Superportua – Resterai Sempre Uno (Shyrec/Soviet/Sisma Mvmnt, 2018)

Non si può non provare simpatia per i Superportua: raramente mi è capitato di sentire un gruppo che tirasse fuori con tanta cura e passione riferimenti così poco spendibili nell’attuale mercato discografico.  Il sestetto trevigiano, all’esordio sulla lunga distanza dopo un paio di EP, sembra cristallizzare il post-punk di casa nostra un attimo prima che i chitarroni arrivino a trasformarlo in quella porcheria di rockettoneitaliano che avrebbe dominato la scena a cavallo del ’90. Su questa base innestano – non sarà originale ma è molto ben fatto – dosi di autorialità ricercata ma non stucchevole: anche qua, ne converrete, siamo fuori da qualsiasi trend. Se i tesi fanno la parte del leone, affrontando l’amore anche nei suoi aspetti più scabrosi, la musica li supportata a dovere senza essere un semplice sfondo, con un basso che spiana la strada a tastiere e chitarre intente a disegnare linee nette ma mai troppo invadenti. In Resterai Sempre Uno, al netto di qualche traccia dimenticabile, troviamo almeno un terzetto di brani che esprime appieno le potenzialità del gruppo: Credervi Santi, giustamente pezzo apripista,e a sola mezza lunghezza il tribalismo urbano di A-Mantide e Permafrost, con il testo che trasforma l’amore in epica e il suono che ha il sapore da Litfiba pre-Desaparecido (influenza che echeggia spesso). Altrove ci sono spunti interessanti – Corposcoglio, L’ultimo Giorno (Di Un’Altra Vita), col violino di Nicola Manzan/Bologna Violenta che conferisce coloriture mediterranee o la ballata Luce, che mi ha ricordato gli ingiustamente dimenticati varesini Lo.Mo – ma manca un po’ la capacità di far uscire la parte più istintiva di sé, come se la registrazione avesse smussato gli spigoli, facendo perdere espressività al tutto: è un’impressione, ma dal vivo, senza la possibilità di indugiare troppo, queste canzoni dovrebbero trovare la perfetta quadratura. A un gruppo all’esordio si dice talvolta che c’è tanto lavoro da fare; i Superportua, che proprio esordienti non sono, devono solo farlo in modo un po’ diverso.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Gianluca Becuzzi / Fabio Orsi - Soundpostcards (Cold Current, 2008)

L'altro giorno ho fatto un discorso con il buon Ferraris sulla qualità di certa musica elettronica italiana rispetto a quella…

22 Feb 2009 Reviews

Read more

Sleepmakeswaves - ...And So We Destroyed Everything (Monotreme, 2013)

Questo è un album di debutto. Incredibile pensarlo tale, vista la maturità sonora che il quartetto di Sydney in questione…

09 Dec 2013 Reviews

Read more

Sator - S/T (Taxi Driver, 2015)

Cinque brani per l'esordio della band genovese più interessante nell'ambito della musica pesante: già dai primi concerti dal vivo il…

29 Jun 2015 Reviews

Read more

The Orange Man Theory - Giants, Demons And Flocks Of…

Indefessa e decisa la band romana The Orange Man Theory continua il proprio percorso interrotto con il precedente lavoro muovendosi…

07 Jan 2014 Reviews

Read more

Kitchen Door - Sodapop Edition n.5

Arriva la primavera, ma non è tutta rose e fiori. Abilmente occultata tra innocenti melodie e apparentemente inoffensive canzoni pop,…

28 Feb 2010 Podcasts

Read more

Owun - 2.5 (Atypeek Music/Reafførests, 2017)

Tornano gli Owun e continuano questa loro seconda vita iniziata qualche anno fa con il precedente Le Fantôme De Gustav,…

14 Feb 2018 Reviews

Read more

Lady Vallens – Phemur (Second Family, 2012)

Tornano i Lady Vallens, stavolta con un disco intero, dopo l'EP che recensimmo un paio di anni orsono. Se là…

25 Jan 2013 Reviews

Read more

Guano Padano - 25/2/11 Teatro Torresino (Padova)

Secondo appuntamento per la rassegna "Ostinati!" promossa dal Centro d'Arte degli studenti dell'Università di Padova e giunta ormai alla sua…

08 Mar 2011 Live

Read more

Daniele Santagiuliana – La Cupa (Looney-Tick, 2021)

Fra le tante identità che l’espressività di Daniele Santagiuliana assume o ha assunto (The Anguish, Anatomy, Kotha, Testing Vault, giusto…

20 Dec 2021 Reviews

Read more

Jason Noble Benefit Show – 06/02/10 Interzona (Verona)

Da quando a Jason Noble, polistrumentista in forze a gruppi quali Rodan, Rachel's e Shipping News è stato diagnosticato un…

15 Feb 2010 Live

Read more

Aedi - Ha Ta Ka Pa (Gusstaff, 2013)

Secondo lavoro fresco di stampa per i connazionali Aedi (forse plurale di Aedo? sapete...i cantanti-compositori greci...). Maceratesi di origine, con…

13 Mar 2013 Reviews

Read more

Julia Kent - Asperities (Leaf, 2015)

Julia Kent arriva al quarto disco solista e riesce a sorprendermi con Asperities, che per me è la sua uscita…

05 Jan 2016 Reviews

Read more

Moka - Hopi (Mokadelic Dream, 2006)

I romani Moka sono in giro dal 2000, dopo un EP, svariate compilation e un album, si fanno notare con…

12 May 2007 Reviews

Read more

Skull Defekts - Skull Defekts (Thrill Jockey, 2018)

Non saprei sinceramente rispondere alla domanda se questo sia o meno l’album più bello degli Skull Defekts e credo che…

07 Jun 2018 Reviews

Read more

Maurizio Bianchi + Ics - Vir-Uz (Farmacia901, 2012)

Nella discografia di Maurizio Bianchi del secondo periodo, quello del ritorno sulle scene dopo la conversione, il tema religioso è…

10 Apr 2012 Reviews

Read more

Il Cielo Di Bagdad - Manca Solo La Neve (Autoprodotto,…

Mi sa che c’ho una buona stella lassù che fa sì mi arrivino per posta dei demo che non mi…

20 Nov 2006 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top