritorna Cristiano Deison, che vanta una carriera solista di tutto rispetto divisa fra dischi in proprio e collaborazioni o split con gente come KK Null, Scanner, Thurston Moore e Teho Teardo (assieme al quale aveva militato nei Meathead). Il friulano ritorna con un lavoro molto diverso dalla collaborazione con KK Null (giova ricordare che il disco con il giapponese è un capolavoro), infatti Quiet Rooms lo riporta su di un terreno in cui lo riconosco maggiormente. …

Read more

Cris X: l’eminenza grigia dei Lendormin prende il largo in solo

Neanche troppi anni fa c’erano i Lendormin: a me era capitato di incontrarli nella serie P.O. Box della Wallace con cui Mirko Spino aveva messo insieme alcuni dei migliori demo che gli erano arrivati nella casella postale. A dimostrazione del buon fiuto di Spino, fra i nomi di quei CD si incontravano Claudio Rocchetti, Sedia, Taras Bul’ba e appunto i Lendormin, in cui Cris aveva un ruolo importante. Si trattava di un gruppo piuttosto anomalo, una specie di collettivo aperto, fra sperimentazione, musica free e pura essenza freak, che produsse una pletora di CD, CD-R, collaborazioni (ad esempio quella con il romano DBPIT) e tracce isolate su raccolte. Poi succede che, come in molte storie, ognuno prenda la propria strada e Cristiano Luciani diventi quel Cris X che, nel giro di tre anni, ci ha regalato due split su vinile con Maurizio BianchiMerzbow e diverse collaborazioni con Keiko Higuchi, Sachiko ed infine KK Null (che già aveva incrociato le manopole del mixer con Deison per un disco splendido). …

Read more
Back to top