St.Ride – Volume 2 (Niente, 2009)

Ritornano gli St.Ride con il "solito" ottimo disco… e me l'hanno dovuto dire che il cd era il loro, visto che dai cdr della Niente records non si capisce praticamente nulla e ok l' "arte", ok la provocazione, ok che se tutti i cd fossero bianchi e senza scritte un casino di giornalisti andrebbero in paranoia nel rischio di parlare male delle persone sbagliate, ok il d.i.y. con cui chiunque prende in mano il proprio destino (ma de, che ma dove!?), tutto quello che volete… ma l'unica cosa che mi ha fatto venire in mente la grafica di questo cd è che se lo specchio fosse stato vero l'avrei potuto passare a qualche vecchio amico che fa uso di "bianca signora".
Superato il disagio visuale c'è il disagio sonoro, ma quello è un piacere, infatti ci consegna una nuova evoluzione degli St.Ride in cui Maurizio Gusmerini ed Edo Grandi come sempre snocciolano tracce molto particolari e produzione ineccepibile. I suoni ottimi in un disco spesso aiutano, ma non bastano a farne un buon lavoro, il fatto è che i due genovesi sono partiti come duo quasi elettronico-sperimentale su Snowdonia, da una frammentazione stile Starfuckers si sono spostati a cose più morbide con Piume Che Cadono dove talvolta sembrano dei Mouse on Mars senza forma canzone in crisi epilettica (praticamente un capolavoro di frattaglie appena accennate fra idm-melodia-canzo…ancor oggi splendido), sono diventati più cerebrali e a loro modo elettroacustici nella fase su Setola di Maiale, ma a quanto pare stanno attraversando una nuova fase. "In tempi duri i duri incominciano a giocare", Grandi e Gusmerini non avendo mai smesso di giocare non hanno fatto altro se non indurirsi, con il primo risultato non così ovvio di aver prodotto un disco che fotografa degli St.ride noiseggianti e quasi industrial. A quanto pare hanno introdotto la chitarra e Grandi non ha fatto economia di saturazioni/distorsioni, nonostante ciò è tutto calibrato come sempre, ritroverete i loro caratteristici frammenti vocali, i soliti loop sghembi tagliati a colpi di mannaia, però compaiono più suoni che ricordano vagamente lamiere, filtri, rumore bianco di varia natura, tappeti e ripetizioni che vista la loro discografia precedente sono praticamente una novità. Se i liguri dei primi due album erano quasi melodici e persino memorizzabili (Piume che cadono), con questo nuovo disco sono ripiombati irrimediabilmente nel grigio. Cupo, epilettico, ruvido e vagamente ossessivo, gran bel disco.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Cezary Gapik - The Sum Of Disappearing Sounds (Karlrecords, 2012)

Immagino che molti di voi si lamentino della ripetitività dei dischi, del modo manicheo con cui gruppi o musicisti minori…

11 Oct 2012 Reviews

Read more

The Young Gods – 3/11/2018, Workout Pasubio (Parma)

Il Rumore Del Lutto, festival che indaga i confini fra vita e morte, è ormai un appuntamento fisso dell’autunno parmigiano,…

08 Nov 2018 Live

Read more

The Great Saunites – Nero (HYSM?/Neon Paralleli/Il Verso Del Cinghiale/Hypershape,…

L’opera al nero di The Great Saunites è un disco in tre atti che prosegue la cavalcata del duo lodigiano…

29 Aug 2016 Reviews

Read more

Kill Your Boyfriend - S/T (Shyrec, 2013)

Un side project. L'unione di un Wora Wora Washington e Kitsune, una drum machine e via verso spazi siderali e…

16 Jul 2013 Reviews

Read more

The Show Must Go Home

Uno dei problemi maggiori per un certo tipo di musica, chiamiamola genericamente "di ricerca", è certamente quello degli spazi: in…

12 Nov 2011 Articles

Read more

Kill Me Tomorrow / Dance Disaster Movement - Split CD…

Non credo di aver ben capito quello che sta succedendo. Il ballo spastico è diventato di moda? La presentazione mi…

16 Aug 2006 Reviews

Read more

AA.VV. - Bonus Tracks (Mondadori, 2007)

E che cosa c'è da dire? In realtà poco, dato che questa è un'operazione puzzolente tipo quelle delle riviste che…

10 Jun 2007 Reviews

Read more

The Machine – Redhead (Rekids, 2010)

Matt Edwards (già Radio Slave e Rekid – un album su Soul Jazz con questo secondo pseudonimo), esordisce con la…

21 Jan 2011 Reviews

Read more

Dialvogue (Andrea Bolzoni/Daniele Frati) – Improvising Dialogues (Setola Di Maiale,…

Un duo su Setola Di Maiale mi predispone sempre bene all'ascolto: di tutti i lavori pubblicati, le formazione a due…

26 Feb 2013 Reviews

Read more

Appliance - Re-Conditioned (RROOPP, 2010)

Etichetta interessante la RROOPP, si concentra su pochissime uscite, una all'anno e poi stampa un triplo cd di una formazione…

03 Nov 2010 Reviews

Read more

Black Engine - Ku Klux Klowns (Wallace, 2007)

Un basso limaccioso come il design di un Humvee, i loop di una risonanza magnetica, la chitarra di un Jeff…

29 May 2007 Reviews

Read more

VV. AA. - Eternallyt. The Corrugated Complication (Asbestos Digit, 2018)

Arrivano a cinquanta le uscite della Asbestos Digit e il risultato viene marcato con questa compilation a tiratura limitata e…

04 Aug 2018 Reviews

Read more

Nytt Land – 14/09/2019 VII Midgard Viking Folk Fest (Viadana…

Sono insolite connessioni culturali quelle che portano, in questa notte di luna piena e rossa, i siberiani Nytt Land (quattro…

17 Sep 2019 Live

Read more

Le Scimmie - Colostrum (Red Sound/Metaversus, 2016)

Trio che arriva da Vasto e senza indugio alcuno si lancia nella scrittura dell'inenarrabile. Doom dallo spazio profondo denso di…

16 Nov 2016 Reviews

Read more

Dead Boomers – Family Money (Sabbatical, 2010)

Ultimo disco della partita australiana in mio possesso, quello dei Dead Boomers era fra i più attesi dopo aver letto…

28 Jan 2011 Reviews

Read more

Plaisir - The Cosmic Key & The Comic Mood (Autoprodotto,…

Per coronare una settimana bruttina mi metto ad ascoltare gli ultimi demo-autoproduzioni che aspettano sulla pila degli arretrati: assicuro che…

25 Feb 2007 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top