since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Tag Archives: elia casu

Sarram – A Bolu, In C (Talk About, 2017)

I rituali primitivo-futuristi degli Hermetic Brotherhood Of Lux-Or e di tutto il giro di Macomer, le sinfonie post-industriali orchestrate nel sud dell’isola da Corrado Altieri, Simon Balestrazzi, Gianluca Becuzzi e Massimo Olla, i vocalizzi stregheschi  fra avanguardia e tradizione di Dalila Kayros, le geometrie strumentali dei Plasma Expander, le arti improvvisative di Paolo Sanna, Elia…

Read more

Geometrie Variabili – The Breath (La Bél, 2013)

Ci sono musiche che hanno fama di essere difficili e cervellotiche, di richiedere all’ascoltatore preparazione e cultura e per questo la maggior parte del pubblico se ne tiene alla larga. Ci sono, tutti ne conoscerete almeno un paio di esemplari, musicisti e ascoltatori che di tutto ciò si compiacciono. Fortunatamente ci sono altri musicisti che questi steccati fanno di tutto per superarli, proponendo una musica che racconta, con un alfabeto magari insolito, storie semplici che richiedono solo lo sforzo di un  ascolto senza preconcetti. Lo so, anche una cosa così piccola è utopia e The Breath resterà l’ennesimo bellissimo disco sconosciuto, ma ciò non toglie nulla al suo valore e al piacere che sa procurare. …

Read more

Ongaku2 – Short Stories (La Bèl, 2013)

Dire prolifico è dir poco per il duo di Elia Casu e Paolo Sanna (molto attivi anche in altri progetti), eppur non capita mai, ad ogni nuova uscita, di respirare aria di stanchezza o ripetitività. Certamente il campo scelto dai due, quello della libera improvvisazione, consente di spaziare parecchio, ma in realtà i due non abusano della libertà, privilegiando composizioni in odore di minimalismo ed estremamente curate sotto ogni punto di vista. …

Read more

Ongaku2 – Kado, Live @ Area Sismica (Improvvisatore Involontario, 2011)

Ongaku2 è il duo formato da Elia Casu e Paolo Sanna, coppia già nota ai lettori di Sodapop: anche in questa occasione non tradiscono le aspettative e in poco meno di tre quarti d’ora sono capaci di mostrare tutte le loro doti improvvisative da un lato, e dall’altro riescono ad ammaliare con la loro musica sempre molto creativa e mai banale né tanto meno cervellotica. …

Read more
Back to top