since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Tag Archives: giovanni lami

Giovanni Lami – Bias (Consumer Waste, 2016)

Forse mai ci è capitato di trattare di un progetto simile a quello che Giovanni Lami ha elaborato per Bias, dove le registrazioni portano con sé tutta una serie di rimandi e associazioni mentali che ci conducono assai lontano dal semplice discorso sonoro che costituisce solo una delle molteplici dimensioni del lavoro. Conoscere le premesse…

Read more

Metzengerstein – Alchemy To Our Days (Kohlhaas/Yerevan Tapes, 2015)

Nel tempo trascorso tra il precedente Albero Specchio e questo Alchemy To Our Days i Metzengerstein hanno fatto diversa strada, in senso proprio e figurato: diverse date in giro per la penisola e un nome che si è fatto spazio fra quelli della sedicente psichedelia occulta italiana. Proprio in quella direzioni va il suono di questo nuovo lavoro che, come il precedente, ha visto la luce prima in cassetta (su Yerevan Tapes) e poi in vinile, grazie alla Kohlhaas. …

Read more

AIPS Collective – 01/02/2014 Spazio O’ (Milano)

Dopo essersi svelato a Londra con un live al Cafè OTO e un’installazione audiovisiva alla galleria SoundFjord sul finire dello scorso anno, il gruppo di musicisti che si riconosce nelle idee dell’Archivio Italiano dei Passaggi Sonori si ritrova a Milano per presentare finalmente anche sul nostro territorio Postcards From Italy, il progetto di field recordings di cui abbiamo avuto modo di parlare di recente recensendo l’omonimo CD. Ad ospitarli è lo Spazio O’ di via Pastrengo, da sempre attento alla promozione culturale meno omologata e per questo partner naturale di questo interessante progetto. …

Read more

AIPS Collective – Postcards From Italy (Oak, 2013)

L’Archivio Italiano dei Paesaggi Sonori è un collettivo di musicisti il cui intento è quello di promuovere la cultura del paesaggio sonoro, inteso come bene culturale immateriale e in continuo mutamento. L’AIPS –cito dal manifesto- studia il “cambiamento” negativo o positivo che sia, perchè vi è senza dubbio un innato valore antropologico e dunque ridefinisce l’estetica del paesaggio sonoro ‘conservandolo’, archiviandolo in contemporanei archivi digitali ed elaborandone i risultati in chiave artistica, scientifica, contemporanea. …

Read more
Back to top