since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Tag Archives: gastr del sol

Gastr Del Sol – Twenty Songs Less 7″ (Minority, 2006)

Ebbene sì. Finalmente Jim O'Rourke ha capito che per lui non c'era davvero niente da fare di utile all'interno dei Sonic Youth: dischi così così e soprattutto visto sul palco assieme al quartetto classico sembrava davvero come un personaggio di serie b fuori posto. Giustizia è fatta: fuori dalla band dunque e… quale migliore idea se non riprendere in mano i Gastr Del Sol? Telefonare a David Grubbs per una session sarebbe stato facile ma indietro (forse) non si torna. E così questo 7" è una ristampa di ben quattordici anni fa: nella foto promozionale ci sono due ragazzotti un po' impacciati dietro ad una statua di Lenin e Stalin. All'improvviso mi sento un matusa.

Read more

The Tall Ships – Paint Lines On Your Glasses Look Up At The Stars… (Minority, 2006)

Mi ha incuriosito il fatto che l'esordio dal titolo chilometrico di questo terzetto di S. Diego sia uscito per un'etichetta della Repubblica Ceca, la Minority Rec., la quale già può vantare un nome come Gastr Del Sol. Sembra però che i Tall Ships, a detta del cantante/ chitarrista Steve Kuhn, recentemente abbiano contattato una label concorrente che in futuro, anche per ragioni di vicinanza, sappia garantire un maggior supporto e una maggiore promozione al gruppo. Scopriremo presto quale (Touch and Go? magari!). Paint Lines… é un connubio di armonie (a volte lineari a altre meno) di chitarra (ottima), basso e batteria debitori tanto al math quanto al post rock. …

Read more

Marcilo Agro e il Duo Maravilha – Tra L’Altro (Room Service, 2005)

Momenti di amarcord. Sono cresciuto ascoltando musica prevalentemente cantata in inglese e, tuttora, fatico a relazionarmi all'italiano. Negli anni ci sono stati artisti capaci di dirmi qualcosa nella mia lingua e con gli accenti a me più congeniali. Sono stato raggirato da Lalli, dai Perturbazione, dagli Amari, dagli Assalti Frontali, dagli Altro. Mi hanno insegnato che anche nella nostra lingua si può far musica interessante, secondo i canoni a me più congeniali. Che non è impossibile unire certe sonorità a testi intelligenti.

Read more
Back to top