Susanna Gartmayer – AOUIE, Solos For Bass Clarinet (Chmafu/God, 2015)

New York’s Alright If You Like Saxophones, dicevano i Fear; se invece amate il clarinetto, la città che fa per voi è Vienna. Susanna Gartmayer, appunto viennese, è una pittrice che ha studiato in alcune delle più prestigiose accademie d’Europa, fra cui la Glasgow School Of Art; come musicista è invece autodidatta e presta le sua ance a Broken.Heart.Collector, Dirac, The Vegetable Orchestra, Möström, tutte ensemble che si muovono al confine fra rock sperimentale, improvvisazione e contemporanea: AOUIE è il suo esordio come solista.
Come dice chiaramente il titolo, è il clarinetto basso l’assoluto protagonista di questo disco: la Gartmayer ne saggia le qualità timbriche, melodiche ed espressive con gran classe, senza mai abbandonarsi a vuoti tecnicismi ma mantenendo sempre una certa comunicatività e fruibilità, all’insegna di un jazz inteso più come spirito che come stile. Lo stesso controllo dello strumento, che non viene mai meno, non va a scapito della spontaneità e dello spirito di ricerca, come evidenzia l’incredibile 0339 O, che evoca l’Africa coi soli ritmi ottenuti percuotendo lo strumento e schiacciando le chiavi, senza soffiare nell’ancia. Notevoli sono anche l’insistente 0357 AE, col suono che si spegne e risale di continuo, l’angosciante e quasi afono 0214 U, i blocchi di suono austeri di 0442 E (unico brano eseguito col contralto e registrato non in studio ma nella chiesa di St. Ruprecht), il più dinamico e quasi incazzato 0534 A; se contate che i due brani che non ho citato – e che completano la raccolta – non sono da meno, avrete la misura della qualità del lavoro. Elemento essenziale per valorizzare un disco come questo è la registrazione che cattura, oltre alla grande varietà di multiphonic, ogni respiro della musicista, i colpi sullo strumento, le risonanze di un piano presente in un paio di pezzi: non semplici accidenti, ma elementi che contribuiscono, al pari del suono del clarinetto, a connotare i brani e a donare loro espressività. In AOUIE, con un solo strumento all’opera per meno di mezz’ora, si trovano più inventiva, emozioni e trasporto che nei repertori di tutti gruppi jazz-core che impestano il pianeta: un ascolto esaltante e allo stesso tempo istruttivo.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Fabrizio Modonese Palumbo – Doropea (Old Bycicle, 2015)

Torino difficilmente lascia indifferenti, ma come tutti i luoghi, per essere conosciuto, va vissuto e anche questo può non bastare.…

24 Jul 2015 Reviews

Read more

Acid Mothers Temple & Melting Paraiso UFO - Interstellar Guru…

Ma quant’è bello essere hippie? Insomma uno può prendere una di queste belle patatone anti-anoressiche in pieno stile Settanta, metterla…

15 Apr 2009 Reviews

Read more

Albireon - A Mirror For Ashen Ghosts Part Two (Toten…

“Raccontami una fiaba, in cui nessuno muore e mentimi se vuoi ma fallo con il cuore raccontami un dolore di vetro scheggiato giocattoli…

03 May 2022 Reviews

Read more

A Sphere Of Simple Green - With An Oblique Glance…

Gli A Sphere Of Simple Green sono un trio formato da Adriano Orrù al contrabbasso, Silvia Corda al piano preparato…

05 Feb 2018 Reviews

Read more

Lazarus - The Trickster (St. Ives, 2009)

Trevor Montgomery, fuoriuscito dai Tarentel alcuni anni fa, ha imboccato il sentiero già battuto da altri (Steve Von Till e…

20 Nov 2009 Reviews

Read more

Power – Turned On (In The Red, 2018)

Cercando dentro la pancia della In the Red non si resta quasi mai delusi, una volta inquadrato bene lo spirito…

23 Oct 2018 Reviews

Read more

Father Murphy - 19/12/08 Morya (Cellatica - BS)

Mancando pochi giorni al Natale sta a Father Murphy fare gli auguri di buone feste al pubblico intervenuto al Morya…

29 Dec 2008 Live

Read more

Sonic Youth - Simon Werner A Disparu (SYR, 2011)

Come abitudine da qualche anno a questa parte i Sonic Youth, parallelamente alla loro discografia diciamo "ufficiale" e su major,…

07 Apr 2011 Reviews

Read more

Henrik Munkeby Norstebo/Daniel Lercher - TH_X (Chmafu Nocords, 2014)

Cinque brani per trombone ed elettronica: descritto così brevemente questo TH_X di Henrik Munkeby Norstebo e Daniel Lercher può fare…

20 Jun 2014 Reviews

Read more

Empty Chalice – Emerging Is Submerging-The Evil (Industrial Ölocaust, 2017)

Empty Chalice, metà del duo italo-russo Gopota (la metà nostrana, per essere precisi), così si presenta sulla propria pagina Facebook:…

22 Sep 2017 Reviews

Read more

Crystal Plumage - Night Conference (Sincope, 2012)

Probabile omaggio a Dario Argento il nome di questo duo formato dal francese Benjamin L. Aman (Glue Pour, Lucie Huck…

27 Feb 2013 Reviews

Read more

Larva - Musica Per La Lumaca Più Triste (Noir/Void, 2006)

Scura ambient a base di drones chitarristici stratificati, con un tocco "industriale" sempre presente nelle composizioni: atmosfere tese, a volte…

30 Sep 2006 Reviews

Read more

Ufomammut & Lento - Supernaturals Record One (Supernaturalcat, 2007)

Ritornano carichi pesanti e carichi liquidi: una metafora da broker navale che ben sintetizza questo felicissimo connubio. E ancora una…

26 May 2007 Reviews

Read more

Elks - S/T (The Great Outdoors, 2008)

Dopo un mini tour di cinque date in terra d'Albione e uno split, i modenesi Three in One Gentleman…

06 Jan 2009 Reviews

Read more

Shelly Johnson Broke My Heart - Brighter (Stop!, 2011)

Caspita. La malinconia tutta all'improvviso. L'estate sta finendo dal punto di vista solare ed è finita per tutto il resto.…

20 Oct 2011 Reviews

Read more

Quitzow - Art College (Young Love, 2008)

C'è stato un periodo in cui l'indierock stava prendendo una piega strana, insperata all'epoca: nel sottobosco americano, con il miglioramento…

24 Jan 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top