since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Tag Archives: jealousy party

NOfest! 2012 – 24/06/12 Spazio 211 (Torino) Terza parte

E si arriva così all’ultimo giorno, carichi della fatica di quelli passati, soprattutto della tirata del sabato, ma determinati a presenziare il più possibile: i nomi che abbiamo in agenda sono diversi e il programma si presenta interessante fin dalle primissime battute. …

Read more

NOfest! 2012 – 23/06/12 Spazio 211 (Torino) Seconda parte

Il sabato è come sempre il giorno principale del NOfest! e quello che richiama il maggior numero di persone: anche quest’anno è così e ci ritroviamo in uno Spazio211 affollato ma sempre a misura d’uomo, senza mai avere la sensazione di frustrazione tipica dei festival; anche i gruppi ovviamente sono tanti e le orecchie verranno stimolate per ore dai suoni più diversi. …

Read more

Luther Blissett: il suono sanguigno dell’improvvisazione

Luther Blissett. Da Bologna. Due dischi all’attivo. Il perché di questa intervista sta tutto nel ricordo di un concerto, risalente a qualche anno fa, dove fecero fuoco e fiamme sul piccolo palco del Tago Mago. Poi i due dischi, uno, il primo, più vicino ad un’estetica jazz core, l’altro, il secondo, più aperto all’impro, dotato di un’anima pesante e scura e parzialmente frutto di cut up sonori selvaggi. Insomma, quello che nel mio immaginario di ascoltatore/consumatore musicale è il classico gruppo che “spacca” di cui, purtroppo, si parla troppo poco.

Read more

Tago Fest – 01-03/07/11 Tago Mago (Massa)

Edizione numero sette per il Tago Fest: sarà il settimo l’anno della crisi, come recita il famoso modo di dire? Crisi no, ma certo un po’ di riflusso si fa sentire. A fronte della conferma dei soliti gruppi noti, poche fra le nuove leve lasciano il segno, preferendo adattarsi a stilemi consolidati piuttosto che rischiare qualcosa: onestamente, il quadro che si è visto desta qualche perplessità sulla qualità delle proposte circolanti nella penisola. Ciò tuttavia non toglie valore al festival, anzi, il suo essere, almeno in buona parte, specchio della situazione attuale ne fa un indispensabile strumento di lettura e valutazione sullo stato di salute della nostra musica.

Read more
Back to top