since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Tag Archives: 108

Deison & Mingle – Weak Life (Aagoo, 2015)

Ecco l’affiatato duo Deison/Mingle, ormai stabilmente accasato presso Aagoo, presentarci il nuovo lavoro, seguito di quell’Everything Collapse(d) che tanto ci aveva impressionato lo scorso anno. E di seguito vero e proprio si può parlare, perché, nonostante l’evidente cesura dal punto stilistico, Weak Life è la logica prosecuzione di quella narrazione: un disco che di primo acchito sembra facilmente circoscrivibile in un genere, ma che con gli ascolti si rivela non facilmente etichettabile. …

Read more

Corpoparassita – Il Trapasso Nei Voti Battesimali (Buh, 2011)

Nuovissimo CDr per i Corpoparassita che sancisce il definitivo abbandono di quei suoni sci-fi che me li rendevano un po' indigesti (…non il gruppo, l'aggettivo). I due mettono il loro usuale abito dark-ambientale e la consueta serie di titoli piuttosto particolari che da sempre ne contraddistinguono la discografia, in questo trovo una sorta di continuità con certi lavori di Bisagni aka 108 aka Larva, anche se la sua estetica in solo è molto meno plumbea che in coppia con Diego Cestino.

Read more

Larva 108 – 99.09 Inside The Stones (Greytone, 2010)

Dopo dieci anni di registrazioni Greytone pubblica una raccolta di Larva, al secolo Guido Bisagni, dando l'opportunità di ascoltare pezzi editi in dischi ormai fuori stampa, tralaltro in una nuova veste rimasterizzata che mette in luce ulteriormente le qualità sonore dei brani. Il tempo scorre ma le emozioni profonde che Guido sa mettere in musica sono sempre lì davanti a me mentre ascolto i suoi dischi anno dopo anno.

Read more

…un quadro di Giacomo Spazio

…il titolo di quest'intervista si riferisce a inventario dei La Crus e la menzione non è per nulla casuale: Giacomo Spazio, in contemporanea con la sua carriera da artista è stato fondatore della Vox Pop, della Cane Andaluso, poi grafico, musicista (fin troppo sottovalutato http://www.discogs.com/artist/Giacomo+Spazio), "agitatore culturale", manager, tramaccione, ideatore e forse leggendo vari passaggi dell'intervista… anche casinaro a vario titolo. Spazio è una delle chiavi di volta che ha retto il circuito indipendente italiano fra anni '80 e '90, non a caso la sua storia si intrecci inestricabilmente con quella di gruppi come Afterhours, Carnival Of Fools (pre-La Crus), Casino Royale, alla libreria Calusca di Primo Moroni, alla Shake, a Rumore ma anche a molto indie più o meno recente come Giardini di Mirò, Alessandro Raina, Milaus giusto per citarne alcuni. Ma ciò che più importa, il suo vigore ed il suo egocentrismo quasi adolescenziale dimostrano ancora più che le sue parole, quanto ci tenga a sottolineare di esser vivo "hic et nunc" perché come diceva qualcuno, al di là del passato, "il tempo è ora"…

Read more
Back to top