Swedish Mobilia – It’s Not Jazz, It’s Worse (Auand, 2016)

Se non apprezzassimo da tempo gli Swedish Mobilia – il trio composto da Andrea Bolzoni alla chitarra ed elettronica, Dario Miranda a basso ed elettronica e Daniele Frati a batteria e percussioni – ce ne innamoreremmo al solo leggere il titolo di questo lavoro: sul “worse”, semplice questione di gusti, non mi pronuncio ma il ”not jazz” mi sento di sottoscriverlo. Quantomeno, è jazz nello spirito, ma lontano dalle ingessature formali che ci vengono propinate quotidianamente sotto questo nome ed utilizzato, come giustamente scritto nelle note di copertina, come catalizzatore per altri generi. It’s Not Jazz, It’s Worse è una nuova raccolta – la terza, contando anche il disco in collaborazione con Luca Aquino – che ci regala dieci improvvisazioni mediamente non più lunghe di un comune pezzo rock; non è un particolare secondario perché favorisce l’attenzione e la possibilità di seguire la musica anche per i meno ferrati in materia. Parlare di ascolto facile è forse eccessivo – siamo pur sempre in pieno territorio impro – ma sicuramente le composizioni hanno una piacevolezza e una varietà che ci permette di approcciarle senza i timori reverenziali che questa musica talvolta suscita. Merito dell’attenzione riservata alla melodia, alla capacità di montare e smontare i brani con intelligenza senza sacrificare l’espressività e alla scelta di usare l’improvvisazione come metodo di reinterpretazione di altri generi trasfigurandoli senza sfigurarli, tenendo il disco alla larga da eccessive astrazioni e autoreferenzialità. Fermo restando che nessun brano arriva alla fine così come era partito e che spesso i mutamente sono anche molto radicali, potremmo ascrivere Please, Red e Time For Tea alla categoria dei blues notturni e scheletrici (solo verso la fine alcuni assumono una forme più serrate e organiche), Two Nights In Tunisia, Dont’t You Mind?, Fifteen e Thanks For Coming al rock muscolare e storto, talvolta spigolosamente noise e We’ve Been So Kind al funk più disassato che si sia mai sentito. La palma dei migliori va tuttavia a due brani che riassumono un po’ lo spirito dell’opera: Kiss, Miss mette in mostra senza vergogna le proprie incertezze e tentativi di raggiungere una coesione che non arriva, regalandoci tre minuti e mezzo di emozione, Coffee Go parte canonicamente impro-jazz ma con una bella chitarra scontrosa, poi, quando gli strumenti trovano l’accordo, comincia a macinare del noise-rock pulsante che non perde il gusto per le storture e piacerà agli orfani degli Sightings. Che altro dire? Solo far notare che parlare di un disco impro analizzandolo brano per brano invece che in blocco nel suo fluire, è un’anomalia che dice molto della bellezza e particolarità di It’s Not Jazz, It’s Worse.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

MDF - Horvs (Farmacia901/MidiD'unFaune, 2010)

Insieme alla splendida uscita di Kaeba, Farmacia901 insieme a MidiD'unFaune licenzia questo disco degli MDF che esce con grafica corredata di blocchetto…

16 Jan 2011 Reviews

Read more

Luca Venitucci – Interstizio (Brigadisco, 2012)

Ammetto di non essere troppo informato sullo stato dell'arte della fisarmonica, sulle tendenze recenti e sui futuri, possibili sviluppi. Di…

16 May 2012 Reviews

Read more

Above The Tree & The E-Side – Wild (Locomotiv, 2012)

Non mi è ben chiaro se questo lavoro rappresenti il nuovo corso della carriera di Above The Tree o una…

18 May 2012 Reviews

Read more

Slayer - Christ Illusion (Warner Bros / Wea, 2006)

Loro. Sono tornati e ancora una volta, fin dalla copertina, è evidente il tentativo di tornare ai torridi fasti di…

02 Aug 2006 Reviews

Read more

Khem – The Cross (Old Europa Cafè, 2013)

Ancor più che un collettivo, come essi stessi si definiscono, Khem mi pare essere un’entità dotata di un proprio carattere…

18 Apr 2014 Reviews

Read more

Vonneumann - Switch Parmenide (Homemade Avantgarde, 2006)

Ci avviciniamo con colpevole ritardo a questo disco dei Vonneumann uscito ormai due anni fa, tanto che, da quanto apprendo…

16 Apr 2008 Reviews

Read more

Sodapop Fizz – Anno 3 Puntata 2 (16/10/14)

Seconda puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano in diretta con lo speciale sull'etichetta Ebullition Records.…

22 Oct 2014 Podcasts

Read more

The Paper Chase + Nicker Hill Orchestra + Entrofobesse -…

Questa sera, davanti all'ingresso del Kroen, sosta uno strano figuro, postura ingobbita, andamento ciondolante, parlata non locale. Non ci sono…

17 Nov 2009 Live

Read more

Temple Of Deimos - Work To Be Done (Go Down,…

Praticamente una cover band dei migliori Queen Of The Stone Age. E potrei anche fermarmi qui. La band genovese dei…

05 Mar 2015 Reviews

Read more

23RedAnts & Pablo Orza - Nothing Here Is What It…

Il sodalizio fra i 23RedAnts (Macarena Montesinos al violoncello e Niet F-n all’elettronica) e il chitarrista Pablo Orza ha funzionato…

14 Apr 2017 Reviews

Read more

Arrington De Dionyso’s Malaikat Dan Singa - Open The Crwon…

Ritorna Arrington De Dionyso con un nuovo disco su K records: l'ultima volta lo avevamo lasciato a fare jam ad…

22 May 2013 Reviews

Read more

Empty Chalice – Mother Destruction (Toten Schwan, 2019)

La perseveranza è dote rara e per questo ancor più da apprezzare. Parliamo, nella fattispecie, della continua esplorazione delle regioni…

09 Sep 2019 Reviews

Read more

Mechanical God Creation - Cell XIII (Aural Music, 2010)

Brutale death moderno per questo quintetto meneghino di scuola ed ispirazione americana (florida). Anche nel caso dei Mechanical God Creation,…

08 Jul 2010 Reviews

Read more

M+A – Things.Yes (Monotreme, 2011)

Quando metto su questo esordio degli M+A non posso fare a meno di fermarmi dal fare quello che sto facendo…

18 Jan 2012 Reviews

Read more

Wailing Of The Winds - II (Paradigms, 2013)

Torna Mauro Sciaccaluga con il suo progetto solista Wailing Of The Winds e, dopo che la bella cassetta omonima era…

12 Dec 2013 Reviews

Read more

Enzo Rocco/Pablo Ledesma - Seis Episodios En Busca De Autor…

Enzo Rocco lo avevamo già visto qualche tempo fa in duo con Coxhill e l'impressione era che il chitarrista italiano…

11 Jan 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top