STROMBOLI – Exiles (digital ep, Depths, 2021)

Facendo qualche calcolo sono più di 10 anni che in qualche modo ascolto le opere di Nico Pasquini, prima coi Buzz Aldrin e poi con il suo progetto personale, Stromboli. Quarta uscita con questo monicker per l’etichetta inglese Depths Records e, inutile girarci intorno, quarto centro. Nulla di epocale ma eleganza, cognizione, stile, personalità. Quasi una certezza sottotraccia, a testimoniare in questo caso dei rimandi ad un esilio che pare essere un’orbita solitaria e personale sulla luna, con un’assenza di luce ed un pulsare di fredda grigia materia. Il sound è granulare, caldo e vibrante, quasi come se fossimo dei piccoli insetti alle prese con degli enormi rumori che rilasciano onde che ci scuotono a terra. I ronzii, i feedback, le pulsazioni, i bassi. Tutto appare estremamente semplice e nitido, nucleare nella sua compattezza. Da Odd Scenario ad Unseen il suono ci avvolge, mentre è Sub Stasis a batterci, con sferzate cosmiche e sciabordii sintetici. La materia è pulsante ed impegnativa, ma mai ostica, calibrata in un equilibrio tra melodia e rumore praticamente perfetto. Ecco, forse non troviamo in Exiles una rivoluzione ma a chi importa? Agli altri? Alla società? L’esilio, sia esso scelto od imposto è una condizione che implica sempre e comunque una definizione di se stessi, del proprio ruolo e del proprio percorso. Questo è Stromboli, lo sono Alterations ed Escapology, vie di fuga attraverso materie di un’altra densità rispetto alla nostra. A volte si affonda, a volte si plana, seppur a medio regime mai ci si placa ma si sinsiste, scavando. Dentro Nico ribolle materiale lavico, che si indurisce a seconda dell’ambiente che ritrova. Siatene ricoperti, godetene, Non vi deluderà, ineluttabile. Potrei lanciarmi in iperboli come di un Paul Jebanasam folk o di una Eliane Radigue statica. Non lo farò, aspettatevi soltanto Nico Pasquini più solido che mai.

 

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Vonneumann - Switch Parmenide (Homemade Avantgarde, 2006)

Ci avviciniamo con colpevole ritardo a questo disco dei Vonneumann uscito ormai due anni fa, tanto che, da quanto apprendo…

16 Apr 2008 Reviews

Read more

Matteo Uggeri/Luca Mauri/Francesco Giannico – Pagetos (Boring Machines/Grey Sparkle, 2012)

A concludere la quadrilogia iniziata nel 2007 da Maurizio Bianchi e Matteo Uggeri e dedicata ad alcuni aspetti della natura…

20 Jul 2012 Reviews

Read more

Martyrdöd - Paranoia (Southern Lord, 2012)

Ultimamente pecco spesso di mancato tempismo: ascoltarmi questo "Paranoia", ultima fatica degli svedesi Martyrdöd, nel pieno di una estate infernale…

02 Oct 2012 Reviews

Read more

Andrew Quitter - Forgotten Farms (Diazepam, 2012)

Andrew Quitter pubblica un cassetta C30 per la Diazepam di Mauro Sciaccaluga (Ur, Shiver, Wailing Of The Winds) dal sapore…

11 Apr 2013 Reviews

Read more

Child Bite - Vision Crimes (Joyful Noise, 2013)

I Child Bite sono considerati la miglior band live di Detroit. In otto anni di carriera hanno cambiato diverse formazioni…

13 May 2013 Reviews

Read more

Interiors - Liquid (Minus Habens, 2014)

Sempre su un range ipersofisticato e moderno si muovono le ultime produzioni della Minus Habens che con Interiors propone letteralmente…

14 Jul 2014 Reviews

Read more

Viridanse - Gallipoli 1915 E Le Altre Storie (Silentes, 2012)

Non suona affatto bizzarro il recupero della discografia completa dei Viridanse, in un'epoca in cui il suono new wave è…

10 Jan 2013 Reviews

Read more

Arbdesastr - S/T (Marsiglia, 2007)

Segnali di gelo assoluto (C3), atmosfere placide, punteggiate da glockenspiel (Sky And Space You) aprono il nuovo mini album degli…

05 Jan 2008 Reviews

Read more

Guided By Voices - The Bears For Lunch (Fire, 2012)

Parlare del nuovo disco dei Guided By Voices vuole dire percorrere una strada insidiosa, infatti quando sto per scrivere da…

06 Feb 2013 Reviews

Read more

Le-Li - My Life On A Pear Tree (Unhip/Garrincha, 2010)

Parlavamo tempo fa di pop pandistelle, ed eccolo qua il regalo perfetto per Emiliano Zanotti, il debutto di Le-Li: qui…

24 Mar 2010 Reviews

Read more

Various Artists - Albascura: A Descent Into The Blasco Lungs…

Quando ho saputo di Albascura della Asbestos, non ho di certo accolto con entusiasmo la notizia. Certo l’etichetta ci ha…

07 Oct 2019 Reviews

Read more

Plakkaggio - Verso La Vetta (Time To Kill/Hellnation, 2022)

L'eterno ritorno. Chris Nunnos e Gabbath si riaffacciano con band rimaneggiata, ma sempre fedele al metallo più puro e classico.…

22 Mar 2022 Reviews

Read more

Labirinto – Anatema (Dissenso, 2010)

Dal Brasile, attivi dal 2003, questi Labirinto arrivano oggi (beh non proprio oggi, l’album è del 2010) a…

11 Mar 2011 Reviews

Read more

Spring Is Reverb – This Youth (Stone On Saturn, 2009)

E bravi questi Spring Is Reverb, fiorentini che si fanno produrre questo godibile mini d’esordio nientepopòdimeno che dal buon Magistrali:…

17 Sep 2010 Reviews

Read more

Ivan Iusco - Transients (Minus Habens, 2015)

Per l'ennesima volta collidiamo con i mille mondi del magmatico maitre della Minus Habens che, nuovamente, ci investe di visioni…

09 Dec 2015 Reviews

Read more

Mattia Coletti – The Land (Bloody Sound Fucktory/Town Tone/Wallace, 2011)

Verso l'opera di Mattia Coletti nutro sentimenti contrastanti: ho amato incondizionatamente ogni suo lavoro in duo, dai Polvere (con Xabier…

14 May 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top